DAZN: il calcio in streaming alla prova su NVIDIA SHIELD e Android TV

Abbiamo provato DAZN, il nuovo servizio di streaming sportivo, con l'applicazione Android TV per NVIDIA SHIELD.

provato DAZN: il calcio in streaming alla prova su NVIDIA SHIELD e Android TV
Articolo a cura di

La Serie A ha ormai messo alle spalle la prima giornata di campionato, per una stagione che si preannuncia più combattuta del solito. L'arrivo di Cristiano Ronaldo non è stato l'unico grande colpo dell'estate, anche Inter e Milan hanno piazzato acquisti importanti, mentre Roma e Napoli hanno consolidato delle rose già competitive lo scorso anno. Insomma, sembra proprio la stagione buona per rivedere il campionato italiano ai fasti di un tempo, una stagione che però vede anche l'ingresso di un nuovo protagonista nella trasmissione delle partite. Stiamo parlando di DAZN, il servizio di streaming giunto da poco in Italia e dedicato a tutti gli appassionati di sport.
Non solo calcio quindi, anche se proprio la Serie A sarà il piatto forte dell'offerta. Abbiamo utilizzato DAZN nelle ultime settimane e durante il primo turno di campionato, tramite l'app presente su NVIDIA SHIELD, la piccola console della casa americana, che ci ha mostrato le potenzialità ma anche le criticità del servizio, che necessita ancora di fare del rodaggio prima di arrivare ad essere perfetto.

Quanto costa e cosa offre DAZN?

DAZN è un servizio di streaming dedicato interamente allo sport, giunto da poco in Italia e subito paragonato a Netflix. Un paragone azzeccato, osservando l'interfaccia della piattaforma e soprattutto la modalità di diffusione dei video, esclusivamente in streaming. Altro elemento in comune con la compagnia americana è il modello di business. L'abbonamento a DAZN costa 9.99€ al mese e permette di vedere tutti i contenuti disponibili, nessuno escluso, su due dispositivi contemporaneamente, associandone all'account un massimo di sei. Nel caso in cui si vuole interrompere l'utilizzo, basta semplicemente disattivare il rinnovo mensile, riattivabile poi in un secondo momento senza problemi.
Per tutti gli interessati, è possibile usufruire di un periodo gratuito di prova del servizio, della durata di 1 mese, un'offerta utile anche per capire se la propria connessione è adatta a supportare lo streaming video.
A tal proposito, la qualità video viene gestita in automatico, sia su TV che da smartphone e tablet. La banda minima per uno streaming in SD è di 2 Mbit; salendo a 3.5 Mbit si possono vedere i contenuti in qualità più elevata da smartphone, mentre 6.5 Mbit sono consigliati per avere un flusso video migliore su TV. Per accedere allo streaming più definito a 50 fps servono invece 8 Mbit, un'ampiezza di banda oggi molto comune in Italia.

Allo stato attuale, l'applicazione è disponibile per i seguenti dispositivi:

- Smart TV: televisori Samsung con sistema operativo Tizen (modelli 2017-2018), Android TV e LG Web OS.

-Set top box: Apple TV ed NVIDIA SHIELD

-Console: Playstation 4 e Xbox One

-Smartphone e tablet Andoird e iOS

-PC: attraverso i browser web Safari, Chrome, Firefox, Edge ed Internet Explorer

Nel corso del tempo l'app sarà resa disponibile per TV Samsung prodotte tra il 2015 e il 2016 e televisori Panasonic con sistema operativo My Home screen (prima noto come Firefox OS). Arriverà anche il supporto ad Amazon Fire TV e Amazon Fire Tablet, oltre all'applicazione dedicata su Sky Q.
Grazie agli accordi raggiunti tra DAZN, Sky e Mediaset Premium, sono stati creati dei pacchetti ad hoc che includono il servizio a costi ridotti per gli abbonati. Gli utenti Sky possono abbonarsi a DAZN attraverso tre ticket, da 1, 3 o 9 mesi. Il primo costa 7.99€, il secondo 21.99€ mentre il terzo è proposto a 59.99€, contro gli 81.99€ del prezzo di listino. Gli utenti Mediaset Premium invece, nella nuova offerta da 19,90€ mensili che comprende anche film e serie TV, trovano incluso nel prezzo anche l'abbonamento a DAZN.

