Anteprima I nuovi tablet Archos Magnus

La serie di tablet Magnus di Archos unisce caratteristiche tecniche medie a una capacità di storage elevatissima, che nel modello intermedio può arrivare fino a 384 Gb, grazie anche alla nuova tecnologia Fusion Storage.

anteprima I nuovi tablet Archos Magnus
Articolo a cura di

Il line-up Archos si è da poco arricchito con una nuova famiglia di tablet chiamata Magnus. Essa comprende tre diversi modelli, che si distinguono per l'elevata quantità di spazio dedicato allo storage interno. Questa caratteristica ci riporta ai primi tablet prodotti da questa società, che sono ricordati da molti proprio per il grande quantitativo di memoria interna; questo “ritorno alle origini” rappresenta una risposta alla richiesta di molti utenti, che necessitano di un grande quantitativo di spazio per salvare i propri dati, senza dover per forza ricorrere ad una scheda Micro SD. Tutti e tre i modelli saranno dotati di supporto alla connessione Bluetooth 4.0 e WiFi e di una porta mini HDMI, utile, ad esempio, per sfruttare il tablet come riproduttore multimediale; le configurazioni si baseranno tutte su Android 4.4 KitKat.
La gamma Magnus è compatibile con una nuova tecnologia ideata da Archos, Fusion Storage, che permette di unire memoria interna del device e MicroSD; ciò significa che sarà possibile trattare le due diverse memorie come un tutt'uno, avendo così più spazio per l'installazione delle applicazioni e per l'archiviazione.
101 Magnus e 94 Magnus potranno essere acquistati a partire dal mese di aprile, mentre il 101 Magnus Plus sarà disponibile più avanti, ma non sappiamo ancora esattamente quando.

ARCHOS 101 MAGNUS

Il più economico dei tre device è dotato di un display da 10.1 pollici con risoluzione pari a 1024x600 pixel e SoC MediaTek MT8127, formato da 4 core Cortex-A7 da 1.3 Ghz. La GPU è una Mali-450 MP4, mentre la RAM è di 1 Gb, con 64 GB di storage interno, espandibile fino a 128 GB tramite micro SD.
Il comparto fotografico comprende una camera posteriore da 2 megapixel e una frontale da 1 megapixel. Il dispositivo misura 262 x 156 millimetri, con uno spessore di 12 millimetri ed un peso di 550 grammi; sotto la scocca alloggia una batteria da 4000 mAh.
Il costo al lancio di 101 Magnus è di 179 euro.

ARCHOS 94 MAGNUS

La scheda tecnica di 94 Magnus presenta uno schermo IPS da 9.4 pollici di diagonale con risoluzione HD (1280x800 pixel) e un SoC Rockchip RK 3288, realizzato con 4 core Cortex-A17 da 1.8 Ghz. Il sistema comprende una GPU Mali-T764, 1.5 GB di memoria RAM e 256 GB di storage, espandibile tramite micro SD. La memoria complessiva potenziale ammonta a ben 384 GB, abbastanza anche per gli utenti più esigenti.
Posteriormente è installata una fotocamera da 5 megapixel, mentre frontalmente ne troviamo una VGA. Questo modello è equipaggiato con una batteria da 6400 mAh, che dovrebbe garantire una buona autonomia al terminale.
Le dimensioni del dispositivo sono di 240 x 10 x 172 millimetri ed il peso è pari a 570 grammi. Il tablet sarà acquistabile ad un prezzo di 299 euro.

ARCHOS 101 MAGNUS +

La configurazione più costosa comprende un display con diagonale da 10.1 pollici IPS con risoluzione Full HD e un SoC Rockchip RK 3288, un quad core Cortex-A17 da 1.8 Ghz. La GPU è una Mali-T764, mentre la RAM è di 2 GB, con 128 GB disponibili per l'archiviazione interna dei dati, espandibili con ulteriori 128 GB per mezzo di una scheda microSD.
101 Magnus+ è dotato di una fotocamera principale da 5 megapixel e di una secondaria da 2 megapixel, non male per un tablet. Per questo modello è stata scelta una batteria da 7000 mAh, che in combo con il processore dovrebbe dare una buona autonomia al device. Il prezzo di lancio fissato per questo asset è di 329 euro.

Archos La gamma Magnus di Archos sembra essere perfetta per coloro che necessitano di dispositivi con molta memoria interna. In aggiunta, la nuova tecnologia Fusion Storage permette di avere uno spazio di archiviazione davvero notevole per un tablet. Molti potranno considerare tali quantitativi eccessivi, ma vi sono utenti che desiderano avere tutti i contenuti multimediali sul proprio dispositivo, senza dover per forza avere una connessione a internet per accedere ai servizi cloud. Attendiamo perciò il lancio di questi curiosi tablet, per scoprire se saranno apprezzati o meno dal pubblico.