OPPO Reno8 Lite 5G alla prova: uno smartphone luminescente e peculiare

Abbiamo messo alla prova OPPO Reno8 Lite 5G, smartphone che dispone di Orbit Light che circondano i sensori fotografici principali.

OPPO Reno8 Lite 5G alla prova: uno smartphone luminescente e peculiare
Articolo a cura di

Il mercato dei dispositivi mobili si trova in una situazione complessa. Nonostante gli smartphone siano in continua evoluzione, il sentore di buona parte del pubblico non è positivo: c'è aria di déjà vu e per l'utente meno attento i modelli potrebbero sembrare tutti uguali, ma non sono mancati gli esperimenti. I metodi che i produttori hanno a disposizione per distinguersi sono diversi e infatti nell'ultimo periodo abbiamo assistito al lancio di prodotti peculiari, più o meno riusciti, di cui abbiamo parlato, per esempio, nella nostra recensione di OPPO Reno7, uscita a fine maggio 2022, ma tutto si muove a ritmi talmente elevati che è già arrivato il momento di presentare OPPO Reno 8 Lite 5G.
Il prezzo è pari a 399,99 euro sul portale ufficiale e in questo primo periodo di vendita è possibile ottenere in omaggio le cuffie OPPO Enco Air2. Abbiamo avuto modo di passare qualche giornata in relax con lo smartphone e siamo pronti a raccontarvi quanto abbiamo scoperto.

OPPO Reno8 Lite 5G: che cos'ha di diverso dagli altri modelli?

Ciò che si fa notare di più utilizzando OPPO Reno8 Lite 5G è la presenza di LED che circondano i due sensori fotografici principali posteriori.

Queste luci si possono attivare durante la ricarica, all'avvio di un gioco o in fase di ricezione di una chiamata o di una notifica. Può sembrare una cosa di poco conto, ma in alcuni scenari questa trovata si rende in realtà molto utile facendo le veci del LED di notifica frontale ma più visibile. Utilizzando la cover trasparente inclusa in confezione, tra l'altro, si ottiene un effetto interessante: OPPO Reno8 Lite 5G si illumina nella parte alta, come se ci fosse un LED che circonda lo smartphone. La colorazione Rainbow Spectrum che abbiamo avuto modo di provare risponde in modo interessante alla luce, generando una sorta di arcobaleno. Può piacere o non piacere, ma tranquilli: sul mercato c'è anche una più classica colorazione Cosmic Black, nel caso siate degli amanti di un design più tradizionale.

I materiali utilizzati per la costruzione, frame in alluminio in primis, riescono a fornire una sensazione Premium e al contempo conferiscono una solidità costruttiva invidiabile. Non manca la certificazione IPX4 per la resistenza agli spruzzi d'acqua.

Uno dei principali punti di forza dello smartphone risiede tuttavia nella maneggevolezza. OPPO Reno8 Lite 5G presenta infatti delle dimensioni di 159,85 x 73,17 x 7,55 mm (spessore di 7,49 mm nella colorazione Cosmic Black). Il peso è invece di 173 grammi. Si tratta di un dispositivo che risulta comodo da utilizzare, nonostante l'ampio display AMOLED da 6,43 pollici non permetta di definirlo propriamente un modello un compatto. La risoluzione dello schermo è Full HD+ (2400 x 1080 pixel), con foro per la fotocamera posizionato in alto a sinistra e picchi di luminosità di 600 nit. Il refresh rate, purtroppo, è solamente di 60 Hz, ma non mancano i DRM Widevine L1 per guardare i contenuti di Netflix in Full HD. Rimanendo sul display, troviamo un sensore per le impronte digitali integrato, che si aggiunge come metodo di sblocco al solito riconoscimento facciale.

Lato audio, si fa notare la presenza del classico jack da 3,5 mm, posizionato in basso al fianco dell'immancabile porta USB Type-C.
Tornando al retro del dispositivo, OPPO ha improntato la presentazione dello smartphone sul comparto fotografico. A livello hardware sono stati integrati tre sensori posteriori da 64MP (f/1.7) + 2MP (f/2.4, mono) + 2MP (f/2.4, macro fino a 4cm), nonché una lente anteriore da 16MP (f/2.4).

