OnePlus Nord, le prime impressioni sullo smartphone 5G dal buon prezzo

OnePlus lancia lo smartphone con cui vuole cercare di tornare alle origini, bilanciando meglio il rapporto prezzo-prestazioni.

provato OnePlus Nord, le prime impressioni sullo smartphone 5G dal buon prezzo
Articolo a cura di

In questi giorni stiamo testando OnePlus Nord, l'atteso smartphone che segna una sorta di "ritorno alle origini" per l'azienda cinese. Questo perchè il prezzo di partenza è pari a 399 euro in Italia per quanto riguarda la variante da 8/128GB, mentre il modello da 12/256GB costa invece 499 euro, cifre molto diverse da quelle a cui OnePlus ci ha abituato negli ultimi anni.
La disponibilità è fissata a partire dal 4 agosto 2020. Se volete acquistare il dispositivo prima di questa data dovete sapere che dalle ore 16:30 di oggi 21 luglio 2020 è possibile provare a ottenere un codice invito tramite il sito ufficiale di OnePlus (lì trovate tutti i dettagli del caso). Dalle ore 17:00 partiranno anche le prevendite su Amazon.
Al momento abbiamo testato lo smartphone solamente per una settimana e non possiamo dunque sbilanciarci troppo sul dispositivo, possiamo comunque fare una prima breve analisi.

Unboxing e design

I media kit forniti alla stampa da parte di OnePlus sono sempre stati molto originali. Questa volta, l'azienda cinese ha ideato un packaging che si apre verso l'alto, presentando al suo interno tre cover per lo smartphone, ovvero Sandstone Bumper Case Nord Blue, Clear Bumper Case (trasparente) e Bumper Case Sandstone Black. In ogni caso, le tre custodie, a cui potete dare uno sguardo nelle foto presenti in allegato a questo articolo, vengono vendute separatamente. Infatti, all'interno della confezione di vendita destinata al pubblico sono presenti un caricabatterie da 30W, un cavo USB Type-C e quello che la società cinese chiama "Welcome kit". Giusto per darvi un'idea, nella nostra confezione abbiamo trovato una cover semi-trasparente con protezione per la porta USB Type-C, degli adesivi OnePlus, manualistica varia (tra cui anche delle indicazioni relative ai valori SAR, che qui sono 0,90 W/kg per la testa e 1,27 W/kg per il corpo) e una Welcome Letter in cui l'azienda cinese fa riferimento al fatto che con questo smartphone ha voluto concentrarsi sugli "aspetti fondamentali", puntando su ciò che secondo OnePlus serve veramente all'utente.

Una volta estratto OnePlus Nord dalla confezione, il primo aspetto che abbiamo notato è la presenza di un pannello anteriore con bordi laterali tutto sommato contenuti e un doppio foro per la fotocamera, posizionato in alto a sinistra. Avendo utilizzato questa configurazione per un po' di tempo, possiamo dire che questa soluzione si fa apprezzare durante l'utilizzo quotidiano. Sul retro troviamo una quadrupla fotocamera "a semaforo" posta in alto a sinistra, affiancata dal flash Dual LED. Tra l'altro, la colorazione che abbiamo avuto modo di provare, ovvero la Blue Marble, è molto gradevole alla vista, grazie anche ai giochi di luce che è in grado di generare. Forse il design sa un po' di "già visto", ma a nostro modo di vedere questo non è un particolare problema. In ogni caso, sul mercato arriverà anche la Gray Onyx.
Ottimi i materiali, con un profilo in plastica (anche se il look è molto convincente e sembra in metallo) e retro in vetro. Prendendo in esame i lati del dispositivo, sulla destra troviamo il pulsante d'accensione e lo slider fisico zigrinato per la modalità silenziosa, mentre sul lato sinistro fa capolino il bilanciere del volume. Nella parte inferiore troviamo la porta USB Type-C, gli altoparlanti, il primo microfono e il carrellino per la SIM (Dual nanoSIM), mentre in alto c'è unicamente il secondo microfono. Le dimensioni di OnePlus Nord sono pari a 158,3 x 73,3 x 8,2 mm, per un peso di 184 grammi.

