OnePlus Nord N10 5G, le prime impressioni sullo smartphone 5G economico

OnePlus Nord N10 5G si presenta come uno smartphone 5G più economico del solito, visto il prezzo di lancio di 349 euro.

provato OnePlus Nord N10 5G, le prime impressioni sullo smartphone 5G economico
Articolo a cura di

Nel corso degli scorsi mesi abbiamo visto una "battaglia" piuttosto accesa per democratizzare il 5G, per renderlo accessibile nella fascia di mercato sotto i 400 euro. Questo ha portato all'arrivo in Italia di parecchi dispositivi venduti a un prezzo di partenza pari a 399 euro, come potete leggere nella nostra recensione dell'originale OnePlus Nord (pubblicata a fine luglio 2020).
Tre mesi dopo l'uscita di quello smartphone siamo nuovamente qui per trattare un altro dispositivo della serie Nord, che mira ad abbassare ulteriormente la barriera d'ingresso al 5G. Infatti, Oneplus Nord N10 5G, smartphone che punta al nuovo standard di connettività inserendolo anche nel nome, viene venduto nel nostro paese a 349 euro mediante il portale ufficiale (6/128GB).
Abbiamo ricevuto il dispositivo da pochi giorni, quindi è ancora presto per tirare le somme, ma possiamo già farvelo vedere in visualizzazione 3D e foto, nonché raccontarvelo brevemente fornendovi le nostre prime impressioni (in attesa della recensione, che arriverà nei prossimi giorni).

OnePlus Nord N10 5G e OnePlus Nord: cosa cambia

Il mercato degli smartphone odierno si muove a una velocità particolarmente elevata, tanto che una delle domande più frequenti che l'utenza si pone è quali sono le differenze tra il modello originale OnePlus Nord lanciato tre mesi fa e il nuovo OnePlus Nord N10 5G. La prima l'abbiamo citata in apertura: il prezzo di partenza passa dai 399 euro di Nord ai 349 euro di Nord N10 5G, quindi si punta a rendere ancora più conveniente l'acquisto di uno smartphone 5G. Tuttavia, le divergenze non finiscono qui, dato che il modello più recente ha identità propria.
Ad esempio, in alto a sinistra troviamo un foro per la fotocamera, che a qualcuno potrebbe piacere di più rispetto alla dual camera di OnePlus Nord, che andava effettivamente a coprire uno spazio maggiore. C'è inoltre una gradevole colorazione Midnight Ice, che riesce a creare degli ottimi giochi di luce.

A proposito del retro dello smartphone, qui troviamo altre differenze importanti con OnePlus Nord. Infatti, in alto a sinistra c'è una quadrupla fotocamera posteriore con sensore principale da 64MP e flash LED. Inoltre, al centro c'è un classico sensore d'impronte digitali. Ricordiamo che l'originale Nord dispone di un modulo "a semaforo" con sensore principale da 48MP e di un lettore d'impronte in-display, quindi si tratta proprio di una visione differente, che strizza l'occhio a un tipo di utente diverso.
Ci sono poi delle altre divergenze in termini di caratteristiche tecniche, visto che qui abbiamo uno schermo IPS LCD al posto di un AMOLED, anche se rimane il refresh rate di 90 Hz. Nord N10 5G ha inoltre delle dimensioni e un peso leggermente superiori, dato che si attesta su 163 x 74,7 x 8,95 mm, per un peso di 190 grammi. Sotto la scocca si passa invece a uno Snapdragon 690 5G al posto di uno Snapdragon 765G.
L'obiettivo è quello di dare vita a uno smartphone che tiene bene a mente l'autonomia e infatti la presenza di una batteria da 4300 mAh va vista in quest'ottica (OnePlus Nord ne aveva una da 4115 mAh).

Altre due differenze interessanti sono la presenza del jack audio da 3,5 mm per le cuffie e della possibilità di espandere la memoria fino a 512GB (assenti sull'originale Nord). Da non sottovalutare anche il fatto che OnePlus punta su un audio stereo con Nord N10 5G, mentre su Nord era mono. Insomma, si tratta di due dispositivi che mirano a diverse tipologie di utenti, quindi trovano entrambi il loro collocamento sul mercato.

