ASUS ROG Rapture GT-AX11000 Recensione: il router da gaming definitivo

ASUS ROG Rapture GT-AX11000 è il router definitivo per i gamer che vogliono guardare al futuro, con tanto di supporto al Wi-Fi 6.

recensione ASUS ROG Rapture GT-AX11000 Recensione: il router da gaming definitivo
Articolo a cura di

ASUS ha da sempre a cuore i videogiocatori più incalliti, lo dimostra del resto la sua linea ROG (Republic of Gamers), che spazia in diversi ambiti: dalle cuffie ai notebook passando per i router. Parlando proprio di questi ultimi, avevamo già recensito qualche tempo fa l'ottimo modello RT-AC86U, oggi facciamo un ulteriore passo in avanti andando ad analizzare nel dettaglio un modello ancora più avanzato, l'ASUS ROG Rapture GT-AX11000, un prodotto che non bada alle dimensioni né al costo. Il router in questione, infatti, viene venduto a un prezzo di circa 450 euro su Amazon.it, una cifra sicuramente importante ma che saprà garantirvi parecchie soddisfazioni.

Pack di vendita, design e connettività

Il design del router ROG Rapture GT-AX11000 è quanto di più aggressivo si sia mai visto in un prodotto di questo tipo. Il tutto è chiaramente pensato per i gamer più incalliti, le dimensioni però sono notevoli e bisogna trovare un posto adatto a ospitare un prodotto del genere, ma siamo sicuri che l'utenza a cui il router è rivolto non avrà problemi in tal senso. Per farvi capire, l'imponente ROG Rapture GT-AX11000 ha dimensioni 240 x 240 x 60 mm, per un peso di 1717g. Questo, però, è dovuto all'ottima solidità costruttiva del router, che deve sostenere ben otto antenne tri-band regolabili poste attorno al dispositivo, che fanno sicuramente la loro figura e consentono un raggio di copertura di circa 70 metri. Nella parte anteriore sono anche presenti i 7 LED di stato che danno un riferimento sullo stato di utilizzo del router.

Molto bella da vedere la parte centrale, con un'ampia superficie pensata per dissipare al meglio il calore e il logo ROG in bella vista proprio al centro delle griglie. Quest'ultimo è retroilluminato Aura RGB e questo ci ha fatto amare alla follia il design, insieme agli inserti arancioni presenti ai lati del router e nelle antenne.
Le varie connessioni sono poste, invece, nella parte posteriore del router. La zona sottostante, composta quasi solamente da altre griglie, invece, non ci ha convinto, ma d'altronde andrà a posizionarsi dove non la vedrete quasi mai e non risulta essere quindi un grande problema. Insomma, un design dal quale traspare tutto l'animo gaming del prodotto.

Tornando alle connettività, sono presenti una porta WAN, quattro porte Gigabit BaseT LAN RJ45 e due porte USB 3.1 Gen 1. Da non sottovalutare la presenza di un'ulteriore porta WAN/LAN che supporta un bit rate massimo di ben 2,5 Gbps, per un trasferimento di dati circa 2,5 volte maggiore rispetto a una normale Ethernet. Non mancano, ovviamente, anche il tasto di accensione, quello per effettuare il reset e l'ingresso per l'alimentazione. Sul lato sinistro troviamo invece il tasto per il WPS, quello per abilitare/disabilitare il Wi-Fi e il Boost Key, che consente di gestire velocemente una funzionalità a scelta tra illuminazione Aura RGB, Game Boost e bande DFS.
Ottimo il pack di vendita, con una confezione che, come avviene per tutti i router di ASUS, spiega in modo molto semplice la miriade di funzionalità che è in grado di svolgere il prodotto. All'interno di essa, oltre al router e alle 8 antenne da montare con un aggancio a vite, troviamo un completo manuale di istruzioni multilingua, l'alimentatore e un cavo di rete.
Uno dei punti fondamentali per questo tipo di prodotti è la facilità di configurazione. Sotto questo punto di vista ROG Rapture GT-AX11000 se la cava egregiamente, nonostante il quantitativo di funzionalità offerte, con una velocissima installazione guidata che in meno di 5 minuti vi consentirà di iniziare ad utilizzare il vostro router.

