Rog Phone

Asus ROG Phone Recensione: potenza e funzionalità a misura di gamer

ASUS propone la sua visione dello smartphone da gaming ideale, con ROG Phone. 899€ per giocare su smartphone ai massimi livelli.

Articolo a cura di

ROG Phone è il primo, vero, smartphone gaming di Asus. È riuscito a distinguersi dai competitor per caratteristiche esclusive, tanta potenza e versatilità da vendere, merito anche di tutti gli accessori compatibili, che vanno a creare un ecosistema dedicato ai giocatori. Lo scopo di ROG Phone è quello di proporsi come compagno di giochi definitivo per i gamer su smartphone, e ci riesce senza problemi, trasformando Android in una piattaforma di gioco completa, supportata da un hardware spinto ai massimi livelli e dal buon controllo termico. Il prezzo base di vendita è fissato a 899€, una cifra elevata ma in linea con le caratteristiche tecniche che propone, alcune della quali uniche nel panorama mobile.

Confezione di vendita

Il pack di vendita del ROG Phone è uno dei più strani, e geniali, che abbiamo mai visto. Può essere confuso per un cofanetto alieno, ma in realtà l'imballo è stato studiato con estrema cura. Dopo aver sollevato l'apertura magnetica, occorre srotolare l'involucro di cartone scuro per poter svelare il caricatore, il telefono e i restanti accessori.

Al suo interno troviamo il telefono, caricatore da 30W (5V 3A), cavo USB-C/USB-C, spilletta per il vano SIM e manualistica varia, oltre alle cuffie ASUS corredate di gommini e all'AeroActive Cooler, un accessorio che migliora la dissipazione termica e di cui parleremo più avanti nella recensione.

Design, materiali e qualità costruttiva

Il primo impatto lascia senza parole. ROG Phone è semplicemente tamarro, così come dev'essere un degno prodotto gaming; inoltre risulta perfettamente in linea con il design scelto per i dispositivi della gamma Republic of Gamers. È piuttosto squadrato, molto solido e robusto, dal peso non particolarmente contenuto, di 200g, e spessore pari a 8.3mm. Offre una buona ergonomia, ma l'uso ad una mano non risulta particolarmente agevole. Il retro è realizzato in vetro dai bordi laterali stondati, mentre la Vapor Chamber (di cui parleremo più avanti) è rivestita da plastica scura satinata, a differenza del frame realizzato in un più pregiato alluminio, anch'esso satinato e di colore scuro. Sono poi presenti 4 inserti in differente materiale per consentire una migliore ricezione. Sempre nella parte posteriore è collocato il lettore di impronte: con un tempo di sblocco di 0.3 secondi è abbastanza reattivo ma non risulta particolarmente comodo da individuare con il dito.
Impossibile non notare, infine, il logo ROG con supporto Aura RGB, collocato al di sotto del vetro dello chassis: una chicca che rende immediatamente riconoscibile il device che si sta utilizzando. ROG Phone non è impermeabile come altri top di gamma: è munito di una più basilare certificazione IPX4, contro spruzzi d'acqua provenienti dall'esterno.

Il lato sinistro ospita il bilanciere del volume e il tasto accensione, nel lato opposto troviamo invece il vano dual nano SIM e un ingresso personalizzato (a 48 pin, composto da 2 ingressi USB-C) protetto da gommina nera rimovibile, utile per collegare al telefono i vari accessori forniti da ASUS e mantenere in carica lo smartphone anche mentre si gioca. Il jack audio 3.5mm, l'entrata USB-C 3.1 e il primo microfono sono riposti nel lato inferiore, mentre quello superiore ospita esclusivamente il secondo microfono.

Display

Uno schermo di buon livello è l'ideale per accompagnare al meglio il gaming, anche su smartphone. ROG Phone è equipaggiato da un ampio pannello AMOLED edge-to-edge (senza notch) da 6 pollici protetto da vetro Gorilla Glass, risoluzione FullHD+ (2160 x 1080) e rapporto di forma 18:9. Le killer feature di questo display sono senz'altro il refresh rate, settabile dalle impostazioni a 90Hz (default 60Hz), e il tempo di risposta pari a 1ms. La luminosità arriva fino a 550 nit, rendendo godibile la fruizione sia in ambienti indoor che outdoor, tuttavia avremmo apprezzato una luminosità minima più bassa. Nota di merito è il supporto hardware alla tecnologia HDR e allo spazio colore DCI-P3. I colori sono molto vividi e contrastati, forse un po' distanti dalla realtà ma di impatto, con un ottimo angolo di visione del pannello. Dai quick toggle della tendina delle notifiche è poi possibile attivare la regolazione automatica della temperatura colore.
Una peculiarità utile è la presenza di un apposito toggle per attivare la Modalità guanti, consentendo una migliore sensibilità al tocco da parte del display. Non manca la possibilità di abilitare ulteriori feature come l'Always On Display, l'uso ad una mano ed impostare una taratura dei colori personalizzata e accurata.

