IFA 2019

Asus ProArt PA32UCG: mini LED e Dolby Vision per conquistare i creator

Asus ha presentato all'IFA di Berlino un super monitor pensato per i professionisti della grafica e del montaggio, certificato HDR 1400.

first look Asus ProArt PA32UCG: mini LED e Dolby Vision per conquistare i creator
Articolo a cura di

ProArt PA32UCG è stato uno dei protagonisti dell'evento Asus di Berlino. Il motivo è semplice: a livello tecnologico, questo monitor è tra i più avanzati mai prodotti dall'azienda di Taiwan. Non è un caso che sia rivolto ai professionisti della grafica e dell'editing video, ma siamo pronti a scommettere che le sue caratteristiche farebbero gola anche a molti appassionati.
Allo stato attuale i monitor mini LED sono pochi, ancora meno quelli accessibili al pubblico, resta il fatto che, almeno per ora, si tratta del sistema di retroilluminazione più avanzato disponibile per gli schermi LCD. Ma il nuovo ProArt è molto di più e le sue specifiche mostrano un prodotto con davvero pochi compromessi, capace di attirare anche i più attenti alla fedeltà di immagine, come i colorist professionisti.

Bellissimo, ma il prezzo è ancora sconosciuto

Asus ProArt PA32UCG offre una diagonale da 32 pollici, nonostante questo viene definito portatile. Un errore? Per niente, ad affermarlo è Kevin Shaw, colorist e presidente della Colorist Society International, che ha parlato sul palco della presentazione. I monitor master sono molto costosi e spesso pesanti, ma i professionisti possono avere la necessità di far vedere il loro lavoro ai clienti al di fuori degli studi di lavorazione dei contenuti. Nel video trasmesso nel corso dell'evento Shaw ha mostrato come il ProArt PA32UCG possa essere trasportato in una valigia, portando la qualità dei monitor master direttamente dai clienti.
Un vantaggio non da poco, a cui si aggiunge una configurazione di altissimo livello, almeno per gli standard consumer. La risoluzione 4K è accompagnata da un refresh rate di 120 Hz ed è presente la compatibilità con il VRR, dettagli che indicano la disponibilità delle HDMI 2.1. Asus non ha dato conferma durante l'evento, ma viste le caratteristiche e la natura professionale del prodotto non potrebbe essere altrimenti.

Invece che usare la tecnologia OLED Asus ha deciso di puntare su quella LCD, molto utilizzata in ambito professionale per la sua capacità di generare picchi luminosi elevati. Il pannello è un IPS, ma la vera perla è nascosta dietro di esso, nella sua retroilluminazione Full LED realizzata con dei mini LED, con cui sono state create 1152 zone indipendenti gestibili dal local dimming. Un numero enorme, se si pensa che i migliori pannelli LCD consumer arrivano a circa 500 zone.

Questo permette un controllo e una precisione nella gestione della luce incredibile, a tutto vantaggio della luminosità di picco e del contrasto. Lo schermo è certificato HDR 1400, ma secondo Asus può raggiungere un picco luminoso di ben 1600 nit, probabilmente in un'area molto piccola del display. Ricordiamo che i monitor master possono raggiungere anche picchi luminosi di 4000 nit nei modelli più avanzati, ma il loro costo e le loro dimensioni sono talmente elevati da essere prodotti solo in un numero esiguo di unità.

Pieno supporto è offerto a tutti gli spazi di colore utilizzati in ambito professionale, dal sRGB al DCI-P3, passando per il REC. 2020, come anche per tutti gli standard HDR più diffusi, come HDR10, HLG e Dolby Vision. Visto il tipo di utilizzo a cui è destinato questo monitor Asus garantisce una calibrazione di fabbrica con dE inferiore a 1, per una riproduzione del colore molto accurata. La resa che abbiamo potuto ammirare durante la presentazione è eccezionale, nonostante lo stato ancora prototipale, che porta con sé ancora qualche elemento da sistemare, come il blooming, assente osservando il display frontalmente ma più evidente quando lo si guarda di lato.
L'arrivo sul mercato è previsto per il Q1 2020 a un prezzo ancora sconosciuto, che tuttavia sarà tarato sull'utenza professionale, per cui quella consumer dovrà attendere ancora prima di poter mettere le mani su un monitor Mini LED.