Anteprima Xiaomi Mi Box presentato ufficialmente al Google I/O

Xiaomi presenta al Google I/O 2016 un box TV prodotto per il mercato statunitense, che potrebbe arrivare anche in Europa in futuro, per un dispositivo votato alla riproduzione video.

anteprima Xiaomi Mi Box presentato ufficialmente al Google I/O
Articolo a cura di

Al Google I/O è tempo di annunci, annunci che fino a questo momento hanno riguardato più che altro i servizi piuttosto che veri e propri nuovi prodotti. Se si esclude Google Home e il nuovo controller per la realtà virtuale visti ieri durante il keynote di apertura, non ci sono novità di rilievo nel parco hardware di Big G. L'assenza di nuovi device era ampiamente preannunciata, ma alla fine una piccola sorpresa è comunque arrivata, ed è stata Xiaomi a presentarla, con il suo set-top-box Mi Box, un dispositivo molto simile al Nexus Player e ad altri prodotti della casa cinese già in commercio in terra natia. Questa volta però, l'azienda asiatica ha deciso di realizzare un prodotto per il mercato americano, che a quanto pare rimarrà un'esclusiva per il Nord America, almeno in un primo momento. Non si tratta purtroppo di un device di fascia alta, viste le specifiche, anche se Android TV dovrebbe funzionare piuttosto bene, soprattutto nella riproduzione video, che poi è la vera ragion d'essere di questo media player.

Caratteristiche tecniche

Non è la prima volta che Xiaomi si cimenta nella realizzazione di un Box TV, tant'è che in Cina sono disponibili diversi modelli già da tempo. L'arrivo ufficiale negli Stati Uniti tuttavia certifica in modo ancora più netto la voglia dell'azienda di uscire fuori dai propri confini, cercando di incrementare la sua presenza all'interno nel mercato americano.
Tornando al Mi Box, la versione che arriverà negli Stati Uniti è basata sull'ultima release di Android TV, offrendo quindi la modalità Picture in Picture, la registrazione live e la piena compatibilità con i video HDR a risoluzione 4K. Sempre a proposito dei video, questi sono supportati fino al 4K a 60 fps, offrendo quindi la piena compatibilità con il codec HEVC, oltre che per i formati audio Dolby Digital Plus e DTS fino a 7.1 canali. In apertura di questo articolo abbiamo detto che il dispositivo sembra perfetto per la riproduzione video, anche se le specifiche non sono di alto livello, particolare che potrebbe farsi sentire se si vuole utilizzare il box anche per il gaming. Troviamo infatti una non specificata CPU Quad Core Cortex A53, dotata di una GPU Mali 450 e di 2 GB di RAM. Lo storage interno è molto limitato, solo 8 GB, anche se grazie a dischi esterni USB questa può essere espansa senza problemi. Mi Box inoltre non è stato creato per contenere al suo interno decine di gigabyte di video, quanto più per lo streaming, che dovrebbe essere gestito piuttosto bene. Le connessioni comprendono una porta HDMI 2.0a e una USB, mentre la rete è affidata al Wi-Fi ac. Le specifiche complete non sono ancora state diffuse per cui potrebbero esserci ulteriori novità nelle prossime ore. Ricordiamo inoltre che Xiaomi ha già annunciato un controller per il gioco Bluetooth compatibile con il box, venduto però separatamente.

Xiaomi Mi Box Xiaomi continua la sua espansione al di fuori dei confini cinesi, e lo fa con un partner d’eccezione, Google, al suo evento più importante dell’anno. Il Mi Box non è un dispositivo rivoluzionario, questo deve essere chiaro, e il suo annuncio di oggi è legato principalmente alla presenza al suo interno dell’ultima versione di Android TV. Molto più interessante sarà conoscere il costo del prodotto, per vedere se Xiaomi proseguirà la sua politica di prezzi anche al di fuori del territorio cinese. Nello specifico del dispositivo, siamo fiduciosi sul fatto che possa essere un ottimo player video, ma l’hardware utilizzato difficilmente permetterà un gaming di buon livello.