Corsair HS75 XB Recensione: un headset da gaming pensato per la Next Gen

Le Corsair HS75 XB sono delle cuffie pensate appositamente per Xbox Series X e Series S, con pieno supporto al Dolby Atmos.

recensione Corsair HS75 XB Recensione: un headset da gaming pensato per la Next Gen
INFORMAZIONI SCHEDA
Articolo a cura di

Avete appena ritirato la vostra XBox Series X nuova fiammante, siete pronti per buttarvi nella mischia ma poi vi accorgete che il vostro headset, compagno di avventure inseparabile per tutta la scorsa gen, vi sta per abbandonare. Avete due opzioni: tenete duro, e mentre vi togliete i rimasugli di ecopelle dalla felpa vi ripetete "...tanto l'audio è secondario", oppure vi lanciate in un'affannosa ricerca per trovare un degno sostituto, che vi accompagni per almeno i prossimi cinque anni.
Se fate parte della prima categoria vi auguriamo un bel in bocca al lupo, se invece siete più per la seconda allora restate con noi, potremmo avere qualche consiglio da dispensarvi.
Qualche giorno fa, infatti, ci è stato recapitato l'ultimo headset wireless made in Corsair, le HS75 XB: un gioiellino hi-tech espressamente progettato per Xbox Series X (o S), ma anche per gli utenti PC con a bordo Windows 10. Si tratta di un prodotto di fascia alta, caratterizzato dall'inconfondibile qualità e robustezza tipiche di Corsair, equipaggiato con una gloriosa certificazione Dolby Atmos.
Il prezzo, lo diciamo da subito, non è molto amichevole: ben 179,99€ su Amazon Italia, e se pensate di utilizzarle via PC, allora dovete mettere in conto anche l'acquisto di un Xbox Wireless Adapter (circa 35€). Se invece state pensando di abbinarlo ad una console, allora vi basterà tenere premuto il tasto di accensione, proprio come un pad, e Xbox farà il resto.

Design Über Alles

Le nuove Corsair HS75 XB somigliano molto alle due sorelle più piccole, le HS70 e HS60, nel senso che come loro condividono lo stesso concept minimale e sobrio, tipico di Corsair. Niente led egocentrici, niente loghi aggressivi o spigoli audaci; piuttosto curve morbide e materiali resistenti e una gran abbondanza di metallo.
A tal proposito, il primo dettaglio che salta agli occhi è proprio la finitura esterna dei (generosi) padiglioni: realizzata anch'essa in metallo e con una texture "a triangoli" che avvolge il logo delle vele Corsair che, oltre all'eleganza, ha il potere di far sembrare l'intera struttura indistruttibile. Stessa cosa vale per le baionette che sorreggono i padiglioni, fatte di alluminio spesso e senza troppi fronzoli, ma comunque davvero imponenti.
I rivestimenti in memory foam a contatto con la pelle, invece, compreso quello della cupola superiore, sono davvero ultra-comodi; ampi, morbidi nonché avvolti da quella che sembra essere un'ecopelle di fascia molto alta, anche se su questo specifico materiale, come al solito, nessuno può veramente garantire sulla durata effettiva.

Estendendo le ghiere sino al massimo si può ottenere un'arcata davvero ampia, adatta anche alle teste più grandi: la comodità è dunque garantita, soprattutto a fronte dei soli 379g di peso, ma tenete presente che la struttura è di quelle robuste, e che tende comunque a "serrare la presa", perciò se amate lo stile super-flessibile o quasi inesistente, questo è un qualcosa da tenere a mente.

Il posizionamento dei tasti è pratico e funzionale, anche se a differenza di molti altri headset qui si sviluppa su entrambi i lati. Oltre all'accensione/pairing, sulla destra troviamo l'immancabile rotellina per il mix fra audio in-game e chat, mentre dal lato sinistro c'è ovviamente l'ingresso USB type C (cavo incluso) per la ricarica rapida, il volume e infine il tasto per silenziare il microfono, quest'ultimo sprovvisto di indicatore led.
A proposito di microfono, anche in questo caso si parla di un archetto semi-rigido asportabile e dotato di cappuccio anti-pop, capace di ruotare e torcersi adattandosi ad ogni vostra esigenza. Semplice, versatile e funzionale: il design delle nuove HS75 XB è senz'altro perfetto per il gaming, ha carattere e stile, ma volendo potete tranquillamente portarvele in ufficio, senza dichiarare a tutti la vostra passione domestica.