Dalle specifiche potete già intuire che ci sono assenze importanti, come quella di un sensore grandangolare, ma lo smartphone punta molto sulla modalità Ritratto. Effetto bokeh, Portrait Retouching, Selfie HDR, AI Color Portrait, Video Dual-View e AI Palette sono, dunque, le parole chiave. La natura di OPPO Reno8 Lite 5G è quella di uno smartphone per le foto, appartenente però alla fascia sotto i 400 euro. Per quanto abbiamo potuto vedere nei giorni di prova, i risultati si avvicinano alla fascia media sotto più punti di vista, presentando qualche grattacapo in contesti con molta luce o in notturna, ma potenzialmente in grado di convincere l'utente che non punta ai vertici della categoria. I video arrivano a 1080p/30fps.

OPPO ha scelto di dotare Reno8 Lite 5G di un processore Qualcomm Snapdragon 685, affiancato da 8GB di RAM LPDDR4X (espandibile di 5GB tramite software) e 128GB di memoria interna UFS 2.2 (espandibile fino a 1TB). I nostri benchmark hanno fatto segnare 378.168 punti su AnTuTu Benchmark v.9.3.9, nonché 688 punti in single-core e 1.976 punti in multi-core su GeekBench.

Nonostante non si tratti di certo del più prestante degli smartphone di fascia media, risulta possibile, oltre alla gestione senza troppi problemi dei classici impegni quotidiani, effettuare un po' di casual gaming.

Che si tratti di una partita a Stumble Guys o un rapido match su Call of Duty Mobile con dettagli e FPS su "Molto Alto" (il titolo è ben ottimizzato), il dispositivo riesce ad accompagnare l'attività con buone prestazioni. Non aspettatevi una fluidità impeccabile o la possibilità di spingere al massimo altri titoli più esosi in termini di risorse, ma un po' di gaming in relax si riesce a portare a casa. Il focus è in ogni caso altrove, tanto che il comparto connettività include 5G, Bluetooth 5.1, NFC e Wi-Fi 5. L'autonomia si basa invece su una batteria da 4500 mAh con supporto alla ricarica SUPERVOOC da 33W. Tra il refresh rate standard e la natura stessa del prodotto, nei giorni di prova non abbiamo mai avuto problemi nel portare a termine la classica giornata.
Siamo sicuri che qualcuno riuscirà ad andare oltre, sfruttando anche la ricarica rapida. Lato software c'è la ColorOS 12 basata su Android 11, che non manca di certo di offrire opzioni anche lato risparmio energetico.

La modalità Super risparmio energetico può incrementare anche di molto l'autonomia, così come le Orbit Light (i LED attorno alla fotocamera) possono essere disattivate, anche se OPPO promette consumi molto contenuti in tal senso.
Al termine della nostra prova di qualche giorno, la sensazione è che OPPO Reno8 Lite 5G sia uno smartphone che punta in tutto e per tutto all'utente medio. L'esperienza è infatti calibrata per risultare piacevole in termini di design e maneggevolezza, offrendo poi la possibilità di effettuare tutte le classiche operazioni di base con serenità. Certo, imperfezioni come quelle indicate a livello fotografico o in termini prestazionali possono far storcere un po' il naso l'utente più attento alle performance, ma OPPO mira a fornire all'utente una soluzione Premium di fascia media.

Si punta su uno smartphone ben costruito e che dispone di alcune caratteristiche peculiari come da tradizione del brand, proponendolo a un prezzo vicino ai 400 euro. La sua collocazione sul mercato lo fa scontrare con molti altri dispositivi validi, ma il target sembra essere ben preciso e Reno8 Lite 5G riuscirà sicuramente ad attirare l'attenzione di un certo tipo di utente, nonostante non si tratti del modello più entusiasmante del produttore.