Amazon Echo Dot 2019 Recensione: con lo schermo è ancora più completo

Amazon ha rinnovato il suo speaker intelligente più economico inserendo uno schermo, un piccolo upgrade che si rivela però molto funzionale.

recensione Amazon Echo Dot 2019 Recensione: con lo schermo è ancora più completo
Articolo a cura di

Amazon Echo Dot è molto più di una semplice cassa Bluetooth. Al suo interno batte infatti il cuore di Alexa, un assistente vocale sempre più diffuso nel mondo e in Italia. Il merito di questo successo va innanzitutto all'ecosistema di prodotti messo in campo da Amazon, dal costo contenuto e di qualità, ma anche alla compatibilità dei dispositivi di terze parti (sono sempre di più quelli che abbracciano Alexa). Non va inoltre dimenticato che proprio Alexa è in continua evoluzione, novità importanti arriveranno a breve anche in Italia con l'introduzione del nuovo motore di sintesi vocale, il Neural Text to Speech, che renderà ancora più naturale parlare con i prodotti compatibili.
Il momento è ottimo per Alexa insomma e ora tanti nuovi dispositivi sono arrivati, o stanno per arrivare, su Amazon, a partire da Echo Dot 2019, una porta di accesso economica verso l'assistente vocale ma anche una buona cassa per sentire la musica e molto altro.

Ottima qualità costruttiva

Amazon Echo Dot nella sua versione 2019 sembra identico al precedente modello. Non cambia praticamente nulla da spento, ed è un bene, perché Amazon è riuscita a mantenere l'ottima qualità costruttiva vista in passato. Tutti gli elementi che compongono lo speaker, dalla plastica al tessuto, restituiscono un'ottima sensazione al tatto, grazie all'impiego di un policarbonato morbido nella parte alta e sulla base e a un tessuto di qualità a coprire le piccole casse di cui è dotato.
Nella parte superiore sono visibili i quattro microfoni per attivare e interagire con Alexa, insieme ai tasti per il volume, per spegnere gli stessi microfoni, e al pulsante azione, con cui attivare ad esempio la ricerca di periferiche bluetooth. In un piccolo intaglio nel tessuto sono invece collocate la presa per l'alimentazione e un jack da 3.5 mm che funziona da uscita audio.

La vera novità di questo modello è rappresentata dal display LED installato sotto al tessuto protettivo, che permette di vedere l'ora ma anche di leggere la temperatura, oppure di visualizzare un timer. Amazon ha pensato bene la sua implementazione, inserendo anche un sensore di luminosità, in modo da regolare quella del display automaticamente in base alla luce presente nella stanza. Lo schermo è un elemento che può sembrare superfluo ma in realtà, su un prodotto già completo come Echo Dot, ne espande ulteriormente le possibilità di utilizzo, ad esempio ora si può impiegare come sveglia, con tutti i vantaggi di avere però Alexa sempre a disposizione.
Le dimensioni sono contenute, di 43 x 99 x 99 mm per 300 g, la solidità di Echo Dot si sente anche dal peso di questa piccola cassa.

Molto più di una semplice cassa

Echo Dot si connette alla rete tramite Wi-Fi a 2.4 o a 5 GHz. Per quanto riguarda il Wi-Fi 6 Amazon si limita ad affermare che "al momento" non è compatibile, ma non si tratta di una funzione che cambierebbe l'esperienza d'uso, visto che durante l'utilizzo non si ha mai bisogno di trasferire grandi quantità di dati. Sul fronte audio la cassa non spicca particolarmente per qualità ma si difende comunque bene, con dei bassi presenti e degli alti piuttosto pungenti. Non è certo questo il suo scopo principale del resto, Echo Dot nasce per offrire molto di più. Se infatti dovessimo metterlo a confronto con altri prodotti nella stessa fascia prezzo è possibile trovare casse che suonano meglio, ma non sarebbero comunque in grado di fare quello che fa lo speaker di Amazon.

È Alexa il vero valore aggiunto, soprattutto se avete già un ecosistema di prodotti connesso in casa Echo Dot diventa il più economico punto di accesso all'assistente vocale di Amazon; ad esclusione di Echo Flex ovviamente, un prodotto però molto più basilare. Tramite le Skill (a questo link come utilizzarle) è possibile comandare lampadine, sistemi di allarme, conoscere informazioni di varia natura, dalle previsioni meteo ai promemoria, insomma, valutare Echo Dot solo sul fronte della qualità audio, comunque discreta, sarebbe estremamente limitante per un prodotto con queste potenzialità. Sempre con le Skill si possono associare ad Echo Dot diversi servizi di streaming musicale, da Spotify a Apple Music, opzione non disponibile per i semplici speaker bluetooth.

Il tutto condito da microfoni che riescono a captare molto bene la voce e permettono anche di chiamare altri utenti registrati al servizio vocale di Amazon.
Insomma, l'offerta di funzioni legate ad Alexa è davvero ampia e in continua espansione. Se a questo aggiungiamo lo schermo, che torna comodo per vedere l'ora, i timer e le sveglie, otteniamo un prodotto ancora più completo di quanto non lo fosse già nel recente passato, tanto che possiamo dire di trovarsi di fronte al miglior speaker economico "intelligente" oggi disponibile.

Amazon Echo Dot 2019 Amazon Echo Dot è molto più di un semplice speaker bluetooth. È la porta principale, e la più economica in rapporto alle funzioni offerte, verso Alexa e i servizi ad essa legati, il tutto senza rinunciare a una riproduzione audio più che soddisfacente per un ascolto senza troppe pretese. La proposta di Amazon è quindi vincente sotto ogni fronte, a patto però di sfruttare al meglio Alexa. Nel nostro caso, grazie all’assistente vocale di Amazon e alla piccola cassa siamo riusciti a comandare con la voce un sistema di prodotti complesso, che comprende lampadine, allarme, TV e videocamere. Il tutto a un prezzo, di 54 euro su Amazon, che vale sicuramente il costo del biglietto.

8.5