Huawei Video: la nostra prova e tutti i dettagli sul nuovo servizio di streaming

Abbiamo provato Huawei Video, il nuovo servizio di streaming della società cinese che mira a competere con Netflix & Co.

provato Huawei Video: la nostra prova e tutti i dettagli sul nuovo servizio di streaming
Articolo a cura di

Huawei è il primo produttore di smartphone in Italia (dati GFK maggio 2018). Non sorprende, dunque, che la società cinese stia sfruttando anche il nostro paese come trampolino di lancio per il suo nuovo servizio Video, una piattaforma di streaming che va a sfidare Netflix e simili. Le ambizioni di Huawei sono sicuramente molto alte, ma la nostra prova e l'evento di presentazione tenutosi all'Experience Store di Milano hanno fatto emergere una visione interessante, che differisce dagli altri servizi di streaming video.
Per ora siamo solo agli inizi, il servizio ha ancora pochi contenuti, del resto i tre mesi di prova gratuita servono proprio ad affinarlo e a renderlo completo. Non mancheremo di testarlo a dovere nei prossimi mesi, ma intanto vediamo cosa offre ora.

Un hub multimediale

Huawei Video offre contenuti dagli argomenti piuttosto vari, che comprendono documentari, sport, serie TV e film. Non manca anche una sezione dedicata ai nuovi dispositivi della società cinese, che al momento include dei teaser legati a Huawei Mate 20 Pro. Sono inoltre disponibili i trailer di alcuni film nelle sale in questi giorni e non manca la possibilità di noleggiare per 48 ore le ultime novità cinematografiche. I costi non sono neanche eccessivi su questo fronte, con gli utenti VIP che possono spesso usufruire di questi contenuti a 2,99 euro l'uno e in qualità Full HD. I costi potrebbero però abbassarsi con l'arrivo di film visibili in SD, come accade anche su altre piattaforme.
Il catalogo al momento è ancora scarno, la maggior parte dei film, delle serie TV e dei documentari non sono recenti. Bisogna però tenere conto del fatto che il servizio è all'inizio, con la presentazione ufficiale italiana che è avvenuta solo il 3 ottobre. Il catalogo a noleggio è basato sul database di TVOD, lo stesso usato da servizi come iTunes o Chili. Questo significa che, probabilmente, avremo presto un servizio simile a quello delle piattaforme citate. Tra gli altri partner di Huawei Video sono presenti Sony Pictures, Discovery, Fox, RAI, Cecchi Gori Group e Nexo.

Discorso diverso per sport e brevi clip, che sono invece aggiornate anche con avvenimenti piuttosto recenti. Attenzione, però, per quanto riguarda gli sport, non sono presenti intere partite, ma semplicemente approfondimenti legati ad alcuni calciatori. Le clip in questione sono spesso sottotitolate in italiano. Alessandro Schintu, Head of Huawei Europe, ha dichiarato che arriveranno anche video in verticale, simili a quelli di Instagram TV (IGTV).

L'applicazione

Huawei Video non è un servizio per tutti. Infatti, come scritto anche nella pagina ufficiale dedicata, esso è al momento disponibile solamente tramite applicazione per smartphone e tablet della società cinese (e di Honor) con un sistema operativo dalla EMUI 5.0 in su. Questo significa che nemmeno i dispositivi Android di altre aziende possono usufruire dell'app. D'altronde, la volontà di Huawei sembra chiara: diversificare l'esperienza utente offerta ai suoi clienti da quella degli altri produttori. In questo contesto, un servizio di streaming video non è certo di poco conto.
Parlando dell'app, essa è strutturata nelle seguenti categorie: Home, Serie TV, Clips, Sport, Documentari, Conoscere Huawei e Promotions. C'è poi una suddivisione tra contenuti gratuiti e a noleggio. Il catalogo serie TV mette in evidenza video come Arthur, Ahì Afuera e Kill Skills, ma come abbiamo detto in precedenza siamo ancora dinanzi a un'offerta limitata, con Huawei che ha promesso che presto arriveranno "migliaia di contenuti". Abbiamo trovato invece molto interessanti le clip, con video approfondimento come "Le migliori scoperte del 2017" e "L'arte che viaggia". Non mancano anche "riassunti" sulla vicenda Trump-Putin e sul matrimonio Chiara Ferragni-Fedez, giusto per farvi capire la varietà dell'offerta. Questo aspetto è particolarmente interessante, visto che l'utente può informarsi direttamente nella piattaforma sugli ultimi avvenimenti, cosa che molti fanno su YouTube, ma affidandosi a contenuti amatoriali. La somiglianza con la piattaforma di Google deriva anche dalla presenza del contatore pubblico delle visualizzazioni, che però è al momento difficile testare visto che essenzialmente tutti i contenuti sono stati visti da meno di 10.000 persone. Si tratta però di un fattore interessante, che fa capire a tutti l'interesse attorno a un certo video.
Anche la sezione Sport presenta questo tipo di contenuti al momento, con video che vanno a ripercorrere la carriera di star come Ronaldinho e approfondimenti su chi ha guadagnato di più durante lo scorso mondiale di Russia 2018, ad esempio. Interessante la sottosezione "Al Cinema", che contiene film legati a quelli in questi giorni nelle sale e i trailer di questi ultimi, come The Predator.

La categoria "Conoscere Huawei" racchiude tutti i teaser e trailer legati ai nuovi prodotti della società cinese, in modo da tenere l'utente sempre aggiornato. "Promotions", invece, mostra le offerte attualmente in corso, in tal senso è possibile attivare la promozione iniziale di 3 mesi gratis senza vincoli, fino al prossimo 3 novembre 2018. Il costo del servizio sarà successivamente di 4,99 euro al mese. Attenzione però, è possibile usufruirne anche in modo totalmente gratuito. Infatti, l'abbonamento in questione ci consente di diventare membri VIP, ottenendo vantaggi esclusivi come l'accesso a diversi contenuti premium e la qualità Full HD dei video. Insomma, Huawei Video si può utilizzare anche gratis, ma solamente guardando una selezione di contenuti selezionati dalla società cinese, essenzialmente delle demo.

Per quanto riguarda la visualizzazione dei contenuti, il player è di buona fattura e consente di selezionare la qualità del video, che va da 270p a 1080p. Oltre a questo, sono presenti dei pulsanti che consentono di condividere i contenuti sui social network (come Facebook) e di scaricarli per una visione offline. Al momento, però, molti contenuti non consentono di effettuare quest'ultima operazione per motivi di copyright. Non manca anche la possibilità di inserire un video tra i preferiti, con la presenza dell'immancabile cuoricino. Dal punto di vista dell'ottimizzazione per le connessioni meno prestanti, dobbiamo dire di essere rimasti piacevolmente colpiti. Infatti, abbiamo testato il servizio anche con una 7 Mega e non abbiamo riscontrato alcun problema di visualizzazione.

Peccato che al momento non siano disponibili funzionalità per trasmettere i contenuti alla TV, ma il supporto a dispositivi come Chromecast è in arrivo. Potete trovare ulteriori screenshot effettuati durante la nostra prova dell'app seguendo questo link. In definitiva, è ancora presto per potersi sbilanciare su Huawei Video, ma sicuramente la visione proposta dal servizio di streaming della società cinese è diversa da quella della concorrenza.