Scheda tecnica, unboxing e prime impressioni in vista della recensione

Sistemata la questione relativa alle differenze con Nord, è giunta l'ora di passare rapidamente in rassegna la scheda tecnica completa di OnePlus Nord N10 5G. Quest'ultima include uno schermo IPS LCD da 6,49 pollici con risoluzione Full HD+ (2400 x 1080 pixel), refresh rate di 90 Hz, aspect ratio 20:9 e foro per la fotocamera posizionato in alto a sinistra.
In questi primi giorni di utilizzo, il pannello si è rivelato tutto sommato di buona qualità, nonostante il foro abbia delle dimensioni un po' troppo elevate per i nostri gusti e non si tratti di un AMOLED. Tuttavia, il vero peccato in questo caso è l'assenza dei DRM Widewine L1, dato che OnePlus Nord N10 5G si ferma ai Widewine L3 e, dunque, a una visualizzazione in SD dei contenuti di piattaforme come Netflix e Amazon Prime Video (ma un aggiornamento potrebbe arrivare dopo il lancio del telefono).
Sotto alla scocca troviamo una CPU octa-core Qualcomm Snapdragon 690 5G operante alla frequenza massima di 2,0 GHz (2 x 2,0 GHz + 6 x 1,7 GHz), affiancata da una GPU Adreno 619L, 6GB di RAM LPDDR4X e 128GB di memoria interna UFS 2.1 (espandibili tramite microSD fino a 512GB).

Arrivando al comparto fotografico, la fotocamera posteriore è composta da quattro sensori: il principale da 64MP (f/1.79), un obiettivo ultra grandangolare da 8MP (f/2.25, 119 gradi), un sensore per le macro da 2MP (f/2.4) e una lente monocromatica da 2MP (f/2.4). Anteriormente fa capolino una fotocamera da 16MP (f/2.05).
Non siamo riusciti ad effettuare tutti i test del caso in questi primi giorni di prova dello smartphone, ma la sensazione iniziale è quella di trovarsi dinanzi a un buon comparto fotografico per la fascia di prezzo. Arrivando alla batteria da 4300 mAh, quest'ultima sembra riuscire a portare tranquillamente a fine giornata, in alcuni casi anche con una buona carica residua, ma dobbiamo ancora mettere veramente sotto stress OnePlus Nord N10 5G.

Completo il comparto connettività, che oltre al 5G include porta USB Type-C (niente uscita video, ma c'è la funzione OTG), Wi-Fi 802.11 a/b/g/n/ac, Bluetooth 5.1 e NFC. Presenti anche jack audio per le cuffie e sensore d'impronte digitali posto sul retro. I valori SAR CE sono pari a 0,82 W/kg per la testa e 0,97 W/Kg per il corpo (10g). Il sistema operativo è Android 10 con personalizzazione OxygenOS 10.5.5 e patch di sicurezza, al momento in cui scriviamo, del 5 ottobre 2020. Un aspetto da sottolineare è il fatto che, durante la nostra prova, in alcuni casi lo smartphone non è riuscito a sbloccarsi correttamente, tanto che il touch screen non sembrava rispondere per i primi secondi dopo l'accensione dello schermo. Un bug non piacevole, che tuttavia si è verificato due volte e non è più accaduto dopo aver aggiornato il dispositivo. Non sappiamo se il problema sia stato effettivamente corretto, in quanto si è verificato poche volte (durante il giorno avvengono decine di sblocchi, se non di più). Staremo a vedere.

Per quanto riguarda la confezione di vendita, al suo interno abbiamo trovato un cavo USB Type-C, un caricabatterie da 30W, la spilla per l'estrazione del vano SIM e manualistica varia. Peccato per l'assenza di una qualsivoglia cover. In ogni caso, OnePlus Nord N10 5G è giunto nelle nostre mani nel pomeriggio del 5 novembre 2020. Capite bene che siamo, dunque, solamente nei primi giorni di prova e che risulta difficile sbilanciarsi sulla bontà del dispositivo. Tuttavia, ci tenevamo a raccontarvelo sin da subito per consentirvi di farvi un'idea preliminare sul prodotto, visto che è già disponibile all'acquisto.