Anteprima Samsung Galaxy Note 5: caratteristiche ufficiali

Il nuovo Note arriverà a breve negli Stati Uniti, mentre per l'Europa e l'Italia ancora non si hanno notizie. Nel frattempo, vediamo le novità introdotte nel nuovo modello, dotato di un design ancora più ricercato.

anteprima Samsung Galaxy Note 5: caratteristiche ufficiali
Articolo a cura di

La linea Note rappresenta da sempre il fiore all'occhiello di Samsung. Vuoi per la presenza dell'S-Pen, vuoi per l'autonomia e lo schermo di grandi dimensioni, scegliere un Note è quasi sempre una sicurezza. La quarta iterazione di questa storica gamma ha visto un deciso rinnovamento nel look, che prosegue anche in questa nuova variante, mentre l'hardware rappresenta ancora oggi una valida alternativa ai modelli più recenti, Note 5 compreso. Alcuni problemi a livello software però ne hanno impedito la definitiva consacrazione, per cui la speranza è che il SoC Exynos 7420 e la leggerezza vista nei Galaxy S6 venga riproposta anche nella quinta incarnazione di questa storica gamma. Non avendo potuto provare il Galaxy Note 5 dal vivo, ci limiteremo ad analizzare quanto mostrato da Samsung durante l'evento Unpacked 2015, con la speranza che questa volta anche il lato software sia stato ottimizzato a dovere.

Dannatamente bello

In un primo momento sembrava che Samsung avesse deciso adottare il nuovo SoC Exynos 7422 sul Note 5, che ricordiamo sarà il primo ad integrare in un unico chip il processore, la GPU, la RAM, la ROM e la connettività Wi-Fi, 3G e Bluetooth. Alla fine però la scelta è ricaduta sull'Exynos 7420: in fondo, è pur sempre la soluzione più potente attualmente disponibile, per cui non si tratta certo di un problema. Come nel caso del Galaxy Edge+, lo schermo ha una risoluzione QHD, con una dimensione maggiore però, di 5.7". Non è solo la risoluzione dello schermo ad essere condivisa tra i due dispositivi, visto che il Note 5 integra 4 GB di RAM LPDDR4 e memorie interne che vanno dai 32 ai 64 GB. Niente slot Micro SD, un vero peccato, soprattutto per un terminale come il Note, amato per la sua versatilità, che ora avrà maggiori difficoltà a gestire file di grandi dimensioni. Le fotocamere installate riprendono quelle viste del Plus, con un sensore da 16 Megapixel sul posteriore e da 5 Megapixel sull'anteriore. Il primo è dotato dello stabilizzatore di immagini migliorato VDIS, che consente riprese più ferme rispetto al passato. La batteria installata è un modello da 3000 mAh e la connettività appare completa, grazie alla presenza del Wi-Fi b/g/n/ac e dell'LTE CAT.9.
Le differenze si fanno evidenti invece sul versante del design, con il Note 5 che presenta una parte frontale in linea con i precedenti modelli, ma elimina la possibilità dei aprire la backcover posteriore. Questo ha permesso di utilizzare materiali di pregio per la sua realizzazione, che fanno finalmente dimenticare gli esperimenti poco riusciti degli anni passati. Il vetro curvo su entrambi i lati fa assomigliare il Note 5 a un Galaxy Edge ribaltato, ma bisogna dire che il risultato finale è davvero apprezzabile.

Il nuovo design della penna garantisce una maggiore maneggevolezza, unita a linee ancora più curate. Interessante la possibilità di prendere appunti con lo schermo spento, una funzione utile per scrivere note al volo, ma anche l'Air Command visto nei modelli precedenti è stato rivisto, anche se per maggiori dettagli bisognerà attendere di provare con mano il dispositivo.
La disponibilità del prodotto è prevista per il 21 agosto negli Stati Uniti e in Canada. Come per il Galaxy S6 Edge+, non si hanno ancora notizie sulle date per l'Europa, meglio dunque attendere comunicazioni ufficiali da parte di Samsung.

Samsung Galaxy Note 5 Il nuovo Note 5 porta quanto di buono visto sul Galaxy S6 nella storica linea di phablet. L'innovazione è un'altra cosa, questo è chiaro, ma si tratta pur sempre di un passo in avanti rispetto al precedente modello, soprattutto grazie al SoC Exynos 7420, che ha fatto vedere grandi cose nei modelli che lo utilizzano. Passo in avanti fatto anche dal punto di vista del design, che mostra ora un terminale dall'aspetto davvero premium, grazie al vetro curvo posteriore. Purtroppo, manca lo slot Micro SD, una caratteristica che siamo sicuri mancherà a tutti gli amanti della gamma Note, ponendo qualche dubbio sull'effettivo utilizzo di questo terminale in ambito lavorativo.