Sky Soundbox alla prova: la soundbar ideale per il decoder Sky Q

Abbiamo provato Sky Soundbox, la soundbar proposta agli abbonati, ma non solo, perfetta per l'utilizzo con Sky Q.

provato Sky Soundbox alla prova: la soundbar ideale per il decoder Sky Q
INFORMAZIONI SCHEDA
Articolo a cura di

Sky Q ha segnato una netta evoluzione tecnologica per gli abbonati Sky. Nell'era di Netflix non sono importanti solo i contenuti, ma anche come vengono proposti e la piattaforma che ne permette la fruizione. Con Sky Q finalmente si può contare su una user interface moderna, rapida e funzionale, a cui si sono aggiunti di recente i nuovi comandi vocali.
In questo contesto di rinnovamento, Sky ha deciso di non fermarsi al solo decoder, ma di mettere a disposizione dei suoi abbonati, e non solo, anche una soundbar, chiamata Soundbox. Per la sua creazione, la pay TV ha deciso di puntare in alto, chiamando in causa Devialet, marchio francese che realizza diffusori di alta qualità.

Design e qualità

Il primo impatto con la Sky Soundbox non offre particolari sorprese, Devialet ha deciso di puntare su un design semplice e razionale. Presa in mano la cassa il peso è considerevole, non siamo di fronte a una scatola vuota, ma a un diffusore fatto con tutte le attenzioni del caso, usando materiali e componentistica interna adeguate agli standard dell'azienda francese. Il sistema è composto da 6 midwoofer, utilizzati per dare maggiore spazialità al suono. Ne troviamo due nella parte frontale, due al posteriore e uno per ogni lato.
Una configurazione completa e che permette di coprire bene lo spettro sonoro, e di dare anche una posizione alla provenienza dei suoni, almeno per quanto possibile senza la presenza di altoparlanti dedicati. Intagliati nella parte superiore si trovano quattro pulsanti per il controllo dello speaker, molto basilare, con cui è possibile abbassare o alzare il volume, cambiare la sorgente e accendere il dispositivo.
La connettività è piuttosto limitata ed è collocata tutta nella parte posteriore, ma del resto la soundbar è stata pensata per l'utilizzo con il decoder Sky Q, che viene collegato all'unica HDMI in ingresso. Troviamo poi una seconda HDMI in uscita per il televisore televisore, una porta USB e un ingresso ottico, molto importante per poter connettere almeno un altro dispositivo, come una console. Disponibile anche il Bluetooth.
Vista la sobrietà del design scelto non ci sono particolari considerazioni da fare in merito, attenzione però all'altezza dello speaker. La posizione ideale di collocamento sarebbe davanti al TV, ma in questo caso i 10 cm di altezza andrebbero in parte a coprire lo schermo. Meglio dunque posizionarlo sotto allo schermo in un apposito spazio, o meglio ancora in una configurazione con il televisore appeso al muro.
Il collocamento della cassa è molto importante per avere la migliore qualità audio possibile e un suono posizionale degno di questo nome. Ad esempio non deve essere messa all'interno di uno spazio ristretto, ma anche la configurazione dell'ambiente d'ascolto è molto importante, perché per poter generare l'audio posizionale il suono deve poter rimbalzare sui muri. A seconda del posizionamento la resa può migliorare o peggiorare, per cui fate attenzione al vostro setup nel caso in cui decidiate di acquistare Sky Soundbox.

Prova d'ascolto e prezzi

Abbiamo provato Sky Soundbox in una saletta messa a disposizione da Sky Italia, un ambiente perfetto per realizzare una stanza dedicata all'audio-video. L'ampio spazio tra lo speaker e i muri laterali, tuttavia, non permette di provare l'audio posizionale al meglio, visto che il suono utilizza proprio i muri per propagarsi nel modo corretto. I controlli sulle impostazioni audio inoltre sono molto basilari, per cui non è possibile configurare lo speaker in base alla stanza in cui viene collocato.
Ad ogni modo siamo rimasti colpiti dalle prestazioni di questa piccola cassa, soprattutto per quanto riguarda il canale centrale, quello deputato alla gestione delle voci. Proprio la voce è l'elemento che spicca di più, grazie a una resa davvero cristallina del parlato. Interessante anche la gestione dei contenuti dell'offerta Sky. Soundbox è infatti dotato di una serie di preset che adattano le impostazioni audio in base alla tipologia di contenuto che si sta guardando. Posizionandosi su un evento live, ad esempio una partita di calcio, Sky Q invia alla soundbar dei metadati che attivano la relativa modalità di ascolto, la stessa cosa avviene per i film o per la musica.

La resa cambia sensibilmente in base al contesto ma resta sempre molto piacevole e soprattutto dettagliata. Dal suono delle scarpe da ginnastica sul campo da basket a quello di un pallone calciato durante una partita di calcio, questi dettagli contribuiscono a rendere più coinvolgente la visione, senza per questo essere preponderanti rispetto ad altri elementi dello spettro sonoro. Gli eventi live vengono gestiti molto bene dalla cassa, ma anche i film riescono a raggiungere un buon livello di coinvolgimento, soprattutto alzando il volume.

La spazialità del suono, complice l'ambiente d'ascolto della prova, non viene evidenziata come in un vero impianto 5.1, ma pretendere una cosa del genere da una soundbar è impossibile. Buona invece la potenza dei bassi, che vanno a sottolineare bene le scene più spettacolari e ricche di effetti speciali.
Per quanto riguarda i costi, Sky Soundbox è proposto a 249€, fino al 25 novembre, per tutti i clienti Sky da più di sei anni, successivamente il prezzo sale a 349€. I nuovi abbonati possono richiederla a 399€ ma è possibile anche acquistarla a 599€ per i non abbonati, visto che il decoder Sky Q non è un requisito indispensabile per il suo utilizzo.

Sky Q Sky Soundbox è un prodotto particolare, di qualità e proposto a un prezzo commisurato a quanto offerto, almeno per gli abbonati. Siamo rimasti stupiti soprattutto dalla qualità di riproduzione delle voci, sempre chiare e cristalline, come anche dalla buona potenza in uscita, che genera un suono corposo e, nel giusto ambiente, potenzialmente avvolgente. La scelta di puntare su un prodotto di questo livello a nostro avviso è corretta, Sky avrebbe potuto vendere molti più speaker a cifre più basse, ma a perdere sarebbe stata la qualità dell’esperienza d’ascolto. Se state dunque cercando una soundbar realizzata in maniera impeccabile e avete un ambiente d’ascolto adatto ad ospitarla, la proposta di Sky è certamente valida e da tenere in seria considerazione.