Blitzwolf BW-FYE 4 Recensione: cuffie in-ear True Wireless a basso costo

Le cuffie in-ear wireless Blitzwolf BW-FYE 4 rappresentano un buon compromesso qualità/prezzo per l'utente medio.

recensione Blitzwolf BW-FYE 4 Recensione: cuffie in-ear True Wireless a basso costo
Articolo a cura di

Alla fine del 2016, Apple decise di investire su un mercato ancora relativamente poco esplorato: quello delle cuffie in-ear wireless. La società di Cupertino era intenzionata a rinnovare il mondo delle periferiche audio e voleva dare un degno seguito alle classiche EarPods. Fu così che vennero create le AirPods. Da allora ne è passata di acqua sotto i ponti e molte aziende si sono inserite in questo business. Tuttavia, solamente nell'ultimo periodo la competizione sta iniziando a farsi molto seria, grazie all'arrivo di aziende del calibro di Xiaomi, Huawei, OnePlus e Pamu Scroll. Tuttavia, tutte le cuffie citate appartengono a una fascia di prezzo medio/alta e finora non c'erano molte soluzioni a basso costo ma di buona qualità.
Ebbene, ci ha pensato l'azienda cinese Blitzwolf a inserirsi in questo contesto, sfornando diverse cuffie in-ear True Wireless low-cost. La società è riuscita a farsi un nome anche in Europa grazie principalmente agli YouTuber, che stanno spingendo molto questo tipo di prodotti, e ha recentemente deciso di investire anche sul nostro Paese. Il primo prodotto di Blizwolf giunto nelle nostre mani sono le BW-FYE4, l'ultimo modello lanciato sul mercato, che attualmente viene venduto a un prezzo di circa 45 euro su Amazon.it.

Design, funzionalità e confezione di vendita

Quando si cercano delle cuffie wireless in-ear, uno dei fattori principali da tenere in considerazione è sicuramente la portabilità. Ebbene, le Blitzwolf BW-FYE4 dispongono di un piccolo e comodo charging box che si può inserire tranquillamente in tasca. Il peso è di appena 34 grammi, mentre un singolo auricolare pesa 3,9 grammi. L'aggancio delle cuffie avviene magneticamente e all'interno del box è presente un pulsante che accende i LED che segnalano la carica residua del box. La porta microUSB standard fa capolino sul retro e la batteria è da 500 mAh. Questo significa che è possibile fare 5 ricariche complete dei due auricolari, visto che essi dispongono di batterie da 50 mAh l'uno. Una ricarica completa delle cuffie richiede circa un'ora e mezza. Il charging box si spegne automaticamente una volta che gli auricolari sono stati ricaricati completamente.

Abbiamo trovato veramente molto comoda questa soluzione, in quanto permette di portare ovunque i propri auricolari e di lasciarli ricaricare in tasca. Parlando di autonomia, durante i nostri test le cuffie si sono spesso scaricate dopo 3 ore e mezza. L'unico modo per vedere la carica residua degli auricolari è collegarli a uno smartphone e guardare l'apposita icona oppure cercare questa informazione nelle Impostazioni. Attenzione: ricordatevi di rimuovere gli adesivi trasparenti posti sull'attacco magnetico degli auricolari, altrimenti la ricarica non funzionerà.

Il design delle cuffie è piacevole e funzionale. Esse dispongono infatti di un grande tasto centrale che consente di effettuare essenzialmente tutto. Basta tenere premuto per quattro secondi per accendere l'auricolare e avviare la ricerca del dispositivo da connettere oppure per spegnerlo. Interessante il fatto che le cuffie si accendano da sole una volta estratte dal box di ricarica. In questo caso, l'auricolare sinistro si accoppia autonomamente a quello destro.
E' possibile anche utilizzare un singolo auricolare. Il pulsante principale è in grado anche di avviare o mettere in pausa la musica con una semplice pressione. Per passare alla canzone successiva bisogna premere due volte, mentre per tornare a quella precedente bisogna effettuare tre pressioni. Non manca la possibilità di gestire le chiamate: per accettarle basta premere una volta, mentre per rifiutarle bisogna tenere premuto per 1,5 secondi. Lo stesso tempo è necessario per attivare un assistente vocale (Siri su iOS, Google Assistant su Android). Per riagganciare bisogna effettuare una singola pressione.

