MWC 2016

Anteprima LG G5: il primo top di gamma modulare

LG ha presentato a Barcellona l’innovativo G5, con display Always-On e uno slot capace di trasformarlo in una vera macchina fotografica o in un player musicale, con DAC ad alte prestazioni.

anteprima LG G5: il primo top di gamma modulare
Articolo a cura di

Ancora prima del suo inizio ufficiale, dal Mobile World Congress di Barcellona arrivano due dei prodotti più attesi, il Samsung Galaxy S7 e il nuovo LG G5. Il nuovo flagship di LG si distingue nettamente dal modello dello scorso anno sotto molteplici punti di vista e si preannuncia come una delle novità più interessanti di tutta la manifestazione spagnola. Un prodotto espandibile grazie a due moduli che aggiungono interessanti funzionalità come una batteria aggiuntiva, tasti dedicati alle funzioni fotografiche o che incrementano le prestazioni audio.
Dopo i numerosi rumors possiamo finalmente analizzare tutte le caratteristiche ufficiali del nuovo LG G5, partendo dal suo aspetto esterno.

Design e architettura modulare

Con le prime immagini trapelate in rete nei giorni passati avevamo già intuito che il nuovo G5 sarebbe stato molto diverso dal modello dello scorso anno. Il top di gamma del 2016 di LG abbandona, infatti, la cover rimovibile in plastica o pelle e le forme squadrate, per passare ad una scocca con un design dalle forme tondeggianti con una struttura ora completamente in alluminio, disponibile nelle colorazioni Silver/Titan/Gold/Pink. I pulsanti per il volume hanno ora una disposizione più classica e sono posizionati sul lato sinistro. Le dimensioni del G5 sono di 149.4 x 73.9 x 7.7~8.6 mm, con un peso di 159 grammi.
Partendo dal posteriore si notano le prime grosse differenze, con la presenza del sensore per il riconoscimento delle impronte digitali che funziona anche da pulsante di accensione e la doppia fotocamera, che vedremo più avanti.
La parte inferiore è sicuramente la più interessante, questa infatti può essere completamente rimossa estraendo così anche la batteria. Una volta sganciata la batteria da questo "tappo" l'utente ha la possibilità di sostituirla con altri due moduli intercambiabili denominati CAM Plus ed Hi-Fi Plus. Come il modulo base, anche questi vanno poi ricollegati alla batteria e inseriti alla base dello smartphone, aggiungendo varie funzionalità. Il primo migliora le caratteristiche fotografiche del cellulare consentendo un miglior grip, anche con una sola mano, grazie ad un'evidente sporgenza sul lato posteriore che integra una batteria aggiuntiva da 1200 mAh. Inoltre troviamo un indicatore LED e vengono aggiunti diversi comandi fisici che consentono il controllo della fotocamera (accensione, scatto, registrazione) ed una pratica rotellina che permette la regolazione dello zoom. Il secondo modulo è dedicato agli appassionati di musica ed è sviluppato in collaborazione con B&O (Bang & Olufsen). Al suo interno è stato inserito un DAC (presente già nel precedente LG V10) a 32-bit e 384 KHz ed utilizzabile anche su altri smartphone o PC.
Ricordiamo che l'LG G5 offre anche il supporto all'aptX HD via Bluetooth, un codec audio evoluto a 24-bit, che garantisce un suono di elevata qualità su connessioni wireless e senza alcuna latenza.

Caratteristiche tecniche

Il nuovo LG G5 è un cellulare che non teme la concorrenza degli alti top di gamma 2016 grazie alla presenza del nuovo Snapdragon 820. Un SoC che garantisce prestazioni eccellenti e presente anche su una delle due varianti del Samsung Galaxy S7. All'interno di questo processore, Qualcomm ha utilizzato la nuova architettura proprietaria a 64 bit con core Kyro, realizzata attraverso un processo produttivo a 14 nm. Lo Snapdragon 820 è una soluzione quad-core con due unità a 2,15 GHz e due a 1,6 GHz, affiancate da una GPU di nuova generazione, l'Adreno 530. Rispetto al vecchio Snapdragon 810, le prestazioni dovrebbero praticamente raddoppiare con un miglioramento del 40% delle performance della GPU.
Il display, con vetro "3D Arc Glass" leggermente curvato nella parte superiore, è da 5.3 pollici con tecnologia IPS Quantum Quad HD (2560 x 1440 da 554ppi). Per la prima volta su uno smartphone con display IPS arriva la funzionalità Always-On che consente di visualizzare costantemente sullo schermo vari tipi di informazioni come ora, data e stato della batteria. Caratteristica che riduce di poco l'autonomia del dispositivo, solo lo 0.8% per ogni ora. Per diminuire il consumo energetico, LG ha modificato la retroilluminazione dello schermo che si attiva solo su un'area delimitata, come accade sui TV LCD.
A bordo dell'LG G5 troviamo anche 4 GB di RAM, affiancati da 32 GB di memoria interna espandibile via microSD, fino a 2 TB. La batteria removibile è da 2.800 mAh, con Quick Charge 3.0 e Low Power Location Estimation (LPLE). Questa soluzione, secondo le dichiarazioni di LG, dovrebbe migliorare del 42% l'efficienza della batteria in questo ambito, tenendo sotto controllo il consumo energetico degli applicativi location-based. Decisamente completa la connettività con Wi-Fi 802.11 a/b/g/n/ac, porta USB Type-C, NFC, Bluetooth 4.2 , porta infrarossi e supporto a reti cellulari LTE con velocità massima in download di 600 Mbps. Il sistema operativo è, ovviamente, Android 6.0.1 Marshmallow con la nuova interfaccia di LG priva di App drawer e multi-window.

