Recensione Acer Predator Z650: il proiettore pensato per i gamer

Acer Predator Z650 è uno dei pochi proiettori sul mercato che può essere espressamente definito da gaming, in quanto possiede svariate funzionalità dedicate ai giocatori, incluso il 3D di NVIDIA e audio con tecnologia DTS.

recensione Acer Predator Z650: il proiettore pensato per i gamer
Articolo a cura di

Nell'ultimo periodo Acer sta spingendo tantissimo sui prodotti da gioco, progettandone di svariate tipologie per accontentare un'enorme parte dei giocatori. Nella sua linea ha da poco inserito anche un proiettore espressamente realizzato per l'ambito gaming. Componenti di questo tipo sono rari e l'utente che vuole giocare con un proiettore deve spesso accontentarsi. Mostrato per la prima volta all'IFA 2015 di Berlino, il Predator Z650 possiede invece tantissime caratteristiche uniche che faranno la gioia dei più appassionati. Non solo fedeltà cromatica, ma anche 3D e suono DTS sono alcune delle funzionalità di questo prodotto.

Packaging, bundle e specifiche tecniche

La confezione esterna di Acer Predator Z650 non possiede troppe informazioni ed è in cartone duro. Frontale e retro sono identici e mostrano una grossa foto del lato anteriore del proiettore, più il simbolo della famiglia Predator - che è piazzato in basso a sinistra. I lati invece esibiscono i loghi delle feature dello Z650, come i 144 Hz in 3D, il supporto dell'HDMI o quello Bluetooth. Una volta aperta la scatola abbiamo una grossa borsa in tessuto che è adagiata fra due supporti in polistirolo. Questa contiene il proiettore, che è avvolto in un involucro gommato. La borsa può essere impiegata per trasportare lo Z650 ma è anche funzionale per altri scopi, volendo. Essa ha anche uno scompartimento frontale in cui troviamo parte del bundle, che comprende un cavo VGA, alimentazione, libretto per la garanzia, istruzioni per la sicurezza, guida rapida, telecomando con batterie incluse, alimentazione ed occhiali 3D. Essi arrivano in una confezione separata, ma ne parleremo meglio nel prossimo paragrafo.
La risoluzione massima della lente del proiettore è Full HD (1920 x 1080 pixel), con aspect ratio in 16:9. La tecnologia utilizzata è la DLP (Digital Light Processing) di Texas Instruments, che sfrutta un semiconduttore ottico per manipolare la luce. L'apertura focale arriva a f/2.78, mentre la lunghezza focale va fino a 11,22 millimetri. Il contrasto dichiarato dall'azienda è di 20.000:1, mentre il rapporto di proiezione (throw ratio) va da 0,69 a 0,76 su 100 pollici. Lo zoom digitale massimo è 2x e si controlla ovviamente dall'OSD, mentre quello ottico si ferma ad un fattore di 1,1x. Z650 riesce a proiettare l'immagine a schermo anche a più di quattro metri e mezzo di distanza. La lampada consuma circa 240 W quando è in funzione, ma il prodotto nella sua interezza ha una potenza di 424 Watt in ingresso - questa può scendere a 360 W se si fa uso della Eco Mode. Il proiettore presenta inoltre due speaker da 10 W con tecnologia DTS.

Design e occhiali 3D

Il pattern di colori impiegato dalla società taiwanese è affine a quello ormai tipico della linea Predator, e cioè il grigio scuro ed il rosso. Essendo un prodotto da gioco, Z650 ha un design decisamente più spinto dei classici proiettori. Sul frontale troviamo la grande lente, che è sormontata da una copertura in plastica che la protegge dalla polvere e da altri agenti esterni. Essa va ovviamente rimossa prima dell'utilizzo, ma rimane ancorata alla scocca tramite un cavetto gommato, che evita il suo smarrimento. Dalla lente si dipartono tanti cerchi concentrici, che vanno a costituire la texture dell'area anteriore. Sulla sinistra c'è invece un foro per il passaggio dell'aria. Altre prese per il ricircolo del calore sono piazzate sulle zone laterali che, come il frontale, sono dipinte di rosso. Il retro presenta invece sostanzialmente la connettività del proiettore, che è piuttosto fornita: abbiamo un ingresso e un'uscita VGA, due HDMI (di cui la seconda con MHL), porta USB 2.0 con funzionalità di ricarica, input S-Video, ingresso component, audio in ed audio out più presa per il cavo di alimentazione. La zona posteriore condivide il grigio scuro del top. Quest'ultimo dà alloggio ai nove tasti per controllare l'OSD (accensione, Mode, Source, Menu, Resync e le quattro frecce direzionali) senza l'utilizzo del telecomando, oltre che allo slider che consente di regolare il fuoco della lente. Infine, la parte bassa del proiettore presenta quattro piedini molto spessi che tengono il prodotto fermo sulla superficie di appoggio, oltre che ad un supporto regolabile in altezza, utile per controllare l'inclinazione dello Z650.
Come abbiamo affermato nel paragrafo precedente, il prodotto di Acer supporta il 3D (compreso NVIDIA 3DTV Play) ed arriva con gli appositi occhiali in dotazione. Questi sono in una confezione a parte, sulla quale scorgiamo le loro principali caratteristiche. Una volta aperta, troviamo al suo interno due paia di lenti, alle quali sono associati un cavo USB e un panno in microfibra per la loro pulizia.