Performance

Da un headset con questo costo, ci si aspetta quantomeno un suono da paura, ed infatti le HS75 XB non tradiscono le aspettative: grazie agli ampi driver al Neodimio da 50mm, la resa è estremamente corposa, capace di un volume piuttosto importante ma soprattutto ben bilanciata fra alti, medi e bassi, anche se questi ultimi hanno un accento leggermente più pronunciato (come vuole Corsair).
Se però utilizziamo la funzione Dolby Atmos, allora si sale proprio di livello; quest'ultimo, come molti già sapranno, ha la capacità di interpretare la provenienza delle fonti sonore nello spazio virtuale, riuscendo così a restituire un audio in 7.1 simulato incredibilmente avvolgente ed immersivo, pur non isolando completamente dai suoni esterni. Ad ogni modo, prima che possiate chiedercelo, sì: in confronto ad altri headset sprovvisti di tale certificazione, Dobly Atmos garantisce una precisione maggiore, nonché una brillantezza particolarmente piacevole derivata dalla separazione dei singoli suoni, senza per questo perdere mai l'amalgama generale.

Grazie al software Dolby Access in dotazione, molto semplice ma anche piuttosto accurato, è possibile modificare i parametri ed accedere a qualche preset semplificato, come ad esempio Giochi, dove si enfatizzano i suoni ambientali, Cinema, ove i bassi fanno da padroni e infine Musica, che generalmente si concentra sulla potenza del beat senza però perdere sullo spettro delle medie frequenze.

C'è anche un'opzione performance esplicitamente creata per esaltare ancora di più tutti quei i suoni posizionali tipici degli FPS competitivi stile COD, come ad esempio i passi dei nemici, ma anche proiettili ed esplosioni, e dobbiamo ammettere che nonostante alcune frequenze diventino di conseguenza un po' "scavate" il risultato è piuttosto impressionante. Potete anche armeggiare e crearvi fino a tre profili EQ personalizzati, e su console questo livello di customizzazione non è affatto scontato.
Sul fronte software, dunque, la promozione è assicurata, soprattutto su Xbox Series X, ma tenete a mente che su PC la app va scaricata e gestita tramite Microsoft Store, e anche questa volta dobbiamo ammettere che fra bug e infiniti crash, non è stata certo una bella esperienza.

Dopo avervi abbondantemente parlato dell'ascolto ora tocca alla cattura, ovvero il microfono, che visti i successi del passato Corsair in questo caso era un sorvegliato speciale. L'azienda Californiana ha infatti la fama di realizzare buoni microfoni, e non soltanto in quanto a cancellazione del rumore, che comunque c'è è fa il suo mestiere degnamente, quanto piuttosto per la capacità della capsula di registrare un suono libero da tutte quelle compressioni artificiali fastidiosissime, che schiacciano fin troppo la voce di chi parla. Succede anche ai migliori, direbbe qualcuno, e infatti quest'ultimo è un problema molto diffuso anche con altri grandi brand, ma per fortuna Corsair è riuscita a consegnarci anche questa volta una buona qualità, sicuramente ben lontana dai microfoni dedicati, ma comunque sopra la media.
Resta discutere soltanto la durata delle batterie, che però non è cosa da poco; diciamo soltanto che a fronte delle circa 20h dichiarate da Corsair, la nostra prova ha restituito risultati che oscillano dalle 11 alle 13 ore, che ovviamente non sono affatto male, ma nemmeno da primato.

Corsair HS75 XB Le nuove HS75 XB sono il top di Corsair per gli headset wireless, pensate espressamente per le nuove console di casa Microsoft e anche per Windows PC, a patto ovviamente di acquistare il relativo stick wi fi. In termini di costruzione e design sono ineccepibili: come da tradizione Corsair stiamo parlando di cuffie pratiche, funzionali e ancora una volta robustissime, con in più un look elegante che non sfigura mai, nemmeno in contesti formali. Sicuramente un hardware di prima scelta, con una gran quantità di inserti in metallo che danno l’idea di voler durare una vita, ma anche il software non scherza affatto: le HS75 XB possono infatti contare su Dolby Access, una app che permette sia su pc che su console di personalizzare al massimo la propria esperienza audio, scegliendo fra vari preset o creandone di propri. Grazie a quest’ultimo, e agli ottimi driver da 50mm, la resa sonora è potente e precisa, e tuttavia incredibilmente bilanciata. Se poi amate la riproduzione in 7.1 allora sarete felici di sapere che con la certificazione Dolby Atmos l’audio spaziale raggiunge livelli di brillantezza incredibili, perfetti per il gaming competitivo, ma anche per la visione di un buon film, con bassi profondi e vibranti. Da questo punto di vista le HS75 XB sono sicuramente fra i migliori headset dell’ultimo periodo, e quindi il prezzo elevato non è affatto ingiustificato. Stiamo parlando di ben 179,99€ al momento su Amazon, il che potrebbe sicuramente spingerle fuori dalla portata di molti, ma per tutti coloro che stanno cercano un headset prestante e durevole, e che non hanno paura di spendere, si tratta sicuramente di un prodotto da valutare con attenzione.

8.8