First look Huawei Honor 5C

Il nuovo Huawei Honor 5C è un terminale che offre una scocca in metallo, schermo da 5.2” Full HD e il processore Kirin 650, a un prezzo di 199€.

first look Huawei Honor 5C
Articolo a cura di

Huawei Honor torna alla carica della fascia media. Dopo gli ottimi riscontri avuti con l'Honor 5X l'azienda cinese porta in Italia la variante 5C, più economica della precedente ma sempre caratterizzata da un occhio di riguardo per il rapporto qualità-prezzo. Sulla carta il device si presenta davvero bene, con una scocca in metallo e un comparto hardware equilibrato, che non dovrebbe avere problemi a gestire Android e a garantire una buona autonomia, il tutto a un prezzo di 199€. Huawei Honor 5C è già disponibile alla vendita in Italia su vMall, il negozio ufficiale del brand cinese. In concomitanza con l'arrivo del terminale, Honor ha organizzato un evento di presentazione a Milano, al Cinema Odeon, dove abbiamo potuto toccare con mano per qualche istante il dispositivo. Le prime impressioni sono buone, per un device che darà del filo da torcere a tutti gli esponenti della fascia media attuale, Moto G4 in primis, potendo contare su un look curato e su un SoC che dovrebbe garantire performance adeguate alla fascia di prezzo.

Design

Honor è riuscita a sdoganare la scocca in metallo nella fascia bassa con i precedenti modelli e questo 5C continua la tradizione. Anche qui infatti la parte esterna è completamente in alluminio, con una scocca unibody di buona fattura. La linea riprende molto dai precedenti modelli della gamma Honor, anche se rispetto agli ultimi manca il lettore di impronte digitali sul retro. Questa zona è quella che ha visto la maggior cura per il dettaglio da parte dell'azienda cinese, con due texture incise nel metallo a rendere diverse la parte posteriore e quella laterale, leggermente curva, per agevolare il grip. In evidenza notiamo il sensore fotografico, mentre al suo fianco si può osservare il flash led singolo. Nel bordo destro sono installati il tasto di accensione e il bilanciere del volume, su quello sinistro invece troviamo lo slot per le SIM card. Il bordo basso ospita la porta Micro USB per la ricarica, insieme allo speaker di sistema, singolo, nonostante i due fori nella scocca in metallo, quello alto invece propone il jack per le cuffie da 3.5 mm e un microfono. Più standard invece la zona del display, molto simile a quella di altri device della gamma Honor.

Caratteristiche tecniche e software

Scheda tecnica alla mano, il nuovo Honor 5C può essere visto come una variante più economica dell'Huawei P9 Lite. A muovere Android troviamo infatti un SoC Kirin 650, utilizzato per la prima volta proprio sul cugino P9 Lite. A differenza di molti processori installati su device di questa categoria, il Kirin 650 è realizzato con processo produttivo FinFET Plus a 16 nm, che ha permesso di integrare anche il co-processore i5 all'interno della CPU. Questa è formata da 8 Core Cortex A53, quattro dei quali a 2.0 GHz e quattro a 1.7 GHz. Rispetto al Kirin 620 viene aggiornata anche la GPU, una Mali T830 MP2. Secondo Honor questo si traduce in prestazioni superiori del 65% per la CPU e del 100% sulla GPU, se confrontate con il Kirin 620, il tutto con consumi inferiori fino al 40%. Dati molto promettenti, che valuteremo meglio una volta che avremo il terminale tra le mani. A bordo troviamo poi 2 GB di RAM e 16 GB di memoria interna, espandibile tramite Micro SD fino a 128 GB, utilizzando però uno dei due slot per SIM card. A conferma del fatto che ci troviamo di fronte a un device che riprende molto dal P9 Lite, troviamo un display da 5.2 pollici Full HD, in grado di offrire una densità di pixel di 424 PPI. Il comparto fotografico conta su una cam principale da 13 Megapixel con flash Led, autofocus e apertura f/2.0, mentre quella secondaria è una Sony/Hynix da 8 Megapixel. Il SoC Kirin 650 offre una connettività completa, che presenta sia l'LTE sia il Wi-Fi b/g/n, nonché il Bluetooth 4.1 LE, GPS, A-GPS, GLONASS. Ricordiamo inoltre che sotto la scocca è presente un sistema formato da due antenne, per migliorare la ricezione. Non mancano poi diversi sensori, tra cui l'accelerometro, il sensore di prossimità e di luce ambientale e la bussola. Come anticipato, il terminale è Dual SIM, anche se in questo caso si perde la possibilità di espandere la memoria interna. Honor 5C è alimentato da una batteria da 3000 mAh, stesso amperaggio del P9 Lite, per cui ci aspettiamo performance simili. Sacrificato sull'altare del contenimento dei costi è il lettore di impronte digitali, un elemento che tuttavia non tutti ritengono essenziale in uno smartphone.
Il sistema operativo è aggiornato ad Android 6.0 Marshmallow, personalizzato con la nota EMUI 4.1 di Honor, caratterizzata dall'assenza del drawer. Per chi proviene da iOS trovare tutte le app in Home non è certo una sorpresa, ma tutto dipende dalle proprie abitudini personali. Tra le applicazioni preinstallate più importanti troviamo "Gestione telefono", un hub che da accesso a una serie di funzionalità per ottimizzare lo smartphone, come quelle per tenere sotto controllo le app che consumano più risorse e traffico dati, offrendo anche tre profili per il risparmio energetico. Come da tradizione troviamo le tipiche app preinstallate sugli smartphone Honor, come lo specchio, la lente d'ingrandimento e la torcia. In sede di recensione analizzeremo meglio il software, che comunque da questa prima occhiata è apparso fluido.

Huawei Honor 5C Il nuovo Honor 5C è uno smartphone da prendere in considerazione se non si vuole rinunciare alla scocca in metallo e in generale a una linea premium, senza però spendere cifre troppo alte. Di fatto, si tratta non solo di un’alternativa al Moto G4 di Lenovo, ma anche all’Huawei P9 Lite, dispositivo sul mercato da relativamente poco tempo che presenta specifiche tecniche simili, se si esclude il lettore di impronte digitali e il minor quantitativo di RAM. Del resto, se Honor avesse integrato 3 GB di RAM in questo dispositivo, avrebbe messo dei seri limiti alle potenzialità di vendita del P9 Lite. La RAM comunque è in quantità più che sufficiente per gestire Android, per cui non ci saranno problemi, salvo nel caso di multitasking molto spinto. Con un prezzo ufficiale di 199€, il nuovo esponente della gamma Honor si candida ad essere un ottimo acquisto per chiunque desideri un terminale dall’aspetto premium, dalla buone performance in rapporto al costo e proposto a un prezzo aggressivo, che potrebbe scendere ulteriormente col passare delle settimane.