OSD ed esperienza d'uso

Una volta inserite le pile nel telecomando e collegato il proiettore sia ad una presa a muro che al proprio computer, il tutto risulta già pronto per essere utilizzato. Il test è stato effettuato collegando la nostra NVIDIA GTX 980 Ti allo Z650, sfruttando la connettività messa a disposizione dall'HDMI. Il proiettore può essere ovviamente avviato dal telecomando stesso, che fa produrre un bip per confermare che il comando è stato ricevuto. Nessuna configurazione è necessaria.
Secondo Acer, lo Z650 offre una qualità cromatica superiore grazie ColorPurity, tecnologia che riesce a riprodurre un gamut più esteso. La qualità della visualizzazione è infatti davvero ottima già alla prima accensione, e la differenza con la resa di un classico monitor si nota subito. I colori sono molto accesi, il contrasto è elevato (ciò è decisamente percepibile) e la gamma sembra più o meno corretta. Le tonalità sono probabilmente un po' falsate e danno un effetto troppo carico, ma da vedere sono davvero piacevoli. Anche la temperatura colore sembra piuttosto neutra, con i bianchi ben riprodotti. Il proiettore consente di impostare rapidamente dei profili, fra i quali segnaliamo ad esempio quello per lo sport o per il gaming. Abbiamo trovato che "Film" è quello che restituisce il miglioramento più netto. Batman Arkham Knight, Heroes of the Storm ed Hearthstone sono stati i titoli impiegati per la provo di gioco, tutti resi eccellentemente, anche in 3D. Non abbiamo riscontrato effetti di ghosting o artefatti particolari.
All'On Screen Display si accede premendo il relativo tasto sul telecomando. I menu sono tanti e ricchi, e l'utente ha un sacco di impostazioni con cui poter agire e regolare il proiettore come più gli fa comodo. La prima sezione è relativa ai settaggi sul colore e si possono gestire i classici parametri quali la temperatura, il contrasto o la luminosità. Dalla seconda è possibile regolare le proporzioni dell'immagine per adattarla alla superficie di proiezione, mentre la terza si chiama "Impostazioni" e governa la schermata iniziale o eventuali sottotitoli di un film. Abbiamo poi "Gestione", che permette di attivare la modalità ECO o di impostare il timer di spegnimento. La sezione "Audio" è auto-esplicativa e raggruppa le impostazioni relative al suono, come quella per gestire il DTS, per regolare il volume o per attivare il muto. Dalla sezione "3D" si può attivare l'effetto tridimensionale, oppure quello "2D to 3D", che adatta ogni contenuto planare rendendolo 3D, appunto. Se una di queste funzioni viene accesa, lo Z650 si prende un attimo di pausa per applicare i cambiamenti. Siamo rimasti sorpresi dalla qualità del 3D, che è reso davvero molto bene. Per utilizzarlo, ovviamente, vanno indossati gli occhiali forniti in dotazione, che devono essere ricaricati prima di essere indossati. Basta poi premete un piccolo bottone sulla loro scocca (dopo aver attivato il 3D) ed il gioco è fatto.

Predator Z650 è compatibile anche con la tecnologia Wireless HD che, in accoppiata con un kit apposito, permette di collegare il proprio computer al proiettore senza cavi. All'interno della scocca c'è il dongle che permette alla feature di lavorare correttamente. Acer si è infatti ricavata un piccolo spazio per consentire che esso fosse inserito comodamente e senza troppi problemi. Wireless HD non fa inoltre perdere risoluzione, in quando è capace di gestire il 1080p. Purtroppo non avevamo un kit Wireless HD a disposizione e non abbiamo avuto modo di sperimentarla. Il Bluetooth invece funziona bene, e lo abbiamo abbinato a delle cuffie senza cavo.

Acer Predator Z650 Predator Z650 è uno dei pochissimi proiettori che realmente può essere definito da gioco, in quanto non solo impiega delle tecnologie classiche, ma sfrutta anche delle caratteristiche che i player conoscono bene. Il prodotto è in generale molto curato, sia a livello di design che lato software. Le plastiche non sono eccezionali ma non costituiscono di certo un difetto. Un punto a sfavore è invece dato dalla rumorosità della ventola, che quando è in funzione genera un po’ troppo rumore; avremmo preferito avere un profilo più silenzioso. La qualità con cui vengono riprodotti i contenuti è ottima e la differenza rispetto ad un comune schermo si vede eccome. Il prezzo dello Z650 è altino e pari a circa 1000 €, probabilmente dovuto alle sue peculiarità, che lo rendono un prodotto unico. Se non vi spaventa il costo, desiderate comprare un proiettore espressamente per giocare e vi interessa anche il 3D, allora potrebbe fare per voi.

8.7