AMD Ryzen 5 3400G Recensione: processore con GPU Vega integrata alla prova

AMD Ryzen 5 3400G è un aggiornamento rispetto alle precedenti APU di AMD, che porta in dote un processo produttivo migliore e frequenze più elevate.

recensione AMD Ryzen 5 3400G Recensione: processore con GPU Vega integrata alla prova
Articolo a cura di

Le APU di AMD sono prodotti interessanti per chi cerca un processore con grafica integrata. Questi possono essere utili in diversi contesti, in un mini PC ad esempio o in un set top box di piccole dimensioni da utilizzare in salotto. Lo scorso anno avevamo provato le APU 2200G e 2400G, due processori da poco aggiornati con le varianti 3200G e 3400G. Visto l'arrivo sul mercato delle CPU Zen 2, che hanno ben figurato sia con i modelli di fascia alta Ryzen 9 3900X e Ryzen 7 3700X, sia con quelli di fascia media, come il Ryzen 5 2600X, ci si potrebbe aspettare un aumento considerevole delle prestazioni rispetto al passato, grazie alle frequenze più elevate e all'incremento dell'IPC consentito dalla nuova architettura.
In realtà, nel caso del Ryzen 5 3400G, l'aumento delle prestazioni passa solo attraverso frequenze più alte, perché la nuova APU è basata su architettura Zen+ a 12 nanometri, non sulla nuova Zen 2 a 7 nanometri. Lo spazio di manovra per aumentare le performance è quindi ristretto, per un incremento prestazionale presente ma non rivoluzionario.

Specifiche

In questa recensione testeremo il nuovo Ryzen 5 3400G, tutti i benchmark sono riferiti ad esso, ma AMD ha lanciato anche il Ryzen 3 3200G, che si differenzia per frequenze più basse e per l'assenza del Simultaneous Multithreading. Il Ryzen 3 3200G è un processore con 4 Core e 4 Thread, con una frequenza di funzionamento di 3.6 GHz capace di arrivare fino a 3.85 GHz su tutti i Core in modalità Turbo, mentre un singolo Core può spingersi fino ai 4 GHz. La GPU integrata è invece una Vega 8 con una frequenza di clock di 1250 MHz e 8 Compute Unit, il tutto con un TDP di 65W. Rispetto al 2200G cambiano solo le frequenze di clock, con 200 MHz in più sulla GPU in modalità Turbo e 150 MHz in più per la GPU.
Il 3400G è un processore più adatto ai compiti multi-core, visto che ne ha 4 ma in questo caso è presente il Simultaneous Multithreading, che porta il totale a 8 Core logici. Salgono anche le frequenze, di 3.7 GHz in modalità base e di 4 GHz su tutti i Core in modalità Boost, con la possibilità di raggiungere i 4.2 GHz su un singolo Core. La GPU è una Vega 11 con 8 Compute Unit e frequenza di clock di 1400 MHz. Anche in questo caso la differenza dal precedente Ryzen 5 2400G è esclusivamente nelle frequenze, che salgono di circa 200 MHz in modalità boost, il tutto con un TDP di 65W.
I prezzi sono di 99 dollari per il 3200G e di 149$ per il 3400G. In Italia il 3400G è attualmente venduto a 169€ online, contro i 104€ del 3200.

Configurazione di prova e benchmark

Abbiamo messo alla prova il Ryzen 5 3400G con la sua GPU, per capire se è possibile giocare senza l'aiuto di una scheda grafica esterna. Il PC di test è composto da una scheda madre Gigabyte B450I, 16 GB di RAM a 3200 MHz e da un monitor ROG PG 27UQ. Ricordiamo che le prestazioni delle APU sono fortemente influenzate dalla velocità della RAM, visto che viene usata come buffer di memoria video: se comprate un processore di questo tipo, meglio puntare su RAM veloci.
Partiamo dai benchmark sintetici e da CPU-Z, che mostra 2490 punti in multi-core e 456 punti in single core. Abbiamo inserito nelle tabelle i dati di tutti i processori Ryzen che abbiamo testato negli ultimi mesi, il distacco è notevole ma non deve stupire, il 3400G costa infatti meno dei processori che abbiamo usato come riferimento, nonostante questo riesce a difendersi piuttosto bene. Stessa cosa con Cinebench R20, dove il 3400G raggiunge i 1965 punti in multi core e i 415 in single core. Con il test 3D Mark TimeSpy invece il punteggio è di 4251 per la CPU.
Per quanto riguarda il gaming abbiamo scelto la risoluzione Full HD per eseguire tutti i test, che reputiamo il minimo per giocare nel 2019. Andare oltre sarebbe inutile, visto che la potenza a disposizione è limitata nel gaming, almeno con la GPU integrata.
In Deus Ex: Mankind Divided il 3400G ha segnato 22 frame al secondo con livello di dettaglio impostato su medio. Il titolo è ancora oggi molto pesante da gestire e il benchmark lo conferma, in questo caso meglio scendere a una risoluzione più bassa, che permette di sfondare la barriera dei 30 fps.

Batman: Arkham Knight ha fatto invece segnare 36 frame al secondo in Full HD con settaggi bassi. Anche in questo caso abbassando la risoluzione a 720p si possono ottenere prestazioni più consistenti, a discapito però della perdita di definizione.
I giochi in Full HD faticano a girare su questa APU, che sembra tagliata per i 720p, o per titoli più leggeri. Con World of Tanks abbiamo superato abbondantemente i 100 fps in Full HD e dettagli al minimo, mentre in Fortnite si raggiungono i 79 fps medi, a conferma che questa APU è pensata per titoli online non troppo esigenti sul fronte tecnico.

AMD Ryzen 5 3400G Per vedere un vero miglioramento rispetto alla precedente generazione di APU bisognerà aspettare l’arrivo dell’architettura Zen 2. Il Ryzen 5 3400G è un aggiornamento rispetto al Ryzen 5 2400G, aggiornamento che passa per l’affinamento del processo produttivo e per l’aumento delle frequenze di clock. Grazie ad essi il nuovo arrivato supera le prestazioni del precedente modello, ma senza staccarlo troppo. Le prestazioni nel gaming sono sufficienti ma non permettono comunque di utilizzare la risoluzione Full HD in ogni condizione, anzi, molto meglio scendere a 720p per ottenere così frame rate più stabili e consistenti. La potenza espressa dal processore in altri ambiti è invece più che discreta e permette di realizzare una macchina da lavoro con dimensioni contenute e senza il bisogno di una GPU dedicata, il tutto a un costo contenuto. Solo in questo caso è consigliabile l’acquisto di questo processore, per tutto il resto meglio andare su un Ryzen 5 2600 o meglio ancora sul 3600, che a fronte di un prezzo superiore sono però decisamente più performanti e duttili.

7.5