RedMagic 6, il primo contatto: provato lo smartphone da gaming a 165 Hz

Lo smartphone da gaming RedMagic 6 è giunto nelle nostre mani in attesa della recensione: ecco foto, visualizzazione 3D e dettagli.

RedMagic 6, il primo contatto: provato lo smartphone da gaming a 165 Hz
Articolo a cura di

Sono passati ormai un po' di giorni dall'annuncio degli smartphone da gaming RedMagic 6 e RedMagic 6 Pro. Nonostante questo, ci vorrà un po' di tempo affinché i preordini per i dispositivi vengano attivati, dato che il "momento clou" è fissato per il 9 aprile 2021. Nel frattempo, il brand ci ha fornito con largo anticipo un sample di prova, che in realtà non è altro che la variante cinese di RedMagic 6 con la versione Global dell'OS. Questo significa che ci sono alcune divergenze tra il modello in nostro possesso e quello che verrà venduto in Europa, anche se in realtà sono trascurabili ai fini della valutazione del prodotto.
Tuttavia, per completezza d'informazione, dovete sapere che la variante cinese non dispone dell'NFC, mentre quella europea sì. In quest'ultima è invece assente il logo Tencent Games, che potete notare nelle foto relative alla nostra unità. Infine, la confezione di vendita del modello cinese include un caricabatterie da 66W, mentre in Europa ce ne sarà uno da 30W. Sciolto questo nodo, è arrivato il momento di dare una prima occhiata al dispositivo, che ricordiamo verrà venduto a 599 euro (12/128GB, Eclipse Black). L'effettiva disponibilità partirà dal 15 aprile 2021.

Uno smartphone da gaming con diverse caratteristiche peculiari

Come avrete intuito, per questioni di embargo, al momento non possiamo sbilanciarci troppo in merito a RedMagic 6. Possiamo infatti solamente eseguire una sorta di "unboxing", pubblicando foto e visualizzazione 3D, illustrando la scheda tecnica e dando un fugace sguardo al design. Ci perdonerete, dunque, se in questa sede sfioreremo solamente la superficie del dispositivo, ma ci sarà modo di approfondirlo a dovere in fase di recensione.
In ogni caso, gli aspetti dello smartphone che si fanno notare sin da subito sono due: il refresh rate particolarmente elevato dello schermo e l'accessorio RedMagic Dual-core Cooler, che probabilmente verrà venduto a parte.

Nel primo caso facciamo riferimento alla presenza di un display AMOLED da 6,8 pollici con risoluzione Full HD+ (2400 x 1080 pixel), frequenza di aggiornamento di 165 Hz e touch sampling rate di 500 Hz. In parole povere, RedMagic sta puntando laddove finora nessun altro si è spinto, dato che il mercato odierno presenta "solamente" alcuni schermi a 144 Hz. Troppo presto per dare giudizi, ma ciò che bisognerà capire è se realmente questa maggiore fluidità riuscirà a migliorare l'esperienza in fase di gioco.
Ha già catturato i nostri cuori, invece, la doppia ventola con LED RGB, che va collegata a una fonte di alimentazione per poter funzionare. Avendo a disposizione una presa di corrente posta vicino al letto, l'esperienza di gioco può diventare molto comoda e il design strizza particolarmente l'occhio ai videogiocatori. Si tratta della naturale evoluzione dell'Ice Dock dello scorso anno, ma questa volta il look è più accattivante e il prodotto ci sembra riuscito meglio in generale. Non fraintendeteci: rimane un accessorio non esattamente per tutti, ma non è ancora tempo di giudizi.

Non si può dire invece nulla alla componentistica interna del prodotto, che sulla carta è da top di gamma: Qualcomm Snapdragon 888, 12GB di RAM LPDDR5 e 128GB di memoria interna UFS 3.1. Tutto questo è supportato da una batteria da 5050 mAh, affiancata dalla ricarica a 66W (come accennato in precedenza, in confezione c'è un caricabatterie da 30W). Per il resto, il comparto connettività risulta completo, tra Wi-Fi 6E, 5G, Dual SIM, NFC, jack audio per le cuffie da 3,5 mm e Bluetooth 5.1.
Trattando invece le caratteristiche peculiari, troviamo l'immancabile sistema di raffreddamento basato su ventola interna e vapor chamber, nonché il logo RedMagic retroilluminato e due zone LED poste sul retro, che si possono attivare in vari contesti.

Per il momento, ma ribadiamo che siamo ancora in una fase preliminare dei test, gli aspetti che potrebbero non sbalordire sembrano essere il reparto fotografico e il software. Il primo dispone di tre sensori posteriori rispettivamente da 64MP, 8MP (ultra-wide) e 2MP, nonché di una fotocamera anteriore da 8MP. Il sistema operativo è invece Android 11 con personalizzazione RedMagic OS 4.0.
Per il resto, non va dimenticata la presenza dei trigger dorsali a 400 Hz, che fanno da "controller" in determinate fasi di gioco. Se vi state chiedendo quali sono le dimensioni del dispositivo, queste sono pari a 169,86 x 77,19 x 9,8 mm, per un peso di 220 grammi. I materiali utilizzati sono metallo per il frame e vetro per la backcover.

Differenze tra RedMagic 6 e RedMagic 6 Pro

Il dispositivo che analizzeremo nella nostra futura recensione sarà RedMagic 6, ma i più attenti tra di voi sapranno sicuramente che sul mercato è in arrivo anche una variante Pro dello smartphone da gaming, che verrà venduta a un prezzo di 699 euro. Dovete dunque sapere che quest'ultima si differenzia principalmente per memorie, colorazioni e materiali. RedMagic 6 Pro dispone infatti di 16GB di RAM LPDDR5 e 256GB di memoria interna UFS 3.1. Inoltre, al posto della colorazione Eclipse Black di RedMagic 6, qui la scelta è ricaduta sull'edizione Moon Silver.
Per il resto, il brand afferma di aver utilizzato un alluminio di "grado militare" per il retro del dispositivo. Insomma, RedMagic 6 Pro è uno smartphone che cerca di alzare l'asticella ancora di più della variante base, ma senza stravolgerla.