I due auricolari dispongono di un microfono posto poco sopra il pulsante principale, in modo da poter rispondere alle chiamate anche quando si è distanti dallo smartphone. Durante i nostri test, la qualità si è dimostrata buona, ma ovviamente dipende tutto dalla distanza dal dispositivo connesso e dagli ostacoli presenti. In linea generale, il segnale riesce a rimanere tutto sommato stabile entro i 10 metri di distanza. Un valore nella media e che va più che bene per l'utilizzo medio di questo tipo di prodotti.

Vicino al pulsante centrale degli auricolari è presente un LED, che lampeggia alternativamente in rosso e blu quando è in fase di accoppiamento con altri dispositivi, rimane blu quando è connesso e diventa rosso in fase di ricarica. All'interno della confezione di vendita troviamo, oltre ovviamente agli auricolari in colorazione Iron Gray e al charging box, due paia di gommini di ricambio (taglia S e L, la M è già montata), un cavo microUSB/USB standard dalla lunghezza di circa 30 centimetri, un manuale multilingua (anche in italiano) e il tagliando per la garanzia (18 mesi). Le dimensioni del charging box sono di 75 x 35 x 32 mm, mentre quelle degli auricolari sono di 16,1 x 20 x 14,6 mm.

Qualità audio, caratteristiche ed esperienza d'uso

Le Blitzwolf BW-FYE4 sono basate su Bluetooth 5.0 e, come accennato in precedenza, dispongono di una copertura di circa 10 metri. Per i più esperti, il chipset montato è un RTL8763BFR di Realtek (documentazione ufficiale), che supporta i profili HSP, HFP, A2DP e AVRCP. Questa tecnologia porta parecchi vantaggi rispetto al Bluetooth 4.2, in quanto consente una connessione molto più stabile e riduce sensibilmente i consumi. Durante i nostri test, le migliorie si sono fatte notare in positivo e non abbiamo mai avuto problemi per quanto riguarda l'accoppiamento con dispositivi Android o iOS. Non abbiamo mai avuto problemi sia per quanto riguarda l'ascolto di musica che per le chiamate. La comodità fornita dalle cuffie è ottima e i gommini di ricambio forniti in confezione consentono all'acquirente di testare la configurazione che più lo soddisfa.

E' molto difficile che le Blitzwolf BW-FYE4 si stacchino, se posizionate correttamente, e il sudore non sembra intaccare particolarmente gli auricolari. Le cuffie dispongono della certificazione IPX4 e sono quindi protette dagli spruzzi d'acqua.

La sensibilità è di 110dB+-3dB, mentre la frequenza varia da 2,402 a 2,480 GHz (Classe 2) e la risposta in frequenza è di 20-20000 Hz. Le camere del suono indipendenti dispongono di driver in titanio da 10mm. Arrivando alla qualità audio, il suono stereo è molto buono per la fascia di prezzo, con bassi ottimi, medi bilanciati e alti nella media.
Lo spettro sonoro è chiaramente tarato sui bassi, ma in linea generale è leggermente più equilibrato del solito.
Non si tratta di un prodotto top di gamma, ma la maggior parte delle persone apprezzerà quanto offerto dalle Blitzwolf BW-FYE4. Per quanto riguarda la latenza, essa è ridotta all'osso, anche gli utenti più esigenti la noteranno un po' durante la visione di video. Niente di grave comunque, tutto sommato siamo nella media offerta da questo tipo di prodotti.

Blitzwolf BW-FYE4 Le Blitzwolf BW-FYE4 sono delle buone cuffie wireless in-ear, che ci hanno stupito in positivo soprattutto per quanto riguarda la portabilità, le funzionalità offerte e il rapporto qualità/prezzo. La società cinese è riuscita a sfornare un prodotto low-cost di buona fattura, che non riesce a raggiungere i prodotti top di gamma ma offre un giusto compromesso destinato all’utente medio. Insomma, se siete alla ricerca di auricolari di questo tipo, ora sapete dove rivolgere lo sguardo.

7.7