Amazon Echo Show 8 Recensione: Alexa vi risponde anche dal display

Amazon Echo Show 8 è una via di mezzo tra Echo Show 5 e il più costoso Echo Show di seconda generazione: ecco tutto quello che ha da offrire.

Amazon Echo Show 8 Recensione: Alexa vi risponde anche dal display
Articolo a cura di

Sono ormai diversi anni che si sente di parlare di casa domotica e display intelligenti. Per chi non avesse seguito l'andamento del mercato, questi ultimi sono dei dispositivi da piazzare in qualche stanza in cui si trascorre molto tempo (es. cucina) e da utilizzare come hub per tutta la propria esperienza IOT (Internet of Things). Non solo: è possibile anche sfruttare un assistente vocale per farsi riprodurre canzoni, ottenere le notizie del giorno, conoscere le previsioni meteo e chi più ne ha più ne metta.
In parole povere, uno smart screen permette di effettuare miriadi di azioni in modo semplice mediante l'utilizzo della voce. Tra i principali produttori di questi dispositivi, troviamo Amazon e la sua serie Echo. In particolare, una delle famiglie più interessanti è Echo Show, che unisce le potenzialità dell'assistente vocale Alexa a quelle di un display touch screen, dando anche risposte visive e fornendo un ulteriore livello di interazione. Nelle ultime settimane, abbiamo avuto modo di provare nel quotidiano Echo Show 8, dispositivo che viene venduto a un prezzo di 129,99 euro su Amazon Italia (nei giorni adiacenti alla pubblicazione della recensione è in sconto a 79,99 euro).

Modelli e design

Prima di analizzare nel dettaglio il design, è bene parlare dei modelli di Amazon Echo di ultima generazione presenti in commercio. Infatti, gli utenti a volte fanno confusione tra le varie possibilità proposte dall'azienda di Jeff Bezos. Ebbene, ci sono tre smart screen in vendita: il piccolo Echo Show 5, che potremmo definire come l'entry-level (anche se in realtà le principali funzionalità ci sono tutte), Echo Show (seconda generazione), il top di gamma con schermo da 10 pollici di cui potete leggere nella nostra recensione, e Amazon Echo Show 8, ovvero una sorta di via di mezzo tra i due, nonché il dispositivo di cui stiamo parlando oggi.

Partendo dalla confezione di vendita, all'interno troviamo semplicemente, oltre al dispositivo, il cavo per l'alimentazione dalla lunghezza di circa 1,5 metri e l'immancabile manualistica.

La parte frontale dello Show 8 è caratterizzata solamente dallo schermo e dalla fotocamera posta in alto a destra. Lo screen-to-body ratio non è di certo elevato, ma d'altronde questa tipologia di prodotto non richiede necessariamente dei bordi sottili. Il materiale utilizzato per la zona che collega la parte posteriore al display di Echo Show 8 è la plastica, mentre sul retro c'è un rivestimento in tessuto antracite (nel nostro caso, ma esiste anche una variante grigio chiaro).

La solidità costruttiva è ottima, considerati anche le dimensioni e il peso (200, 4 x 135,9 x 99,1 mm, per 1037 grammi). Il prodotto si posiziona bene in un contesto casalingo ed è gradevole alla vista, anche se alcuni potrebbero ritenere le dimensioni di questo modello un po' troppo elevate. In ogni caso, per chi non ha molto spazio esiste il modello Show 5.

Nel lato superiore di Echo Show 8 troviamo il pulsante per attivare/disattivare microfono e telecamera (un LED rosso si illumina per segnalare all'utente che Alexa in quel momento non può ricevere comandi), i microfoni per la ricezione dei comandi, i pulsanti per alzare/abbassare il volume e lo slider fisico per coprire la camera anteriore con un inserto bianco.
Sul retro, oltre all'ingresso per l'alimentazione, fanno capolino un jack audio da 3,5 mm per le cuffie e una porta microUSB standard, che però è pensata per essere utilizzata solamente per scopi di manutenzione nei centri assistenza. La parte inferiore del dispositivo ha una base in plastica morbida per garantire una corretta aderenza alle superfici, mentre i lati sono completamente "vuoti".

