Anteprima Meizu M2 Note

Lo smartphone low cost di Meizu sta per essere lanciato ufficialmente in Cina, a un prezzo partire da 129$, offrendo un display Full HD da 5.5", 2 GB di RAM e SoC Mediatek Octa Core.

anteprima Meizu M2 Note
Articolo a cura di

Il fenomeno dei produttori asiatici di smartphone è in continua espansione. A Huawei e Xiaomi, che possiamo a tutti gli effetti etichettare come le società pioniere di questo trend, col passare dei mesi si sono aggiunti altri attori del mercato cinese, che si stanno ritagliando un ruolo molto importante, sia a livello locale che all'estero. Tra questi c'è anche Meizu, un marchio sempre più noto anche in Europa, grazie soprattutto agli smartphone della gamma MX, a cui ha si è poi aggiunta anche la linea M.
Il dispositivo di cui andremo a parlare oggi è l'M2 Note, un phablet con caratteristiche davvero molto interessanti, che soddisferà le esigenze della maggior parte degli utenti, nonostante il prezzo accessibile. A conferma di tale tesi, qualche giorno fa è arrivata la notizia che il dispositivo ha toccato quota dieci milioni di prenotazioni, che certificano come l'interesse intorno al cellulare sia importante. Vale la pena però ricordare che le prenotazioni sono intese dai marchi asiatici non come un obbligo d'acquisto, ma come un interesse nei confronti del prodotto, quindi il numero reale di acquirenti è tutto da scoprire.

Specifiche tecniche

Meizu M2 Note include uno schermo da 5,5 pollici Full HD, con una densità di 403 pixel per pollice. Lo schermo così grande incide ovviamente anche sulle dimensioni complessive del cellulare, che misura 150.9 x 75.2 x 8.7 mm e pesa 149 grammi.
Sotto l'involucro in policarbonato troviamo un chip Mediatek MT6753 octa-core da 1,3 Ghz, basato sull'architettura Cortex-A53, accompagnato dal chip grafico Mali-T720 per l'elaborazione delle immagini, e ben 2 gigabyte di RAM.
Un comparto che merita una menzione particolare è quello fotografico, i due sensori infatti sono davvero degni di nota e rendono il cellulare molto competitivo su questo fronte. Quello posteriore è da 13 megapixel, con autofocus e flash dual-LED (dual tone), con supporto per le foto in HDR e panoramiche e per i video a 2160p e 1080p con framerate di 30 fps. Buona anche la fotocamera frontale, da 5 megapixel ed in grado di girare video a 1080p.
La memoria interna, da 16 o 32 gigabyte (a seconda della versione che si sceglie) può essere espansa tramite microSD fino a 128 gigabyte. Completa la connettività: oltre ai modem GSM, HSPA ed LTE, include anche il chip Wi-Fi 802.11 a/b/g/n, il Bluetooth 4.0, il GPS e la microUSB 2.0, mentre è assente la radio. La batteria, non rimovibile, è da 3100 mAh, un amperaggio adeguato alle dimensioni dello schermo e al processore, anche se tutto dipenderà dall'ottimizzazione software.
A proposito di software, a bordo troviamo Android 5.0, accompagnato dall'interfaccia Flyme 4.5.

Design

I dubbi maggiori sull'M2 Note provengono dal design. Il cellulare, nonostante sia comunque molto interessante, non offre un impatto visivo in grado di rendergli giustizia, ed è questo uno degli aspetti maggiori su cui devono lavorare i produttori di cellulari cinesi emergenti, visto che al giorno d'oggi gli smartphone non sono più visti come dei semplici dispositivi per comunicare, ma anche come oggetti di design. I bordi arrotondati nella parte posteriore, inoltre, fanno sorgere non pochi dubbi sul grip, che potrebbe costringere gli utenti ad adottare una cover in silicone per evitare che il telefono sfugga dalle mani. I colori (grigio, bianco, blu, rosa) sono carini, ma si sente la mancanza di una tinta scura, che resta sempre la preferita dagli utenti per quanto riguarda i cellulari.
Menzione a parte meritano i tasti: quelli di accensione e del volume sono nella parte sinistra, e si tratta di una pratica comune in Cina. Strana l'idea di includere un pulsante fisico centrale, una scelta che va controcorrente rispetto agli altri produttori, che stanno cercando di rimuovere quanto più possibile i pulsanti per recuperare spazio.

Meizu M2 Note Il Meizu M2 Note è un phablet molto interessante a livello hardware e software, ma il suo tallone d'Achille è dato principalmente dal design, che fa segnare un passo indietro importante rispetto alla concorrenza (Xiaomi in primis). Il costo, di 129 Dollari per la versione da 16 gigabyte e 161 Dollari per quella da 32 gigabyte, però, giustifica ampiamente questi piccoli difetti. In definitiva, gli utenti hanno l'opportunità di portare a casa un ottimo dispositivo di fascia media ad un prezzo estremamente attraente, due fattori che segneranno certamente, in positivo, il futuro di questo M2 Note.