CES 2016

Anteprima MSI GT72S Tobii: l'eye tracking entra nel mondo del gaming

Il notebook da gioco MSI GT72S Tobii sfrutta una particolare tecnologia che permette di rilevare il movimento degli occhi, fornendo nuove possibilità di controllo durante il gaming.

anteprima MSI GT72S Tobii: l'eye tracking entra nel mondo del gaming
Articolo a cura di

Apparso per la prima volta l'anno scorso al Computex di Taipei, il nuovo notebook gaming realizzato da MSI si avvicina finalmente ad una release ufficiale. L'MSI GT72S Tobii è stato infatti uno dei protagonisti dell'edizione del Consumer Electronics Show svoltasi nei giorni scorsi a Las Vegas. In arrivo sul mercato alla fine del mese, il portatile è balzato agli onori della cronaca grazie all'interessantissima ed innovativa tecnologia integrata all'interno del dispositivo. L'azienda taiwanese ha infatti deciso di puntare su un nuovo particolare sistema di input, basato sul movimento degli occhi dell'utente.
Tale particolare funzionalità è stata sviluppata dalla compagnia svedese Tobii, leader indiscusso a livello mondiale nel campo della tecnologia di eye-tracking. Già in passato sistemi simili erano stati mostrati al pubblico, device spesso molto costosi, non propriamente riusciti o malamente implementati. Al CES 2016 l'azienda scandinava ha mostrato di essere davvero all'avanguardia nello sviluppo di tale tecnologia, proponendo un sistema ben realizzato, funzionale e finalmente alla portata dell'utente comune. MSI GT72S Tobii nasce proprio dal desiderio di esibire al pubblico le potenzialità dell'eye-tracking anche negli ambiti più inaspettati.

Un nuovo sistema di input

Quello creato dalla collaborazione delle due società è il primo notebook ad integrare la tecnologia di Tobii senza bisogno di hardware secondario. Il tracciamento del movimento oculare avviene grazie alla presenza di tre sensori ad infrarossi posti sotto lo schermo del portatile, che lavorano in sinergia con la cam frontale. Il tutto sembra funzionare particolarmente bene, con l'utente che riesce, in breve tempo, a sfruttare in maniera fluida e naturale i proprio occhi per compiti prima ad esclusiva competenza di mouse e tastiera. È possibile, ad esempio, concentrare lo sguardo su un link o una scheda, ed aprirla con un semplice click su touchpad. Anche l'autenticazione di Windows Hello migliora grazie alla scansione dell'iride, aumentando in maniera notevole la velocità di accesso al sistema. L'MSI GT72S Tobii è però un portatile appositamente dedicato al gaming, per cui questa innovativa tecnologia sarà sfruttata in primis proprio all'interno dei videogiochi. I movimenti degli occhi diventeranno un vero e proprio controller durante il gioco: è possibile controllare la telecamera in-game semplicemente utilizzando lo sguardo, mentre il mouse viene lasciato libero per compiere altre azioni. L'eye-tracking è al momento compatibile con un numero esiguo di titoli: Assassin's Creed Rogue, Arma 3, Flight Simulator e Euro Truck Simulator 2. Altri giochi dovrebbero supportare la funzionalità in seguito: si parla già di DayZ e del simulatore spaziale Elite: Dangerous, oltre all'attesa tripla A di Ubisoft, Tom Clancy's The Division, che sarà addirittura venduto in bundle con il portatile di MSI.
Se escludiamo l'incredibile tecnologia di tracciamento sviluppata da Tobii, il nuovo MSI non presenta un eccessivo rinnovamento rispetto al precedente prodotto del colosso asiatico, il notebook GT72S Dominator Pro G. Abbiamo infatti un portatile con un design praticamente inalterato, con una scocca curata di colore nero e rifiniture rosse, e un hardware quasi totalmente ripreso dal vecchio modello. Confermato il processore di sesta generazione Intel Core i7-6820HK, con clock che raggiunge i 3,9 GHz, al quale si accompagnano ben 32 GB di memoria DDR4 a 2133 MHz, un SDD da 256 GB ed un hard disk da 1 TB per il salvataggio dei dati. Ritroviamo anche il medesimo schermo, con un pannello LCD da 17,3 pollici a risoluzione FullHD e supporto per la tecnologia NVIDIA G-Sync. Non dovrebbe cambiare neanche la GPU, una NVIDIA GeForce GTX 980, sebbene in rete si parli, crediamo erroneamente, anche della meno potente GTX 980M. La scheda, basata sul chip GM204, presenta 2048 CUDA Cores, clock della GPU a 1126 MHz, e ben 8GB di memoria GDDR5 a 7 GHz. Non mancano infine un buon quantitativo di porte e connessioni, oltre ad un'ottima tastiera SteelSeries integrata, con una completa retroilluminazione LED RGB. Abbiamo tra le mani un portatile sicuramente molto potente, un device che permette di giocare con dettagli alti a praticamente tutti i titoli attualmente sul mercato, potendo toccare, in alcuni casi, anche i 4K con un framerate accettabile.
Il notebook gaming MSI GT72S Tobii sembra avere tutte le carte in regola per attrarre l'interesse dei consumatori. Basterebbero infatti la scocca, dal design decisamente curato, e le ottime specifiche tecniche, per far giudicare positivamente il nuovo portatile della società taiwanese. L'aggiunta del sistema di eye-tracking potrebbe davvero essere la punta di diamante in grado di far eccellere il device sopra l'affollata concorrenza. Le possibilità concesse dalla nuova tecnologia sono numerose ed alcune di queste potrebbero davvero velocizzare e migliorare l'esperienza utente durante l'utilizzo di Windows. Ci sorgono più dubbi, invece, sull'effettiva fruibilità del sistema come sistema di puntamento all'interno di un videogioco. In tanti in passato hanno provato a cambiare le abitudini dei gamers, con nuove periferiche, sensori di movimento, realtà aumentata, ma controller, mouse e tastiera non hanno ancora trovato rivali degni di nota.

L'eye-tracking offerto da Tobii, e presente nel nuovo laptop di MSI, non vuole però sostituire completamente un sistema di input preesistente, bensì rendere l'esperienza più dinamica ed accattivante, offrendo all'utente un maggior controllo ed immedesimazione nella scena.
MSI GT72S Tobii arriverà sul mercato alla fine del mese, ad un costo che non è stato ancora confermato dall'azienda. Ci aspettiamo sicuramente un prezzo di listino molto molto alto, probabilmente oltre i 2500 euro, considerando le ottime caratteristiche tecniche della macchina e l'implementazione di una tecnologia pressoché inedita sul mercato. Un valore giustificato? Difficile poterlo dire al momento. Abbiamo di fronte un notebook senza precedenti e l'esclusività non è mai stata a buon mercato, ma se effettivamente si dimostrerà un prodotto azzeccato lo vedremo solo nei prossimi mesi, quando sarà chiaro a tutti se l'eye-tracking sarà solo una costosa moda passeggera o qualcosa di più.

CES 2016
1 Speciale Tech Asus
Asus