Scheda tecnica ed esperienza d'uso

Le specifiche tecniche del dispositivo sono esattamente quelle che vi aspettate da uno smart screen: camera da 1MP, due altoparlanti stereo da 2" (52 mm, 10W per canale, radiatore passivo), processore quad-core MediaTek MT8163 operante alla frequenza massima di 1,3 GHz e schermo touch screen da 8 pollici con risoluzione HD+ (1280 x 800 pixel). La qualità di quest'ultimo è nella media: d'altronde, il dispositivo non trova di certo il suo punto di forza nella visione di contenuti multimediali e fa bene quello che deve fare. La luminosità automatica solitamente funziona come si deve, andando a rendere lo schermo meno luminoso, ma comunque leggibile, una volta spenta la luce.

Analizzando la qualità audio, gli altoparlanti e il radiatore passivo svolgono ottimamente il loro lavoro. Non aspettatevi una resa finale impeccabile, soprattutto nella riproduzione musicale, ma i bassi sono sufficientemente profondi, anche se a volte risultano un po' preponderanti e le alte frequenze non vanno a distorcere l'audio nemmeno a volumi elevati.
In linea generale, però, stiamo proprio andando a trovare l'ago nel pagliaio, visto che sicuramente gli audiofili non utilizzeranno Echo Show 8 per riprodurre i propri brani preferiti e che è comunque presente il jack audio per le cuffie. C'è anche la possibilità di collegare un headset Bluetooth, in modo da ricevere le risposte ai comandi e ascoltare i contenuti audio mediante cuffie senza fili. Non manca il supporto ad A2DP e AVRCP.

Echo Show 8 offre il supporto al Wi-Fi 802.11 a/b/g/n/ac. Per quanto riguarda la ricezione dei comandi, non abbiamo mai avuto alcun tipo di problema, se non le classiche "incomprensioni" che si possono avere con Alexa, che a volte può capire, ad esempio, "camera da letto" al posto di "camera di Andrea", ma queste sono piccolezze e spesso si basano su una frase pronunciata a bassa voce o comunque non in modo preciso. L'assistente vocale di Amazon ormai lo conosciamo bene, ma, per riassumervi a che punto è arrivato il riconoscimento delle parole, vi raccontiamo un aneddoto divertente.
Chi vi scrive ha voluto testare prima nella propria abitazione e poi in quella della nonna il dispositivo, dato che il miglior metodo per provare un prodotto del genere è inserirlo nel contesto quotidiano. Installata nel lampadario una delle classiche lampadine intelligenti TP-Link Kasa Smart Light Bulb KL110 (si trovano su Amazon Italia a circa 20 euro l'una), è bastato scaricare le relative applicazione e skill per riuscire a collegare il dispositivo alla rete Wi-Fi e chiamarlo "Luce Camera Andrea". La procedura non è molto complessa, ma dovete posizionare la lampadina all'interno del campo di ricezione della rete e utilizzare il software di configurazione del brand coinvolto.
Ebbene, una volta impostato tutto correttamente, è bastato dire "Alexa, spegni luce camera Andrea" per far calare il buio. A quel punto, la nonna, a sorpresa, ha pronunciato un timido "Alessa, accendi luce" e, per quanto sbagliati fossero la pronuncia e il comando, Echo Show 8 ha comunque acceso la lampadina. Insomma, ottima comprensione dei comandi.

Non manca la possibilità di utilizzare un "Alexa, aumenta luminosità luce camera Andrea" per sfruttare al meglio le funzionalità offerte dalla lampadina smart. Questa è solamente la punta dell'iceberg delle possibilità offerte dall'IOT ed è anche l'applicazione più semplice da mettere in atto in una qualsiasi casa. Tuttavia, abbiamo voluto raccontarvi questo aneddoto per farvi capire quanto in realtà un prodotto del genere possa essere utilizzato nella quotidianità.

