Guida all'acquisto della scheda video, gennaio 2019

Sul mercato sono disponibili oggi schede video di ogni tipo e prezzo, diamo uno sguardo a quelle consigliate per il mese di gennaio 2019.

guida Guida all'acquisto della scheda video, gennaio 2019
Articolo a cura di

Il 2018 è stato un anno caratterizzato da un livellamento verso l'alto dei prezzi delle schede video. Da un lato, il mining ha portato i costi delle GPU a salire, dall'altro il settore non è certo dei più concorrenziali, soprattutto nella fascia alta. Non è un caso che proprio salendo col prezzo si scopre che le alternative disponibili non permettono di variare più di tanto, costringendo gli utenti a fare praticamente delle scelte obbligate.
Nella fascia bassa c'è invece maggiore disponibilità di prodotti differenti, oggi è possibile fare dei PC piuttosto economici ma comunque in grado di reggere il Full HD e a dettagli alti. Nella realizzazione di questa guida abbiamo preso come riferimento i prezzi applicati da Amazon.it nel momento in cui scriviamo questo articolo, sono possibili quindi variazioni, anche consistenti, nei prezzi.

Fino a 150 euro

Chi lo dice che non si può giocare con una GPU entry level? Nonostante il pessimismo sui prezzi del mercato PC, questo offre oggi alternative decisamente valide già al di sotto dei 150€ se non si hanno grosse pretese. Esempio perfetto è la Radeon RX 570 con 4 GB di RAM GDDR5, basata su architettura Polaris, disponibile a 149€. Questa scheda video permette, nella stragrande maggioranza dei casi, di giocare in Full HD con dettagli alti e con un frame rate elevato, che raggiunge spesso il target ideale dei 60 fps.
Vederla in questa fascia di prezzo mette fuori dai giochi le 1050 Ti di NVIDIA, nettamente dietro a livello di prestazioni e spesso, in base al modello, con soli 2 GB di RAM.
La possibilità di utilizzare il FreeSync permette inoltre di eliminare tearing e stuttering, il tutto a un costo contenuto. Difficile consigliare qualcosa di alternativo a questa RX 570, che reputiamo la migliore GPU per giocare che si possa prendere al di sotto dei 150€.

Recensione RX 570: link
Recensione GTX 1050 Ti: link

Dai 150 ai 200 euro

Salendo di poco col prezzo si rimane in case AMD. Fino all'arrivo della probabile GTX 2050 di NVIDIA l'attuale modello, la GTX 1050, non può competere a livello di prestazioni con le RX 570 e 580, le due alternative che abbiamo pensato per questo segmento di mercato, mentre la GTX 1060 non si trova a queste cifre. Entrambe sono GPU molto valide e in grado di far funzionare i giochi in 1080p con dettagli alti o ultra, a seconda del modello.
La RX 580 è disponibile sotto i 200€ esclusivamente in versione da 4 GB, che potrebbero andare stretti in base agli scenari di utilizzo, ecco perché abbiamo scelto come alternativa la RX 570 con 8 GB di RAM. La RX 580 offre una maggiore potenza, grazie alle 36 Compute Unit, contro le 32 della 570, come anche frequenze di clock più elevate, ma meno memoria. La RX 580 è disponibile, nella variante da 4 GB, a 199.99€, mentre la RX 570 si trova a circa 177€.

Dai 200 ai 300 euro

Superati i 200€ abbiamo incrementato il range di prezzo, aumentandolo di 100€ invece che di cinquanta. I modelli tendono a sovrapporsi per costo e prestazioni, in questa fascia troviamo infatti ottime GPU come la RX 580 con 8 GB di RAM, o come la sempreverde GTX 1060 da 6 GB. Rimane invece precluso l'accesso alle schede video più potenti, ma già a questo punto il gaming in Full HD riesce a raggiungere un elevato frame rate con dettagli Ultra in ogni condizione. In questo caso, la nostra preferenza rimane in casa AMD, che con la RX 580 che supera spesso le prestazioni raggiunte dalla pur ottima GTX 1060.
Con i titoli DirectX 12 il divario si fa più netto in favore della 580, fattore da tenere in considerazione, e sulla rivale NVIDIA ha anche un vantaggio dato dal maggior quantitativo di memoria installata. La GTX 1060 rimane comunque un'ottima alternativa, ma il prezzo di vendita più alto ci fa comunque preferire la 580, disponibile a 249€, contro i 273€ della GTX 1060 in versione Zotac.