Hardware e sistema di dissipazione

ROG Phone utilizza il processore Snapdragon 845, overcloccato però fino a 2.96GHz, fornendo maggiore potenza per i giochi e per le applicazioni, posizionando il device al primo posto nella classifica di AnTuTu per gli smartphone Android. È correlato di 8 GB di RAM LPDDR4X e da tagli di memoria da 128 o 256 GB UFS2.1, non espandibile. In presenza di 128 GB di ROM la microSD non è essenziale, ma visto il peso di alcuni giochi i gamer più incalliti potrebbero trovare limitante il taglio da 128 GB: si tratta comunque di situazione estrema, già 128 GB bastano per la stragrande maggioranza degli utenti.
Le esperienze di gioco sono fluide e immersive, grazie al buon display e all'ottimo sonoro. Il framerate è generalmente stabile, ma in giochi come PUBG e ARK non manca qualche raro frame drop, dato dalla necessità di caricamento di ingenti quantità di dati. Invece, durante i gameplay con Modern Combat 5 e Asphalt 9 non abbiamo riscontrato impuntamenti di sorta, per un esperienza di gioco sempre ai massimi livelli. In alcuni titoli è possibile addirittura rompere la barriera dei 60 fps, grazie al display da 90 Hz, ma tutto dipende dalla pesantezza del gioco e dal momento: nelle scene più concitate, ad esempio, è difficile superare i 60 fps.
Inutile dire che le temperature, soprattutto settando tutti i giochi ai massimi livelli grafici, inizino a salire, ma rimangono molto contenute se si fa uso dell'AeroActive Cooler.
ROG Phone è equipaggiato con questo particolare sistema di raffreddamento, in grado di dissipare il calore tre volte più efficacemente rispetto ad un sistema heatpipe. La vapor chamber è collocata nella parte posteriore del telefono, ed è racchiusa al di sotto di un guscio composto da sottili strati di rame e carbonio. Ad abbassare ulteriormente le temperature troviamo il già citato AeroActive Cooler, una piccola ventola esterna collegabile allo smartphone per raffreddare ulteriormente la parte posteriore della scocca in vetro.

Di fatto la sua funzione è proprio questa: tramite un'apposita ventolina regolabile, sia manualmente che in automatico dal sistema, contribuisce a tenere sotto controllo le temperature dello smartphone, rivelandosi utile nelle sessioni di gioco più lunghe. Dispone inoltre di un'entrata USB-C e di jack audio 3.5mm sul lato sinistro, rendendo disponibili all'utente ben 2 porte Type-C 3.1 e 2 ingressi jack differenti, con supporto all'uscita video. Da non dimenticare il particolare ecosistema di accessori, che potete trovare nel nostro speciale dedicato. Non abbiamo potuto testarli durante questa prova, ma la presenza di un controller dedicato trasforma il ROG Phone in una piccola console portatile.

X Mode e AirTriggers

La X Mode è l'ideale se si vuole giocare alle massime prestazioni migliorando l'efficienza dell'hardware interno, rimuovendo le applicazioni in background per liberare memoria e ottimizzando l'esperienza di gioco.
Il dispositivo presenta inoltre due particolari piccole trame nel suo lato destro e una in quello sinistro, che stanno ad indicare zone del frame ad ultrasuoni sensibili al tocco, gli Air Trigger. Con il telefono in modalità landscape, è possibile toccare queste superfici con gli indici della mani per attivare determinate funzioni durante il gioco (come sparare con un'arma differente), senza così andare a coprire con i pollici parte dello schermo. Trovata intelligente, dato il consueto posizionamento poco pratico assunto dai polpastrelli mentre si gioca su schermi di "piccole" dimensioni.

Sistema operativo

A bordo troviamo Android 8.1 Oreo con interfaccia ROG. Grazie anche al refresh rate dello schermo, il sistema risulta estremamente fluido e scattante, sempre pronto a prendere in carico ulteriore mole di lavoro. Molto raramente si impunta, riuscendo così ad offrire un'ottima user experience senza intoppi e appagante. Grande importanza è rivestita dalla tendina delle notifiche, nella quale tornerete spesso per attivare/disattivare i vari e utili quick toggle presenti. Questa ROG UI offre particolari e mirate funzionalità utili ai videogiocatori, come l'app Game Center, dalla quale è possibile monitorare frequenze di clock di CPU e GPU con relative temperature, oltre alla RAM e alla memoria interna occupate. È inoltre possibile cambiare colori e animazioni dei LED RGB Aura, oltre a poter settare un profilo di gioco personalizzato per ciascun titolo installato. Altra applicazione degna di nota (e infinitamente utile per gli streamer) è Game Genie, che offre la registrazione di clip fino al FullHD dei vostri gameplay, o la trasmissione degli stessi direttamente sui vostri account YouTube e Twitch. Tutto ciò che serve è a portata di mano, con una facilità e un'immediatezza incredibili.