A livello di contenuti, DAZN offre 114 partite di Serie A in esclusiva, più gli highlights di tutte le 380 gare della stagione 2018-2019, oltre a tutta la Serie B. I campionati esteri comprendono tutti i match de LaLiga e della Ligue 1, oltre a FA Cup, EFL Cup e la Coupe de Ligue. Disponibili anche la Coppa Libertadores, la Copa Sudamericana, la Recopa Sudamericana e la Coppa d'Africa. Non solo calcio però, perché inclusi nell'abbonamento troviamo anche la MLB, la NHL, il Rugby internazionale, la Boxe, l'UFC, le arti marziali miste, il campionato del mondo di Rally e le freccette, molto diffuse nei paesi anglosassoni.

L'interfaccia su Android TV

Per testare la bontà dell'offerta abbiamo utilizzato l'applicazione disponibile per Android TV su NVIDIA SHIELD, collegata a un TV Panasonic DX780 da 58 pollici. Attenzione però, perché il set top box di NVIDIA offre una potenza nettamente superiore a quella disponibile di norma su Smart TV, che utilizzano spesso SoC datati e poco performanti per gestire il sistema operativo. L'esperienza d'uso potrebbe essere quindi differente in base al televisore-set top box utilizzato. Abbiamo diviso la nostra prova in due parti: la prima riguarda il test del servizio prima dell'inizio del campionato italiano, la seconda invece riguarda le prime partite di Serie A trasmesse.
Prima di parlare di qualità video diamo però uno sguardo all'interfaccia per Android TV. Nel caso della SHIELD, i tempi di avvio dell'applicazione sono praticamente istantanei, mettendo subito in mostra l'interfaccia pensata per la piattaforma. Il paragone con Netflix ci sta tutto: DAZN ha utilizzato lo stesso approccio grafico, un scelta corretta e che rende immediata la fruizione dei contenuti. È possibile trovare i video attraverso il box di ricerca integrato, oppure affidandosi al calendario. Questa sezione dell'app è molto utile, perché permette di avere subito sott'occhio gli eventi che verranno trasmessi di giorno in giorno, offrendo anche la possibilità di impostare dei filtri in base agli sport preferiti.
Il menù principale invece propone dei contenuti suddivisi per aree tematiche, dal calcio all'MMA, da cui è possibile accedere alle dirette ma anche agli speciali e agli approfondimenti proposti dalla piattaforma. Ci sono poi link rapidi ai video disponibili per i diversi sport, come anche i contenuti consigliati. L'interfaccia è piuttosto semplice da utilizzare e ben realizzata. Sulla SHIELD utilizzata per la prova non ci sono problemi di fluidità, tutto scorre liscio senza impuntamenti.

La prova

Stiamo utilizzando il servizio da qualche settimana, partiamo dunque dall'esperienza che abbiamo vissuto prima di Lazio-Napoli. L'accoppiata Panasonic DX780+SHIELD ha fornito una discreta qualità di visione, riscontrata sia nei contenuti in differita che in quelli in diretta. Bisogna però fare una distinzione in merito alla qualità delle immagini e alla loro fluidità. Nel primo caso, il livello raggiunto è buono ma inferiore a quello delle trasmissioni via satellite di Sky in HD, anche a parità di risoluzione, a causa di una compressione video più spinta su DAZN, che deve fare i conti con la banda disponibile su internet. Abbiamo provato DAZN principalmente con i contenuti legati al calcio; la differenza con Sky si nota di più nei campi larghi, con l'inquadratura che mostra una grande fetta di campo, dove il verde dell'erba tende a rendere l'immagine un po' "impastata", perdendo dettaglio. Anche la gestione del colore necessita di una sistemata, con tonalità leggermente sbiadite riscontrate durante la visione di alcuni contenuti.
Per quanto riguarda la fluidità delle immagini, con la nostra fibra 100 Mbit non abbiamo riscontrato problemi legati alla connessione nella fase pre-campionato, ma abbiamo notato che il flusso video non ha mai superato i 25 fps al secondo, un valore che, associato agli eventi sportivi, rende le immagini meno fluide di quanto dovrebbero essere. Passando rapidamente da una partita trasmessa su Sky a una su DAZN la differenza si vede subito a livello di velocità dell'azione. Testando il servizio via browser web o su iPhone la situazione cambia completamente: in questi casi, siamo infatti riusciti a vedere lo streaming alla massima qualità possibile e a 50 fps.

