MWC 2015

Anteprima ZTE Grand S3 Sky Eye

Il primo smartphone dell'azienda cinese dotato di scanner per l'iride integrato.

anteprima ZTE Grand S3 Sky Eye
Articolo a cura di

ZTE ha ufficialmente annunciato l'arrivo di Grand S3 Sky Eye, un nuovo smartphone di fascia alta, che ha attirato su di sé l'attenzione non tanto per l'hardware (che può considerarsi superato), ma per l'integrazione della scansione dell'iride come riconoscimento dell'utente.
Attualmente lo smartphone è già in vendita in Cina ad un costo di 2999 Yuan (che corrispondono a circa 430 euro), al momento non ci sono informazioni a proposito della sua commercializzazione a livello internazionale.

Caratteristiche tecniche

Lo smartphone presenta uno schermo da 5.5 pollici con risoluzione Full HD (1920x1080), processore Snapdragon 801 con clock di 2.5 Ghz, chip grafico Adreno 330, 3 GB di memoria RAM e 16 Gb di ROM, espandibili tramite microSD, a disposizione per l'archiviazione interna dei dati.
Il lato multimediale è davvero ottimo, infatti posteriormente possiamo trovare una fotocamera da 16 megapixel, dotata di Flash LED dual tone, anteriormente è invece presente un sensore da ben 8 megapixel; passando all'audio, questo smartphone permette all'utente di godere di una buona esperienza uditiva, grazie all'audio Dolby.
Sul versante della connettività, il device integra il supporto LTE, Wi-Fi b/g/n/ac, Bluetooth 4.0, GPS, vano Dual Nano SIM e porta Micro USB. ZTE Grand S3 è equipaggiato con una batteria da 3100 mAh, che dovrebbe essere in grado di sostenere l'intero asset in modo adeguato.

EYEVERIFY

È davvero curioso osservare come, in ambito tecnico-scientifico, nel corso degli anni siano stati compiuti progressi tali da vedere concretizzarsi tecnologie che un tempo erano ritenute fantascientifiche; è il caso dei telefoni cellulari, degli schermi multitouch, del sistema di riconoscimento delle impronte digitali. Proprio a proposito di sistemi di sicurezza e privacy, vi sono delle novità in questo nuovo smartphone: grazie alla collaborazione con EyeVerify, ZTE è riuscita a montare sul Grand S3 Sky Eye l'Eyeprint ID, che è in grado di eseguire la scansione dell'iride di entrambi gli occhi (viene identificata la posizione delle vene dell'occhio, che è diversa per ogni persona).

Questa soluzione si porrebbe come alternativa alla scansione dell'impronta digitale, ma non è esente da problematiche: affinché la lettura dell'iride avvenga con successo, sono necessarie delle buone condizioni di luce, per cui questo metodo non è utilizzabile in situazioni nelle quali non siamo in possesso di una fonte luminosa (viene utilizzata la fotocamera secondaria, perciò non è possibile servirsi del flash), inoltre questo sistema non è veloce quanto il lettore di impronte digitali. La funzionalità è utilizzabile, oltre che per sbloccare lo schermo, anche per inviare pagamenti tramite il proprio smartphone ed accedere a contenuti privati. ZTE afferma che questo sistema sarà montato su tutti i device appartenenti alla gamma “Grand”.

ZTE Grand S3 Sky Eye La scheda tecnica di ZTE Grand S3 non presenta componenti di grande rilievo, anzi se confrontiamo questo smartphone con gli altri che sono stati presentati a Barcellona, possiamo notare quanto le caratteristiche di questo device siano quasi “obsolete”; infatti, se non fosse per la presenza innovativa del lettore oculare, questo dispositivo non sarebbe sicuramente degno di alcuna attenzione particolare. EyePrint ID è uno strumento innovativo, che raccoglierà attorno a sé molti curiosi e che in futuro potrebbe rappresentare uno standard adottato anche da altri brand; purtroppo questo sistema potrebbe dare qualche problema nell'utilizzo quotidiano, dal momento che attualmente necessita di una buona luminosità per funzionare. In conclusione, ZTE è stata audace nel proporre un terminale con questo sistema di sicurezza, ma forse Grand S3 non era il device più adatto da presentare al MWC 2015, dove sono stati annunciati device di fascia alta ben più performanti. Il rapporto qualità-prezzo purtroppo non è dei migliori, anche se il costo è in parte giustificato dalla presenza del lettore oculare.