Caratteristiche tecniche

ROG Rapture GT-AX11000 supporta tutte le migliori tecnologie di trasmissione oggi disponibili. La connessione senza fili funziona in modo simultaneo sulle due frequenze 802.11ax (WiFi 6) disponibili di 2.4 e 5 GHz, con la prima a offrire un massimo di 1148 Mbps e la seconda ben 4804 Mbps. Non mancano le tecnologie OFDMA e beamforming. La prima suddivide i segnali di trasmissione dati in segnali più piccoli, cosa che migliora sensibilmente l'efficienza della rete, vista la minore attesa per la trasmissione dei dati. Il beamforming invece concentra e "direziona" il segnale Wi-Fi nel modo migliore possibile, cercando di ottimizzare al meglio la rete.
Pieno supporto anche alla tecnologia 1024-QAM, che consente prestazioni elevate anche in caso di più dispositivi connessi contemporaneamente. GT-AX11000 supporta anche la selezione dinamica delle frequenze (DFS), che sblocca fino a 15 canali a 5GHz, cosa che permette una maggiore larghezza di banda ai vari dispositivi.
Troviamo poi il QoS dinamico, in grado di ottimizzare la rete dando priorità ai pacchetti in base alla tipologia e al loro utilizzo finale. Per farvi un esempio concreto, esso potrebbe fornire più banda a un gioco anziché a un programma di streaming. Un'altra importante funzionalità è l'oramai famosa WTFast (Way Too Fast), in grado di migliorare sensibilmente la latenza nelle vostre sessioni di gioco. Abbiamo provato il tutto per svariate ore e ne siamo rimasti piacevolmente sorpresi.

Interessanti anche Ai Protection Pro, realizzata in collaborazione con Trend Micro, che protegge l'intera rete (inclusi i dispositivi IoT), e Doppia WAN, che consente di "trasformare" una delle porte LAN del router in una seconda WAN per ospitare due connessioni a banda larga contemporaneamente.
Particolarmente interessante la nuova funzionalità VPN Fusion, che consente di mantenere una VPN e una connessione ordinaria a Internet. Questo significa che l'utente può tranquillamente giocare anche se gli altri utenti della rete stanno utilizzando una VPN.
Non manca la prioritizzazione dei pacchetti ROG Game First V, che rileva e ottimizza al meglio gli altri dispositivi da gaming ROG, arrivando a migliorare sensibilmente fattori chiave come il ping. Interessante anche la possibilità di controllare il router attraverso l'apposita skill per Amazon Alexa, che però al momento non è disponibile in italiano.

Presenti poi le funzionalità Wi-Fi Radar, che consente di individuare la frequenza con la minor congestione, e Game Radar, che consente di scegliere delle impostazioni già ottimizzate per giocare a molti titoli popolari (tra cui League of Legends e Diablo 3). Questo dimostra come ASUS non abbia solamente pensato alla velocità di banda, elemento fondamentale ma non l'unico importante nel gaming, ma anche a tutto ciò che le ruota attorno, dall'ottimizzazione alla semplicità di utilizzo passando per l'hardware. Infatti, l'apparato è gestito da un processore quad-core 64-bit a 1.8 GHz con 1 GB di RAM e 256 MB di memoria interna, in cui è installato il software di configurazione, che abbiamo trovato completo e user-friendly.

Software ed esperienza d'uso

L'interfaccia di configurazione è molto simile a quella a cui ci ha sempre abituati ASUS, ma con un design dedicato ai gamer e con opzioni molto dettagliate. Troveremo, dunque, lo stato del router, il traffico di rete, le opzioni di modifica relative alle varie reti a 2.4 e 5 GHz e, cosa molto importante per i giocatori, le informazioni relative al ping. La scheda "Dashboard" consente di configurare tutto velocemente e di gestire anche i LED Aura RGB. Abbiamo trovato veramente molto comoda questa schermata e speriamo che ASUS la riproponga anche per altri router.
Non manca ovviamente la possibilità di cambiare modalità operativa al router, scegliendo tra quelle che abbiamo già potuto apprezzare con altre soluzioni. In particolare, la funzionalità di default è ovviamente quella di router wireless (via WAN o tramite 2.5G Ethernet).