Recensione RX 580 8 GB: link
Recensione GTX 1060 6 GB: link

Dai 300 ai 400€

Già al di sotto dei 300€ si possono trovare schede video che riescono a gestire alla perfezione i giochi in 1080p, pur non disdegnando nemmeno il 1440p. Con quest'ultima risoluzione potrebbe essere richiesto qualche sacrificio in termini di impostazioni grafiche per raggiungere i 60 fps, in base al titolo, ma in generale si tratta di GPU adatte alle necessità della stragrande maggioranza degli utenti. Se non avete esigenze particolari quindi, andare oltre non serve, almeno per gestire il parco titoli attuale. Nella fascia di prezzo tra i 300 e i 400 euro ritroviamo infatti le stesse GPU citate in precedenza, magari in varianti custom particolari o senza offerte ad abbassarne il prezzo. Fino a pochi giorni fa, una candidata che era possibile trovare in questo range era la GTX 1070, mentre salendo col prezzo tra i 400 e i 500 euro si poteva trovare la Vega 56 di AMD.

L'arrivo della RTX 2060 però ha scombussolato completamente il segmento medio-alto del mercato. La nuova entry level della gamma RTX infatti offre prestazioni superiori a entrambe, insidiando addirittura la GTX 1080, ma a un costo inferiore. Non essendo ancora disponibile (l'arrivo è previsto per il 15 gennaio) non possiamo segnalarvi il link all'acquisto, ma il prezzo nella versione Founders Edition è di 375€.

Con questa cifra potrete portarvi a casa una GPU che offre prestazioni ottime sia in 1080p che in 1440p. Valore aggiunto notevole, almeno nel prossimo futuro con l'arrivo di più giochi compatibili, è la piena compatibilità con il rendering ibrido Ray Tracing, utilizzabile principalmente in Full HD, e con il DLSS. Questi, uniti al prezzo di acquisto e alle prestazioni generali della GPU, la fanno preferire a tutte le alternative, sia in casa NVIDIA che AMD.

Recensione RTX 2060: link

Dai 500 ai 600€

Superando la barriera dei 500 euro le alternative sono due: la RTX 2070 di NVIDIA e la RX 64 di casa AMD. Queste due schede si possono trovare praticamente allo stesso prezzo, ma la soluzione NVIDIA è da preferire, in primo luogo per i consumi, nettamente inferiori alla Vega 64. Sul fronte prestazioni, entrambe permettono un gaming di alto livello in 1440p, in 4K raggiungere i 60 fps a dettagli elevati è ancora impossibile, ma in alcuni titoli e facendo qualche compromesso diventa parzialmente utilizzabile.
La RTX 2070 inoltre, grazie alla presenza di RT e Tensor Core, consente di sfruttare il Ray Tracing ed effetti avanzati di post processing come il DLSS. Certo una maggiore diffusione dei titoli compatibili metterebbe maggiormente l'acquolina in bocca, finora l'unico gioco a supportare la nuova tecnica di rendering è Battlefiled V. Nelle prossime settimane tuttavia l'arrivo di Metro Exodus potrebbe portare una piccola ventata d'aria fresca. La RTX 2070 è disponibile su Amazon a 550€.

Recensione RTX 2070: link

Oltre i 600€

Spendere oltre 600€ per una GPU ha senso solo se si punta a giocare in 4K, se non possedete un monitor di questo tipo, potete tranquillamente rivolgervi alle schede video di fascia inferiore. AMD non può competere con le RTX di fascia alta, che offrono prestazioni superiori, almeno fino all'arrivo della appena annunciata Radeon VII, disponibile dal mese di febbraio. La scelta in questo caso è quindi obbligata e rivolta alle RTX 2080 e 2080 Ti. La variante Ti è la GPU consumer più potente sul mercato e stacca in modo piuttosto netto anche il modello base. Con questa scheda video il target dei 60 fps in 4K è raggiungibile praticamente sempre, superandolo nella maggior parte dei titoli oggi in commercio.
Merito del grande numero di CUDA Core disponibili, ben 4352, contro i 2944 della 2080, i 2304 della 2070 e i 1920 della 2060, e degli 11 GB di RAM GDDR6.
La 2080 Ti è un vero mostro di potenza, ma presenta un prezzo di listino al di fuori della portata della maggior parte dei gamer, di ben 1244€ su Amazon. La 2080 standard si difende comunque molto bene a tutte le risoluzioni, pur garantendo meno margine in 4K. In questo caso però il prezzo scende a circa 757€.

Recensione RTX 2080: link