Anteprima HTC One M9 Plus

Dopo HTC M9 arriva il momento della sua variante Plus, che aumenta la risoluzione dello schermo fino al QHD, formando forse il vero top di gamma HTC per il 2015.

anteprima HTC One M9 Plus
Articolo a cura di

Dopo la presentazione dell’ultimo top di gamma di casa HTC, il One M9, non sono mancate critiche al mancato utilizzo di un display 2K. Se da un lato le prestazioni ne gioveranno sicuramente, dall’altro questa scelta potrebbe portare qualche problema. Ad esempio, è lecito chiedersi se a livello di immagine, l’assenza di questa caratteristica, presente sui nuovi flagship della concorrenza, possa influire sulle vendite.
Ecco perché, fin da subito, hanno iniziato a circolare voci su una possibile variante con display più grande e di dimensioni maggiori. Non si tratta di un nuovo esponente della linea Max, che sembra ormai destinata all’oblio, ma del modello Plus, non ancora confermato ma oggetto di numerose voci nelle ultime settimane. Non sappiamo ancora se si tratta di un progetto reale, resta il fatto che tra presunte immagini del prodotto e mockup che spuntano come funghi su Twitter, l’hype è salito velocemente sul web. A mettere la parola fine ai dubbi ci ha pensato però HTC, che nelle ultime ore ha diffuso una foto teaser che ritrae uno smartphone dotato di doppia fotocamera posteriore, confermandone la presentazione per l’8 aprile.

Caratteristiche tecniche

Le informazioni sulle specifiche che elencheremo di seguito racchiudono tutto quello che è trapelato finora, ma resta il fatto che si tratta di semplici rumors, per cui vanno presi per quelli che sono. Partendo dal SoC, la presenza di una variante con CPU Mediatek sembra ormai certa, anche se per l’Europa e gli Stati Uniti potrebbe essere utilizzato lo Snapdragon 810. Tornando alla versione Mediatek, sembra sarà utilizzato il nuovo processore MT6795, che nelle intenzioni della stessa Mediatek dovrebbe rivaleggiare proprio con lo Snapdragon 810. Si tratta di un Octa Core formato da quattro Core Cortex A57 e quattro Core Cortex A53, proprio come nella soluzione Qualcomm, equipaggiato però con una GPU PowerVR G6200. Questa CPU supporta tranquillamente le risoluzioni 2K e gli schermi fino a 120Hz. Altra novità rispetto all’M9 standard dovrebbe essere il display, con risoluzione 2560x1440 pixel e una diagonale da 5.2” (565 PPI), solo 0,2” in più rispetto al fratello minore. La RAM a disposizione è di 3 Gb, con 32 Gb di storage interno espandibile tramite Micro SD.

Molto interessanti anche le novità in arrivo dalle fotocamere. Dall’immagine diffusa da HTC si nota infatti la presenza di una seconda fotocamera posteriore, come nell’M8. La Duo Camera ritorna quindi, ma pompata all’ennesima potenza, vista la presenza di un sensore principale da 21 MP, contro i 4 MP disponibili sull’M8, coadiuvata da un doppio flash LED. La batteria dovrebbe essere un modello da 2840 mAh, mentre per la connettività saranno presenti tutti gli standard attualmente disponibili, tra cui LTE, NFC e ovviamente il Bluetooth. Il sistema operativo è Android 5.0 Lollipop, personalizzato con l’interfaccia Sense 7, che porterà in dote un sistema di icone contestuali, basate sul luogo in cui si trova l’utilizzatore, e una nuova gestione dei temi, ora estremamente personalizzabili.
A grandi linee, queste dovrebbero essere le specifiche del nuovo smartphone che HTC ha in serbo, anche se per una conferma definitiva bisognerà aspettare l’8 aprile.

Design

Le immagini e i mockup che circolano in rete sembrano trovare parziale conferma dalla foto teaser diffusa da HTC, ma anche in questo ci riserviamo il beneficio del dubbio. Per quanto si è visto finora, le novità dovrebbero essere diverse, anche se alla fine il look di M9 è stato ripreso in pieno in questa variante. Ritroviamo infatti la stessa scocca metallica, gli angoli smussati e in generale tutte le caratteristiche tanto apprezzate dai fan dell’azienda di Taiwan. Sul retro del dispositivo campeggiano le due fotocamere posteriori, che rimandano ovviamente alla precedente generazione di prodotti realizzati da HTC. Le novità tuttavia non mancano anche nella parte anteriore del dispositivo. Fa la sua comparsa infatti un voluminoso tasto centrale fisico, una novità per questa linea di prodotti, che dai primi commenti sul web non sembra riscuotere il favore degli appassionati. In realtà, la scelta fatta lascia intendere che la sua presenza sia legata al lettore di impronte digitali, collocato proprio sotto di esso. Si tratta di una caratteristica presente in gran parte dei modelli di punta della concorrenza, per cui la sua eventuale implementazione non sarebbe di certo una sorpresa.
Anche la disposizione degli altoparlanti Boom Sound è cambiata: i due speaker sono infatti collocati ai lati del tasto fisico centrale, sfruttando al meglio lo spazio disponibile. L’ampia cornice superiore e inferiore è sempre presente, ma almeno ora è lì per uno scopo. Le misure del nuovo dispositivo dovrebbero essere di 150.9 mm di altezza per 72.5 mm di larghezza. Lo spessore si attesta invece sui 10.15 mm, che nell’insieme formano un dispositivo più grande dell’M9 base.

HTC One M9 Plus La sensazione che HTC non avesse finito con le presentazioni al Mobile World Congress era nell’aria, viste le voci su una possibile variante di dimensioni maggiori dell’M9. Voci che sembrano essere confermate dalla mole di informazioni già diffuse in rete ma soprattutto dall’immagine teaser pubblicata da HTC, che conferma l’esistenza di questa variante. Se le specifiche dovrebbero confermarsi queste, anche se i dubbi sul SoC utilizzato sono ancora molti, allora potremmo trovarci di fronte al vero top di gamma HTC per quest’anno. Le dimensioni del display però, di soli 0,2” più grande rispetto all’M9 standard, lasciano qualche dubbio. Il mercato ha già dimostrato di apprezzare soluzioni con schermi di dimensioni generose e il rischio, a questo punto, è che l’azienda di Taiwan si faccia concorrenza da sola, con un dispositivo forse più adatto ai trend del momento, grazie anche al display 2K. A questo punto, non resta che attendere l’8 aprile per capire quali saranno le novità, per fugare ogni dubbio sul nuovo modello in arrivo.