Tra le altre modalità disponibili troviamo quella di Access Point, funzionante collegando ROG Rapture GT-AX11000 via Ethernet a un modem, e quella di Media Bridge. Non manca la possibilità di utilizzare il router in modalità Ripetitore o di inserirlo in un sistema AiMesh composto da molteplici router ASUS. Abbiamo testato tutte le modalità e non abbiamo avuto problemi di sorta con nessuna di esse.
Immancabile poi la possibilità di configurare le opzioni dedicate ai gamer accennate in precedenza, da Game Radar al Game Boost/QoS, passando per WTFast e Wi-Fi Radar. Inoltre, una volta configurato il router, esso metterà a vostra disposizione ben tre reti, una a 2,4 GHz e due a 5 GHz di cui una già preimpostata e ottimizzata per il gaming.

Come in tutti i router moderni, non manca poi la possibilità di creare delle reti per gli ospiti, in questo caso tre per frequenza. Oltre a questo sono presenti moltissime altre opzioni legate alla gestione del router, che per ovvi motivi non staremo qui ad elencarvi. Tra queste, però, va sicuramente segnalata ASUS AiCloud 2.0, che dà accesso alle impostazioni del router ovunque: vi basterà semplicemente essere collegati alla sua stessa rete.
Questa funzionalità può essere utilizzata con qualsiasi dispositivo semplicemente tramite un collegamento personalizzato da inserire nel browser oppure tramite le apposite app per iOS e Android. L'app AiCloud in sé ha un'interfaccia molto spartana e non risulta molto utile all'atto pratico, se non come "hub centrale" per accedere alle altre applicazioni.

Discorso totalmente diverso per quanto riguarda ASUS Router, che dispone invece di un'interfaccia al passo con i tempi e interessanti funzionalità. Durante la nostra prova, dunque, abbiamo potuto, grazie all'app in questione, gestire a distanza il router, cosa che ci è tornata utile in alcune occasioni (come l'aggiornamento del firmware da remoto). Da qui è anche possibile controllare l'accesso alla rete da parte di dispositivi sospetti ed eseguire il backup, per citare alcune delle funzionalità disponibili.

Tirando le somme, il parco software sviluppato da ASUS è completo di ogni funzionalità e l'interfaccia grafica rende la maggior parte delle operazioni intuitive. Per quanto riguarda le prestazioni, durante la nostra prova il router ha retto molto bene sia per quanto riguarda lo streaming che il gaming, con un lag praticamente inesistente anche in presenza di molti dispositivi collegati.
Abbiamo testato il tutto anche con una connessione molto lenta ed è proprio in questi casi che si notano maggiormente i benefici apportati da tecnologie come il QoS. Ottima la copertura del segnale, con la banda da 2.4 GHz che arriva fino a 70 metri di distanza dal router e riesce a connettere anche parti della casa con evidenti ostacoli strutturali.

Il Wi-Fi 6 richiede chiaramente dei dispositivi compatibili per essere sfruttato appieno, quindi non abbiamo potuto fare test più approfonditi in tal senso, ma si tratta comunque di un investimento per il futuro, visto che probabilmente tra pochi anni lo standard cambierà. Infatti il processore Qualcomm Snapdragon 855, montato ad esempio sulla versione estera di Samsung Galaxy S10, supporta proprio il Wi-Fi 802.11ax.

ASUS ROG Rapture GT-AX11000 ASUS ROG Rapture GT-AX11000 è il mostro di potenza che verrà amato dalla fascia enthusiast. Pensato con un chiaro sguardo rivolto al futuro e con il supporto allo standard Wi-Fi 6 (Wi-Fi 802.11ax), il router in questione possiede tutto quello che un dispositivo di questo tipo dedicato al gaming dovrebbe avere: un design accattivante, un’ottima connettività, 70 metri di copertura, semplicità di utilizzo, funzioni dedicate e ottimizzazione per le sessioni di gioco. Insomma, non manca davvero nulla, anche se le specifiche di questo GT-AX11000 superano chiaramente di gran lunga le esigenze dell’utente comune. Salvo casi particolari, per l'utilizzo domestico in ambito gaming nessun utente sfrutterà al massimo le potenzialità del prodotto ASUS, che risulta sovradimensionato per l'ambiente casalingo. Se a questo si aggiunge un prezzo di vendita elevato, il risultato finale è un router velocissimo, pieno di tecnologie interessanti ma non sfruttabile al massimo, un particolare di cui tenere conto in sede d'acquisto.

8.7