Android 8.0 Octopus (?) DP4: la nostra prova

L'ultima Developer Preview in vista della major release manda in visibilio la rete con un misterioso Easter Egg ma aggiunge solo novità marginali.

provato Android 8.0 Octopus (?) DP4: la nostra prova
Articolo a cura di

Siamo oramai agli "sgoccioli": Google ha rilasciato, nella tarda serata dello scorso 24 luglio, la quarta, ed ultima, Developer Preview di Android O. Trattandosi dello "step finale" in vista della major release dell'ottava versione del robottino verde, nessuno si aspettava "stravolgimenti" di sorta rispetto a quanto abbiamo potuto vedere con le prime tre versioni di test. Infatti, così è stato: la DP4 non presenta praticamente nessuna novità rilevante ma solamente alcune gradite aggiunte marginali. Google, però, non poteva non fare del sano marketing a così poca distanza dall'uscita finale di Android O. Ecco, allora, che la società californiana ha ben pensato di mandare in visibilio gli appassionati del robottino verde inserendo un nuovo particolare easter egg dedicato ad un polpo. Ovviamente, online sono subito partite le speculazioni che vorrebbero la prossima major release denominata Android Octopus. Noi stentiamo a crederci e pensiamo, piuttosto, che si tratti del solito scherzo da parte della società californiana, d'altronde a Mountain View quella di "trollare" i propri "fan" sembra essere una pratica molto in voga. Ma bando alle ciance, iniziamo la disamina delle nuove funzionalità introdotte con quest'ultima Developer Preview!

Google Text-to-speech ora rileva istantamente la lingua

La versione 3.12.9 dell'engine di Google dedicato al Text-to-speech aggiunge una nuova modalità di rilevamento della lingua "always-on", che gli consente di capire istantaneamente in quale idioma stiamo parlando. Normalmente, questa operazione andava effettuata manualmente cambiando la lingua di output dalle impostazioni. Attualmente questa funzionalità è contrassegnata come "sperimentale". Per attivare il tutto, vi basterà recarvi in Impostazioni -> Sistema -> Lingua e immissione -> Avanzate -> Output sintesi vocale -> Impostazioni (icona ingranaggio) e attivare l'opzione "Rilevamento della lingua sempre attivo".

Percentuale della batteria in grassetto

Sembra un'inezia ma il problema relativo alla "visibilità" della percentuale della batteria è stato molto discusso tra gli utenti nei vari forum online relativi alla terza Developer Preview. In particolare, dato che questo appare solamente quando "estendiamo" la barra di stato, molti ritenevano necessaria perlomeno la sua messa in evidenza. Google, ovviamente, non si è fatta attendere ed ha subito utilizzato dei caratteri in grassetto per contraddistinguere meglio la percentuale della batteria, rendendo il tutto più facile da leggere.

Android Octopus?

La notizia più importante su questa ultima Developer Preview è sicuramente quella relativa al nuovo Easter Egg accessibile toccando ripetutamente la versione di Android nelle impostazioni di sistema. Qui viene mostrato, a sorpresa, uno strano polpo che in molti online hanno subito associato ad un improbabile Android Octopus. Tuttavia, noi crediamo più alla teoria secondo la quale il tutto non sia altro che la solita trollata di Google, che chiamerà comunque il suo prossimo OS Android Oreo. Come mai diciamo questo? Basti guardare i colori dell'easter egg inserito dagli sviluppatori della società californiana: nero, grigio tendente al bianco e blu, vi ricorda qualcosa?

Ridotto il testo della lockscreen

La società californiana ha deciso di ridurre il testo presente nella lockscreen quando il nostro smartphone è bloccato. Una scelta di design sulla quale non abbiamo molto da dire, anche se oramai eravamo abituati con le dimensioni della "vecchia" lockscreen.

Rimossa l'animazione relativa alla batteria

L'animazione relativa alla batteria, che in realtà ci era piaciuta, introdotta nella scorsa Developer Preview è stata ora rimossa a favore di una nuova icona "statica". Un cambiamento marginale che poteva essere evitato, ma chissà quali motivazioni nasconde.

Rimosso lo spazio tra i Quick Toggle e le notifiche

Con la terza Developer Preview, Google aveva tentato di introdurre un "gap" tra i Quick Toggle e il pannello delle notifiche per cercare di distinguerli maggiormente. Tuttavia, questo era praticamente inutile e dava solamente fastidio. Ecco allora che la società californiana si è adoperata per eliminarlo.

Icone delle app di sistema e della fotocamera ridisegnata

Le icone relative alle app di sistema e quella relativa alla fotocamera sono state finalmente ridisegnate e presentano ora un look singolare e più piacevole di quello vecchio. Quella della fotocamera, in particolare, va a rimpiazzare l'icona di "default" relativa a Google Camera, che aveva proprio bisogno di una bella rinfrescata.

Le notifiche delle app multimediali non sono più persistenti

Nella terza Developer Preview, le notifiche relative alle app multimediali erano persistenti e non era possibile "scartarle". Ora, invece, con quest'ultima versione preliminare è possibile farlo, viste anche le critiche che questa funzionalità si era attirata negli ultimi tempi.

Prestazioni

A livello di prestazioni, la quarta Developer Preview si conferma stabile come la precedente e, dunque, adatta anche ad un utilizzo quotidiano. La durata della batteria è praticamente la medesima, salvo qualche leggero miglioramento. Il battery drain, dunque, è un lontano ricordo. Inoltre, durante la nostra prova non abbiamo avuto problemi di sorta, nonostante l'intenso utilizzo quotidiano. Insomma, ottimo lavoro Google.

Android Oreo In vista della release finale (che no, probabilmente non si chiamerà Android Octopus), la quarta Developer Preview ci conferma già da ora l’ottimo lavoro svolto dalla società californiana per quanto riguarda la stabilità e le prestazioni del suo sistema operativo. In questa versione sono state introdotte solamente novità marginali ma, come è ovvio che sia, Google avrà degli "assi nella manica" per la major release. Attendiamo fiduciosi.