Scheda tecnica di OnePlus Nord

Visto che non possiamo scendere troppo nel dettaglio in merito alle qualità del dispositivo, è bene soffermarci principalmente sulle caratteristiche tecniche. Anteriormente troviamo un display Fluid AMOLED da 6,44 pollici con risoluzione Full HD+ (2400 x 1080 pixel), aspect ratio 20:9, protezione Corning Gorilla Glass 5, sensore di impronte digitali integrato e refresh rate di 90 Hz. Insomma, il pannello ha una fluidità aumentata, ma non si va sui 120 Hz, rimanendo su quei 90 Hz ritenuti da molti come il miglior compromesso. Da sottolineare la presenza di una pellicola pre-applicata, che abbiamo rimosso quasi subito per analizzare al meglio la bontà del pannello. Sotto la scocca è presente un processore octa-core Qualcomm Snapdragon 765G operante alla frequenza massima di 2,4 GHz (1 x 2,4 GHz + 1 x 2,2 GHz + 6 x 1,8 GHz), affiancato da una GPU Adreno 620, 8/12GB di RAM LPDDR4X e 128/256GB di memoria interna UFS 2.1 (non espandibile). Noi stiamo testando la variante da 12/256GB.
Entrando in campo connettività, non manca il supporto a 5G, Wi-Fi 802.11 a/b/g/n/ac, NFC, Bluetooth 5.1 e porta USB Type-C 2.0 (quindi niente uscita video). Una novità interessante è quella a livello di comparto fotografico. Infatti, anteriormente troviamo due sensori da 32MP (f/2.45, Sony IMX616) e 8MP (f/2.45, ultra-wide, 105 gradi).

Come i più attenti di voi avranno già intuito, quest'ultima può essere utilizzata per scattare foto grandangolari. Tra l'altro, le fotocamere anteriori possono registrare video fino alla risoluzione 4K/60 fps, mentre quelle posteriori arrivano a 4K/30 fps (no, non si tratta di un refuso, è proprio così). Non manca anche lo slow motion a 240 fps a 1080p, ovviamente registrato attraverso le quattro fotocamere posteriori. A proposito di queste ultime, i sensori utilizzati sono da 48MP (f/1.75, Sony IMX586), 8MP (f/2.25, 119 gradi), 2MP (f/2.4, per le macro) e 5MP (f/2.4, per la profondità di campo).
Il sistema operativo è Android 10 con personalizzazione OxygenOS 10.5 (OnePlus ha affermato che tratterà questo smartphone come un top di gamma, quindi due anni di major update e tre anni di patch di sicurezza), mentre la batteria è da 4115 mAh con supporto alla ricarica rapida Warp Charge a 30W (5V/6A). Insomma, in linea generale OnePlus Nord sembra essere un dispositivo interessante. Restate sintonizzati su queste pagine: avremo modo di analizzare dettagliatamente lo smartphone in sede di recensione.

Ci sono anche le OnePlus Buds

Definite dalla stessa OnePlus come le sue "prime vere cuffie True Wireless", le OnePlus Buds sono state annunciate nel corso dell'evento di presentazione di Nord. Le specifiche parlano di 30 ore di autonomia, considerando anche quelle garantite dal box di ricarica, una riduzione del rumore ambientale per quanto riguarda il microfono, un boost relativo ai bassi e una latenza ridotta all'osso (c'è anche la Fnatic Mode, pensata per il gaming, che porta la latenza a 103 ms). Una ricarica di 10 minuti può garantire circa 10 ore di utilizzo, mentre la succitata riduzione del rumore fa uso di tre microfoni e di un apposito algoritmo. Non mancano driver da 13,4 mm, risposta in frequenza di 20 Hz - 20 KHz, supporto al Dolby Atmos, Bluetooth 5.0 e certificazione IPX4 per gli schizzi d'acqua.

Le colorazioni disponibili sono White, Grey e Nord Blue. Il box di ricarica ha una porta USB Type-C e delle dimensioni di 52,21 x 59,62 x 37,89 mm, per un peso di 37 grammi. Gli auricolari hanno invece dimensioni di 18,81 x 16,13 x 37,89 mm, per un peso pari a 4,7 grammi. Le OnePlus Buds verranno vendute a 89 euro, con i preordini che partiranno dalle ore 17:00 di oggi 21 luglio.