Asus ROG Strix Fusion 500: recensione cuffie da gaming 7.1 Virtual Surround

Oggi testiamo a fondo le nuovissime ROG Strix Fusion 500, un headset da gaming di ASUS con supporto al Virtual Surround 7.1.

recensione Asus ROG Strix Fusion 500: recensione cuffie da gaming 7.1 Virtual Surround
Articolo a cura di

Dopo aver testato a lungo le cuffie da gaming ASUS ROG Strix Fusion 300 ed avervi proposto la nostra recensione, ecco che è giunto il momento di provare le nuove Fusion 500. Questo headset da gaming è indicato per tutti quei gamer incalliti che fanno particolare attenzione a non trascurare l'esperienza di gioco. Aspetto accattivante, buona ergonomia e ottimo sonoro sono solo alcune key feature di questo prodotto, venduto al prezzo attuale di 179,90 euro direttamente dal sito ufficiale ASUS oppure attraverso Amazon.it.

Confezione di vendita

Il packaging proposto all'utente finale rappresenta un buon biglietto da visita per qualsiasi prodotto, se ben realizzato. La particolare modalità di apertura della confezione cela al suo interno, oltre alle cuffie, un cavo USB A rinforzato placcato in oro lungo 2 metri e un paio di imbottiture di ricambio realizzate con un materiale traspirante per ridurre la sudorazione, in aggiunta a quelle preinstallate utili invece per insonorizzare efficacemente da interferenze esterne. Immancabile la classica guida rapida per l'utente.

Design e connettività

Il design delle ROG Strix Fusion 500 risulta molto accattivante e particolarmente curato, dalle linee piuttosto dure e squadrate. Le cuffie presentano una solida struttura portante in metallo, rivestita in plastica per proteggere il tutto senza appesantire l'insieme. Risultano inoltre estremamente confortevoli e comode da indossare: l'archetto è imbottito e, assieme alle due imbottiture per i padiglioni fornite in dotazione, conferisce una piacevole sensazione al tatto e consente un uso prolungato dell'headset senza affaticare testa e orecchie, con la possibilità di regolarne l'estensione per meglio adattarsi alle dimensioni della testa. Nel lembo di plastica superiore troviamo la dicitura Republic of Gamers, così come il relativo logo ASUS ROG che è invece posizionato nei lati destro e sinistro, esattamente in corrispondenza dell'attaccatura dei padiglioni auricolari.
Questa nuova versione, rispetto alla precedente Fusion 300, va ad eliminare il jack audio da 3,5mm a favore di un'unica entrata microUSB 2.0 posta nella parte inferiore dell'auricolare sinistro. Con il cavetto fornito in dotazione potremo dunque collegare le cuffie mediante una porta USB di tipo A (standard) e, una volta collegate ad un PC, Mac o PlayStation 4, ecco che si accenderanno i LED RGB in grado di cambiare colore autonomamente.

Interessante la possibilità di modificare, tramite l'applicazione AURA Sync disponibile solo per sistemi Windows, intensità e colore della luce emessa. È inoltre possibile settare una medesima colorazione per tutti quei prodotti ASUS come cuffie, tastiere e motherboard in grado di supportare la tecnologia AURA. Come se non bastasse è possibile, tramite AURA Headset per dispositivi mobili Android e iOS, collegarsi a più cuffie simultaneamente e modificare a piacimento colore, intensità e animazione delle luci LED RGB. Per riuscire a controllare da smartphone i vari headset sarà necessario abilitare le connessioni bluetooth, WiFi e la geolocalizzazione. Non manca il piccolo microfono digitale unidirezionale a scomparsa realizzato prevalentemente in gomma posizionato anche lui sull'auricolare sinistro. Avendo effettuato varie prove possiamo assicurare come il suono catturato risulta nitido e cristallino, peccato l'udibile presenza di rumore di fondo così come la possibilità di distorsione delle frequenze più alte.

Le Fusion 500 dispongono di una superficie touch collocata nella plastica esterna del padiglione sinistro. Effettuando un tap è possibile mette in pausa/riproduzione i brani, effettuando uno swipe verso l'alto o il basso è possibile regolare il volume delle cuffie, mentre per cambiare traccia audio basterà effettuare uno swipe verso destra o verso sinistra. Comodità e immediatezza a portata d'orecchio, una feature che porta ad una rapida ed efficace possibilità di controllo aggiuntiva.

Qualità audio

Indubbiamente il sonoro nei videogiochi risulta essere un punto fondamentale per la buona riuscita di un titolo. Con l'ausilio delle Fusion 500 l'esperienza utente viene massimizzata grazie ad un'ottima riproduzione in Virtual Surround 7.1, che permette di udire al meglio tutte le sfumature sonore durante le partite. È infatti presente un apposito pulsante associato ad un piccolo LED di colore rosso utile per attivare o disattivare il Virtual Surround, sviluppato in collaborazione con Bongiovi Acoustics; la differenza è notevole, con una spazialità marcata e un'ottima precisione nella collocazione dei suoni nell'ambiente di gioco.
I padiglioni auricolari offrono una copertura circumaurale e presentano una taratura delle frequenze sonore piuttosto bilanciata: i bassi sono ben presenti così come le medie ed alte frequenze, ma quest'ultime in quantità minore. L'headset non è certamente indicato per l'esclusivo ascolto di brani musicali, ma non se la cava assolutamente male.

I driver con frequenza di risposta 20-40kHz presentano un diametro pari a 50 mm e utilizzano un magnete al neodimio. Sono inoltre muniti di DAC Hi-fi ESS ES9018 in grado di effettuare una riproduzione a profondità 24-bit/96kHz lossless e di amplificatore SABRE9601K incorporati. Il volume non è particolarmente elevato, ma si tratta di una scelta precisa fatta da Asus, direttamente collegata all'ottimo isolamento acustico offerto dalle cuffie. Invece che puntare su volumi di ascolto elevati, la casa di Taiwan ha preferito isolare maggiormente il padiglione dai rumori esterni, consentendo così all'utilizzatore di mantenere un volume di picco meno elevato senza penalizzare le frequenze basse, come detto ampiamente presenti, una buona notizia per i vostri timpani.

ASUS ROG Strix Fusion 500 L’headset da gaming ASUS ROG Strix Fusion 500 risulta comodo da indossare e offre un'esperienza d'ascolto tarata alla perfezione per i giocatori, senza disdegnare utilizzi alternativi. L’unica pecca è forse rappresentata dal prezzo, piuttosto elevato. Nonostante questo, però, chi se la sentirà di fare un investimento di questo tipo si porterà a casa un prodotto di ottima qualità e con interessanti peculiarità, versatile e in grado di soddisfare un'ampia fascia d'utenti.

8.5