Il sistema operativo è il classico proprietario di Amazon, che si limita a svolgere le funzionalità legate ad Alexa. È possibile, ad esempio, chiedere ad Alexa di riprodurre un brano tramite Amazon Music, Spotify e Apple Music (vi verrà richiesto di sottoscrivere un abbonamento nel caso la canzone non sia tra quelle ascoltabili gratuitamente), farsi leggere un libro incluso nel proprio account Amazon o comunque attraverso Audible, dare un'occhiata alle proprie foto o scattarne attraverso il sensore da 1MP, avviare Prime Video per guardare qualche film o serie TV (si può aprire la relativa applicazione tramite comandi vocali), accedere ai dispositivi connessi (come le videocamere di sorveglianza) ed effettuare ricerche tramite il browser (YouTube si può utilizzare, ma solamente tramite sito mobile e non attraverso un'app dedicata).

Scorrendo dall'alto verso il basso sul pannello touch screen, è possibile regolare la luminosità, tornare alla schermata Home, impostare la modalità Non disturbare e accedere alle impostazioni. Le possibilità sono quelle classiche, dalla gestione dello sfondo a quella della luminosità, passando per l'audio, per la scheda "Cose da provare" (che aiuta a prendere confidenza con Alexa) e per le impostazioni relative ai contenuti che compaiono nella Home.

Infatti, mentre Echo Show 8 è acceso, sul display si alternano delle schermate che mostrano, ad esempio, gli argomenti di tendenza e il meteo. È possibile scorrere queste ultime tramite uno swipe da destra verso sinistra o viceversa oppure attendere che vengano cambiate automaticamente. Da sottolineare il fatto che è necessario che il dispositivo sia collegato all'alimentazione elettrica per funzionare (non c'è una batteria per l'utilizzo in autonomia di Echo Show 8), quindi va riposto in un punto specifico della casa e lasciato lì.

Le possibilità dello smart screen possono essere ampliate mediante le skill. Queste possono essere associate al proprio profilo mediante l'applicazione ufficiale di Alexa per smartphone e poi verranno automaticamente applicate anche a Echo Show 8. Per farvi un esempio concreto, attivando la skill ufficiale di Everyeye e pronunciando le parole "Alexa, quali sono le notizie di oggi?", lo smart screen vi mostrerà anche le principali news provenienti dal nostro sito, riproducendo in seguito un breve telegiornale di Sky TG24 e fornendo informazioni sul meteo.

Insomma, è il comando perfetto per iniziare la giornata e rimanere aggiornati sulle ultime novità. Da sottolineare anche il fatto che la presenza di un touch screen può aiutare nell'eseguire le varie azioni quotidiane, consentendo di tornare alla Home in ogni momento e di interagire con le impostazioni che Alexa fa comparire a schermo quando si utilizzano i comandi vocali. Sicuramente c'è un livello di interazione aggiuntivo rispetto a un Echo Dot. Infine, non è da sottovalutare la possibilità di effettuare videochiamate verso altri dispositivi Echo o tramite Skype. Aspetto che può risultare utile nel caso si utilizzi spesso questa funzionalità.

Amazon Echo Show 8 Amazon Echo Show 8 è un ottimo compromesso. Venduto a un prezzo non esagerato (il costo consigliato è di 129,99 euro), lo smart screen offre un display dalla diagonale abbastanza ampia per riuscire a svolgere tutte le azioni quotidiane, compresa la riproduzione di video. La qualità audio è tutto sommato buona e il dispositivo si lascia utilizzare agevolmente. Le possibilità offerte da Echo Show 8 sono tante e ci vorrebbe un libro per disquisire sul mondo di opportunità legate ad Alexa e alla sua implementazione con display. Probabilmente, dispositivi come questo faranno sempre più spesso da hub per la propria esperienza tecnologia in futuro e quindi mettersi in casa un Echo Show 8 può essere un buon affare. Certo, per sua stessa natura, non si tratta di un prodotto adatto a tutti, ma sicuramente è uno dei migliori smart screen presenti sul mercato.

8