AMD Ryzen 3 3100X e 3300X Recensione: CPU per giocare spendendo poco

Abbiamo provato i nuovi Ryzen 3 3100X e 3300X, due processori dal prezzo contenuto che si sono mostrati validi compagni di gioco.

recensione AMD Ryzen 3 3100X e 3300X Recensione: CPU per giocare spendendo poco
Articolo a cura di

Serve davvero un processore potente per giocare? Una domanda ricorrente che ci si pone spesso quando si è in cerca dei componenti per un nuovo PC. Non sempre la risposta è così scontata, ci sono titoli che sfruttano di più la CPU rispetto ad altri, inoltre un computer è una macchina multi uso e spesso il gaming è solo una parte del suo campo operativo.
A nostro avviso l'approccio corretto è quello dell'equilibrio tra le componenti, meglio non affiancare a una GPU di fascia alta un processore sottodimensionato, ma per una configurazione di medio livello le rinunce da fare, con delle CPU entry level come i nuovi Ryzen 3 3100X e 3300X, sono davvero minime in campo ludico. Ecco perché, in questa recensione, abbiamo testato insieme ai nuovi arrivati anche il rodato Ryzen 5 3600X, uno dei processori più apprezzati dai gamer proprio per il suo rapporto qualità-prezzo.

Specifiche tecniche e prezzi

I nuovi Ryzen 3 3100X e 3300X sembrano pensati appositamente per il gaming. AMD ha rinunciato a uno dei suoi cavalli di battaglia degli ultimi anni, ovvero l'alto numero di Core, preferendo frequenze di funzionamento più spinte. Questa considerazione vale per la lineup di AMD, perché se ci spostiamo nella controparte Intel troviamo, come diretti concorrenti, l'i3-9100 e l'i5-9400, il primo con 4 Core e il secondo con 6 Core, entrambi però senza Hyper-Threading, tecnologia che permette di raddoppiare i Core logici disponibili. AMD invece propone il Simultaneous Multithreading già in questa fascia di mercato. Questi nuovi processori sono anche una risposta alle CPU Comet Lake di decima generazione di Intel, in arrivo a breve sul mercato, che tra le principali novità includono proprio l'Hyper-Threading anche nei modelli entry level.

Alla base della nuova offerta di AMD troviamo il Ryzen 3 3100X, realizzato a 7 nm, con 4 Core e 8 Thread e una frequenza di funzionamento che parte dai 3.6 fino ai 3.9 GHz. Questo processore ha un TDP di 65 W, 2+16 MB di cache L2+L3 e supporta 24 linee PCIe 4.0. Il bundle include anche un dissipatore Wraith Stealth di AMD, per un prezzo finale di 91€ tasse escluse.

Il Ryzen 3 3300X offre le medesime specifiche, l'unica differenza è nelle frequenze operative, che partono da 3.8 e arrivano a 4.3 GHz, con un prezzo di 110€ tasse escluse.
Per capire quanto il processore influenzi le prestazioni durante il gioco abbiamo aggiunto alla comparativa un Ryzen 5 3600X, con 6 Core e 12 Thread. In questo caso il TDP è di 95W ma le frequenze sono più alte, si parte infatti da 3.8 GHz per poi arrivare a 4.4 GHz. Aumenta anche la cache, con 3+32 MB L2+L3, per un prezzo finale di 239 su Amazon Italia.

Configurazione di prova e benchmark

Per la prova dei nuovi processori di AMD abbiamo usato una scheda madre ROG Crosshair VIII Impact con chipset X570, ma ricordiamo che la compatibilità è garantita anche con i chipset di fascia più bassa, come il B450, più adatto per processori entry level come questi. La configurazione è composta da una GPU AMD Radeon RX 5700 XT con 8 GB di RAM GDDR6, 16 GB di RAM a 3400 MHz e da un monitor ROG PG27UQ.
I test sono divisi in due categorie, con benchmark sintetici e benchmark dei giochi, questi ultimi svolti con DirectX 12 e impostazioni al massimo disponibile.
Partiamo proprio dai benchmark sintetici, che rispecchiano di più le differenze di prestazioni tra questi processori. Simulando contesti d'uso più disparati, questi test vedono in netto vantaggio il Ryzen 5 3600X, che forte di frequenze di clock superiori e di un numero più alto di Core stacca facilmente i Ryzen 3.

Soprattutto nei test che simulano l'utilizzo intensivo di più Core contemporaneamente, come Cinebench R20 e CPUz, il Ryzen 5 vince per distacco, mentre le differenze tra il 3100X e il 3300X sono piuttosto risicate e causate dal clock più alto del 3300X. Anche il benchmark 3D Mark Time Spy mostra differenze piuttosto significative, nonostante si tratti di un test pensato per il gaming.

Da questi dati si potrebbe concludere che le prestazioni durante il gioco siano molto differenti e favoriscano il 3600X, ma la realtà è diversa. Come si può osservare dai grafici solo in 1080p il 3600X riesce a tirare fuori qualche frame in più rispetto ai rivali, che gestiscono bene la RX 5700 XT nonostante specifiche decisamente inferiori.
Come abbiamo riscontrato più volte nel corso degli ultimi anni, ormai sono le GPU a dettare legge nel mondo del gaming. Una CPU di fascia alta da molti vantaggi ma pochi di questi sono riscontrabili durante il gioco. Bisogna però specificare che la differenza nelle prestazioni può crescere in base al gioco, per cui aumentando il campione di test avremmo sicuramente trovato altri titoli come Shadow of the Tomb Raider, dove i 12 frame in più del 3600X rispetto al 3100X fanno la differenza.
La questione a questo punto è: l'aumento nel frame rate, non sempre presente e speso marginale, vale il prezzo di un processore più potente? Molto dipende dall'utilizzo che si fa del computer, se lo si usa solo per il gaming allora i vantaggi sono limitati, ma i PC servono anche ad altro e in questi casi un processore di classe superiore fa davvero la differenza.

AMD I nuovi Ryzen 3 3100X e 3300X sono degli ottimi compagni per dei PC da gioco dal costo contenuto. Come si può vedere dai benchmark le differenze rispetto ai modelli superiori non sempre sono evidenti, bisogna trovare un gioco che sfrutta maggiormente la CPU per vederle e diventano irrilevanti una volta superati i 1080p. La GPU è nettamente più importante in questo ambito, ma non è certo una novità. A ogni modo, oggi realizzare una configurazione da gioco a basso costo è ancora più semplice, soprattutto se si punta al chipset B450, che permette di risparmiare molto rispetto al più costoso X570, per due soluzioni consigliate soprattutto se si utilizza il PC prevalentemente in ambito ludico.

8.5