CES 2016

Anteprima Samsung Galaxy TabPro S

Samsung cerca di insinuare Apple nel segmento dei tablet di grandi dimensioni con il Galaxy TabPro S, un dispositivo dotato di Windows 10, CPU Intel Skylake e display da 12" Super AMOLED.

anteprima Samsung Galaxy TabPro S
Articolo a cura di

Il mercato dei tablet sta subendo profondi cambiamenti e dopo l'iniziale picco di vendite sta affrontando una crisi dovuta a fattori diversi, sempre legati all'ambito tecnologico. Da una parte ci sono gli smartphone, che gli utenti preferiscono sempre più grandi e che stanno rendendo quasi superfluo l'acquisto di un tablet. Dall'altro lato ci sono i cosiddetti ibridi, ossia una via di mezzo tra tablet e PC, che consentono agli utenti, in un colpo solo, di avere terminali dotati di portabilità e potenza senza compromessi. Microsoft ha inaugurato questo tipo di mercato con la linea Surface, ma negli ultimi mesi c'è stato un proliferare di prodotti molto validi anche di altri grandi marchi, come Apple con l'iPad Pro e Samsung con il Galaxy TabPro S da 12 pollici. I due colossi sono spesso in competizione tra di loro e anche questa volta sembra che lo scontro sia inevitabile. Tuttavia c'è una differenza sostanziale tra l'iPad Pro e il Galaxy TabPro S. Il primo propende maggiormente verso il mondo dei tablet, a causa della presenza del sistema operativo iOS. Molti hanno criticato questa scelta di Apple, sostenendo che si tratta solo di un iPad gigante e più potente che non permette di fare nulla di nuovo rispetto a quanto offre l'iPad Air 2. Samsung invece, ha optato per un sistema operativo desktop vero e proprio, ossia Windows 10, piuttosto che per Android, come ha sempre fatto con la linea Galaxy. Al CES 2016 di Las Vegas il colosso asiatico ha dimostrato che con il Galaxy TabPro S l'esperienza utente è molto più vicina ai PC e che il proprio prodotto rappresenta un'alternativa ai più quotati Surface della stessa Microsoft.

Design e specifiche tecniche

A differenza dei più recenti prodotti mobili Samsung, il Galaxy TabPro S torna ad avere una back cover in plastica, sebbene contorniata elegantemente da un frame metallico. Questa scelta non sembra essere un problema, visto che le prime impressioni di chi ha potuto provarlo alla fiera di Las Vegas parlano di un prodotto solido e resistente, ma anche leggero e ridottissimo nello spessore (693 grammi per 6.6 millimetri), caratteristiche che lo rendono estremamente portatile. Samsung ha deciso di inserire all'interno della confezione di vendita una custodia con tastiera integrata (dotata anche di touch pad), un accessorio che tramite agganci magnetici, posti nella parte centrale di una delle cornici laterali, si fissa solidamente al TabPro S e ne diventa parte integrante, permettendone anche due posizioni d'utilizzo, una ideale per il lavoro, l'altra per i momenti di relax su una sedia o un divano. Molto interessante la presenza di un'antenna NFC integrata che consente alcuni automatismi di connessione tra il tablet e gli smartphone della linea Galaxy S6 e successivi, come ad esempio la condivisione della linea internet del telefono in modo automatico e senza digitare alcuna password o lo sblocco del TabPro S via sensore di impronte digitali presente sullo smartphone.
Gli utenti apprezzeranno non poco quest'aggiunta, visto che la concorrenza fa pagare a peso d'oro questo tipo di accessori. Assente dalla confezione di vendita è il pennino Bluetooth, che sarà da acquistare a parte, come su iPad Pro.
Rimanendo fedele alla tecnologia Super AMOLED, Samsung ha optato per il TabPro S per un display da 12 pollici con risoluzione pari a 2160 x 1440 pixel. Una sicurezza in termini di livelli di nero e riflessi luminosi, mentre rimane da valutare il livello di naturalezza dei colori. Sotto alla scocca troviamo un chip Intel Core M3 di sesta generazione (Skylake) a 2.2 GHz, particolarmente parco in termini di dispendio energetico, ma buono per portare a termine la maggior parte delle attività on-the-go per cui il tablet 2 in 1 di Samsung è stato pensato, soprattutto se a coadiuvare il processore ci sono 4 GB di RAM e 128 o 256 GB di memoria SSD, come in questo caso.

Sebbene di minore importanza in un dispositivo del genere, gli ingegneri asiatici hanno deciso di inserire nel pacchetto anche un comparto fotografico completo, con sensore posteriore e anteriore identici da 5 megapixel. La batteria integrata è da 5200 mAh ed è in grado di alimentare il TabPro S per oltre 10 ore. Rapida la ricarica tramite connettore USB Type C, che avviene in sole due ore e mezza. La porta USB Type C appena accennata è la sola interfaccia, insieme all'onnipresente minijack delle cuffie, ad apparire sulla scocca. Quanto fatto da Apple con il MacBook da 12 pollici sembra ormai aver preso piede in prodotti di questo genere. Il Samsung Galaxy TabPro S sarà in vendita a partire da febbraio (marzo in Italia) nelle varianti Wi-Fi o LTE da 128 e 256 GB. I coreani non hanno rilasciato dichiarazioni ufficiali per quel che riguarda il costo finale ma le prime indiscrezioni sostengono che arriverà in Europa a non meno di 999 euro.
Samsung porterà sul mercato un prodotto molto promettente e che, viste le caratteristiche, potrebbe non essere una meteora nel suo catalogo. Leggero e sottile, il Galaxy Tab ProS è un laptop perfetto per gli utenti business, soprattutto per sessioni di lavoro in viaggio, che utilizzano già smartphone della linea Galaxy S.

Altri contenuti per Samsung Galaxy TabPro S

CES 2016
1 Speciale Tech Asus
Asus