Fotocamera

ROG Phone non è un camera phone, e nemmeno deve esserlo. È naturale come il comparto fotografico sia in secondo piano rispetto ad altre feature. Non brilla, ma non se la cava male, presentando delle caratteristiche che non ci aspetteremmo normalmente da un dispositivo di questa tipologia. È equipaggiato di 2 sensori posteriori da 12MP f/1.7. Il primo con un campo visivo standard da 83°, mentre il secondo da 120° grandangolare. La camera anteriore è invece da 8MP con apertura f/2.0.
In generale gli scatti non deludono affatto: una buona resa cromatica, forse leggermente spinta, come spinto risulta essere il contrasto (soprattutto delle alte luci) conferito alle foto. Si tratta di una resa simile a quella vista su ZenFone 5. L'HDR funziona in modo ottimale, ma in certe occasioni tende a falsare di troppo la resa cromatica.
In condizioni di buona luminosità, entrambi i sensori presentano una qualità simile, condizione che però si sbilancia a favore della camera principale al calare dell'intensità della luce, dove la lente grandangolare fa molta fatica a mantenere gli scatti chiari e nitidi. La camera frontale offre buoni livelli di dettaglio, anche se in certe occasioni tende a rendere lo scatto mosso, lo stesso dicasi in parte anche per i sensori posteriori. Ottimo il funzionamento della modalità ritratto, che offre un effetto bokeh molto spinto, ma allo stesso tempo non è risultato particolarmente preciso lo scontornamento del soggetto.
I video, fino al 4K @60fps per il sensore principale, hanno un'ottima resa e sono molto appaganti. Buona definizione e resa cromatica, ottimo range dinamico, così come il comportamento della stabilizzazione ottica. Non manca infine la modalità slow motion FullHD @240fps.

Audio

Il sonoro non è da sottovalutare in un prodotto gaming, è fondamentale per consentire all'utente di udire chiaramente i suoni riprodotti durante le partite e di capirne la corretta provenienza, in special modo durante combattimenti negli FPS. La parte frontale di ROG Phone ospita 2 speaker stereo a 5 magneti collocati al di sotto delle relative griglie di color ramato. Sono dotati di doppio amplificatore NXP 9874 con un output a 192kHz / 24-bit. Audio potente, chiaro, dalla buona spazialità e ben calibrato, dotato di un'udibile presenza di basse frequenze.
In tutti i casi, dalle impostazioni è possibile personalizzare tramite apposito equalizzatore DTS Headphone:X le singole frequenze audio. Non manca il supporto al Virtual Surround 7.1 per le cuffie collegate tramite jack. Ottima la presenza della modalità all'aperto, che tara le frequenze per meglio adattare la riproduzione ad un ascolto outdoor, sacrificando i bassi in favore degli alti.

Autonomia e connettività

ROG Phone è dotato di una capiente batteria da 4000mAh. Una grande capacità, che si traduce in una buona autonomia. Abbiamo totalizzato poco più di 4 ore di schermo con uso no stress, prettamente social media e navigazione web. Durante sessioni di gioco più intense, ecco come in circa 3 ore l'autonomia tenderà ad esaurirsi (con Modalità X attiva). Grande nota di merito è la velocità di ricarica, a dir poco fulminea grazie al Quick Charge 4.0. Mezzora ed il telefono è pronto per ore di gioco. Niente ricarica wireless, nonostante il retro in vetro. Come accade anche per la linea ZenFone di ASUS, il sistema mette a disposizione facoltative opzioni di caricamento intelligente della batteria, salvaguardandola da una degradazione più rapida.
Sul fronte connettività ROG Phone dispone di tutto ciò di cui avrete bisogno, senza alcun compromesso. La funzionalità dual sim dual standby fa il suo lavoro egregiamente, lasciandovi la possibilità di utilizzare in 4G entrambe le SIM inserite all'interno del telefono. Si aggancia rapidamente alla rete quando disponibile e gestisce bene le zone d'ombra improvvise. Supporta la radio FM, caratteristica ormai più unica che rara nei telefoni di ultima generazione.
È munito di chip NFC, Bluetooth 5.0 e WiFi 802.11ad, attualmente l'unico smartphone compatibile con questo nuovo standard wireless. Non manca infine il GPS con GLONASS, BeiDou, Galileo e QZSS, per un'esperienza di navigazione satellitare lineare e senza intoppi.

ASUS ROG Phone ROG Phone è potente, accattivante, concreto, unico. Lo smartphone definitivo per i videogiocatori mobile, viste le sue caratteristiche e soprattutto il suo ecosistema di accessori. Dato il suo costo non è alla portata di tutti, ma è in grado di offrire, oltre a delle performance ed un'affidabilità incredibili, delle peculiarità uniche che non troviamo in nessun altro device top di gamma di questa categoria. Il design può piacere o non piacere, essendo molto particolare, e questo avrà il suo peso nelle vendite, ma resta il fatto che ROG Phone è finora lo smartphone da gaming più interessante che abbiamo provato, e di certo quello con l'offerta dedicata ai giocatori più ricca e avanzata.

8.5