Lenovo

Lenovo Legion Phone Duel 2, le prime impressioni sullo smartphone da gaming

Lenovo Legion Phone Duel 2 è uno smartphone da gaming che presenta diverse caratteristiche peculiari a cui vale la pena dare un'occhiata.

Lenovo Legion Phone Duel 2, le prime impressioni sullo smartphone da gaming
Articolo a cura di

A qualche giorno dall'annuncio per l'Italia di Lenovo Legion Phone Duel 2, è giunto il momento di effettuare una breve analisi preliminare relativa allo smartphone da gaming. Ci perdonerete se non scendiamo nel dettaglio di quanto offerto dal dispositivo, ma attualmente non possiamo sbilanciarci troppo.
Tuttavia, si tratta di un'occasione interessante per dare un'occhiata generale al prodotto, preparandoci all'arrivo della recensione (non preoccupatevi: non manca molto). Prima di iniziare, ricordiamo che sul portale ufficiale di Lenovo sono già attivi i preordini. Il prezzo di partenza è pari a 899,99 euro per il modello da 16/512GB con accessorio charging dock incluso.

Le caratteristiche che attirano l'attenzione

Inutile focalizzarci in questa sede su aspetti tecnici, dato che la scheda tecnica, che comprende un processore Qualcomm Snapdragon 888, è già nota (in questo articolo sul Legion Phone Duel 2 tutti i dettagli) e tra non molto troverete tutte le analisi del caso all'interno della recensione. Risulta invece più interessante soffermarci sugli elementi caratteristici dello smartphone, che hanno attirato sin da subito la nostra attenzione non appena abbiamo avuto modo di vederlo. In questo contesto, non possiamo che partire dalla presenza di una fotocamera pop-up laterale, che risulta convincente soprattutto per coloro che vogliono effettuare degli streaming utilizzando lo smartphone. Visto il recente "boom" di piattaforme come Twitch, questa caratteristica piacerà sicuramente a un certo tipo di utente.

Un altro aspetto pratico che interesserà a più di qualcuno è la conformazione della backcover posteriore. Infatti, la zona al centro è "rialzata" rispetto a quelle laterali. Questo garantisce un'impugnatura più comoda in orizzontale, dato che si tenta di "ricreare" la sensazione offerta dai classici controller. Inoltre, ci sono anche minori problemi in termini di surriscaldamento. Infatti, i componenti che scaldano di più sono posizionati al centro, quindi tecnicamente l'utente non sentirà essenzialmente nulla mentre usa lo smartphone in landscape.
Passando al design, la ventola e il logo Legion retroilluminati rappresentano sicuramente un tocco di classe, in grado di rendere il look del dispositivo vicino a quello che in genere si cerca quando si acquista uno smartphone da gaming.

Per il resto, oltre alle varie opzioni software dedicate ai videogiocatori, un altro elemento che risulterà interessante approfondire sono i quattro trigger dorsali e le due zone interagibili presenti sul retro di Lenovo Legion Phone Duel 2, che si abbinano ad altri due pulsanti virtuali force touch. In genere gli smartphone da gaming dispongono solamente di due trigger, solitamente utilizzati per mirare e sparare, mentre qui i tasti sono molti di più e possono essere abbinati a un gran numero di azioni.
Bisognerà sicuramente capire fino a che può essere sfruttata questa possibilità, ma abbiamo già qualche idea in mente e sicuramente presto ne saprete di più. In ogni caso, per queste prime impressioni abbiamo utilizzato una versione preliminare del software, quindi capite bene che non possiamo andare oltre con la nostra analisi. Tuttavia, fotocamera pop-up, backcover, trigger dorsali e zone interagibili rientrano sicuramente tra i tratti distintivi dello smartphone e ci stanno convincendo sin da ora. Restate sintonizzati su queste pagine: il verdetto definitivo arriverà a breve.