Concludiamo con il comparto fotografico caratterizzato dalla presenza di due fotocamere posteriori, una dotata di un sensore standard da 16 megapixel e campo visivo da 78 gradi, e la seconda da 8 megapixel con un grandangolo da 135 gradi. Questa è in grado di offrire un angolo di ripresa circa 1,7 volte più ampio delle normali fotocamere per smartphone e maggiore di 15 gradi rispetto al campo visivo dell'occhio umano. La tecnologia consente di ottenere un'inquadratura particolarmente ampia, molto utile ad esempio per fotografare paesaggi, edifici molto alti o grandi gruppi di persone. Per gli amanti dei selfie, sul frontale troviamo, inoltre, una fotocamera da 8 Mpx. LG non ha fornito ancora informazioni riguardanti il prezzo del G5 , questo comunque dovrebbe arrivare sui vari mercati a partire dai primi giorni di aprile insieme ai moduli e ai vari accessori, mentre la disponibilità per il mercato italiano sarà confermata nelle prossime settimane.

LG Friends, gli accessori per il G5

Oltre al suo top di gamma, LG ha anche presentato a Barcellona degli accessori abbastanza particolari. Partiamo dalla 360 CAM, una piccola videocamera indipendente capace di riprendere video a 360 gradi grazie alle due fotocamere grandangolari da 13 megapixel. Al suo interno troviamo una batteria integrata da 1.200 mAh, 4 GB di memoria e tre microfoni con la possibilità di registrare in modalità surround 5.1. Prevista anche una modalità manuale e la possibilità di riprendere video in 2K.
Un altro accessorio davvero interessante è il 360 VR, un visore per la realtà virtuale che può essere connesso all'LG G5 grazie ad un cavo dedicato Usb Type-C ed in grado di simulare una TV da 130 pollici vista da 2 m di distanza. A differenza di altri prodotti, questo visore è dotato di propri display e non è, quindi, necessario inserire al suo interno lo smartphone. LG 360 VR è molto leggero, circa un terzo rispetto ad altri prodotti concorrenti, ed è ovviamente compatibile con la 360 CAM e con tutti i contenuti realizzati per Google Cardboard, funzionando esclusivamente con il G5.
LG ha continuato a stupire tutti con la presentazione del Rolling Bot, un piccolo robot dalla forma sferica capace di catturare immagini e video grazie ad una fotocamera da 8 MP. Questo può essere utilizzato come sistema di sicurezza in casa, come compagno di giochi per gli animali domestici o come sistema di controllo remoto per altre applicazioni di domotica.
Il colosso coreano ha anche pensato agli appassionati di droni, con la presentazione dello Smart Controller, un telecomando che consente di pilotare gli APR tramite il G5, visualizzando sul display lo streaming video ripreso dal drone.
Concludiamo con due accessori audio, le cuffie LG TONE Platinum, primo headset Bluetooth dotato di codec aptX HD, e gli auricolari H3 by B&O PLAY, perfetti per riprodurre il suono di alta qualità a 32 bit del modulo LG Hi-Fi Plus.

LG G5L’ecosistema del G5 è il risultato della domanda che si sono posti molti esperti in LG: è ancora possibile essere innovativi, unici e rivoluzionari nel mercato degli smartphone? Io penso che una volta che i nostri utenti trascorreranno un po' di tempo con l’LG G5, la loro risposta sarà un chiaro, forte e convinto si.” ha affermato Juno Cho, Presidente e CEO di LG Electronics Mobile Communications Company. Non possiamo che condividere le parole del Presidente di LG. Il G5 è, infatti, un prodotto che sorprende per le sue numerose innovazioni e che si distingue nettamente dal suo predecessore. Uno smartphone che vanta, inoltre, prestazioni eccezionali, raggiungendo un punteggio di 133000 punti nel benchmark di Antutu. Non dimentichiamo, infine, la sua architettura modulare che consente di personalizzarlo secondo le singole esigenze dell’utente, sperando anche nell’arrivo di ulteriori moduli nel prossimo futuro.