La console di NVIDIA riesce a gestire flussi video fino al 4K a 60 fps, mentre la connessione da 100 Mbit utilizzata per la prova è ampiamente al di sopra delle richieste minime. Non ci sono quindi motivi tecnici dietro il mancato supporto ai 50 fps durante la nostra prova, segno che l'applicazione per Android TV ha bisogno di ulteriore ottimizzazione per fornire un'esperienza d'uso adeguata, allo stesso livello degli altri dispositivi.
Quanto accaduto durante Lazio-Napoli non fa altro che confermare come il servizio non sia ancora pronto al 100%, soprattutto in presenza di un numero enorme di utenti connessi contemporaneamente. Durante e dopo la partita, online si sono moltiplicate le segnalazioni di disservizi, dalla presenza di buffering alla scarsa qualità video. Segnalazioni che sono state subito recepite dai tecnici DAZN, che nel finale del primo tempo hanno prontamente creato due flussi streaming per cercare di suddividere il carico sui server, come si vede anche dall'immagine presente in questo articolo. Nel nostro caso, su NVIDIA SHIELD abbiamo prima osservato un segnale video di qualità più bassa rispetto a quella riscontrata in precedenza, con il frame rate limitato a 25. Poi quando i server hanno raggiunto il picco di utenti, si è fatto avanti anche il buffering a rendere più problematica la visione. L'attivazione del secondo flusso streaming ha migliorato però la situazione, consentendoci di arrivare alla fine della partita, ma sempre e comunque a 25 fps.
Non esiste un unico motivo che possa spiegare quanto avvenuto durante Lazio-Napoli. La cause possono essere diverse, a cominciare dal numero enorme di utenti connessi contemporaneamente. Quello di sabato è stato l'evento sportivo più seguito di sempre su DAZN, e questo di certo non aiuta, come anche il mese di prova gratuito, che ha portato sulla piattaforma un numero eccessivo di connessioni simultanee.
Allo scadere del mese gratuito non tutti rinnoveranno, alleggerendo così il carico sui server, e la situazione dovrebbe quindi migliorare sotto questo punto di vista. Restano poi problematiche indipendenti da DAZN che hanno certamente influito sull'opinione generale, come il tipo di dispositivi utilizzati per la visione o la velocità della rete italiana, elementi che spesso non vengono compresi dall'utenza, abituata ad accendere un decoder e a vedere tutto via satellite, nel modo più semplice possibile.

Non è un caso che, al fianco delle lamentele sui social, siano comparse anche esperienze positive, non tutti gli utenti hanno infatti avuto problemi durante la visione, altro elemento che rende impossibile dare ora un giudizio definitivo sulla bontà dell'offerta. Ci vorranno settimane per capire davvero le potenzialità e gli aspetti positivi di DAZN. La dimostrazione l'abbiamo avuta con Sassuolo-Inter, match dall'appeal sicuramente inferiore rispetto a Lazio-Napoli, dove non abbiamo riscontrato alcuna interruzione nel flusso video. La qualità dello streaming è stata discreta, anche se è rimasto il limite dei 25 fps in molti frangenti della gara. Siamo però riusciti a vedere tutto il secondo tempo con il segnale al massimo del dettaglio e a 50 fps, quella che dovrebbe essere la normalità per DAZN. In questo caso il riscontro è assolutamente positivo, consentendo una visione piacevole e soprattutto fluida.
La prossima settimana, con Napoli-Milan, vedremo se DAZN riuscirà già a migliorare la situazione: le potenzialità per fare bene ci sono, ma è necessaria una migliore ottimizzazione per consentire un'adeguata qualità di visione a tutti gli abbonati e su tutti i dispositivi supportati.