Focal Listen Wireless Recensione: cuffie high-end a marchio Assassin's Creed

Focal immette sul mercato un headset di fascia alta nato dalla collaborazione con Ubisoft: un oggetto da collezione che mescola design e qualità.

recensione Focal Listen Wireless Recensione: cuffie high-end a marchio Assassin's Creed
Articolo a cura di
Giuseppe Arace Giuseppe Arace ha iniziato a venerare i videogiochi e il cinema quando, a soli 4 anni, è rimasto folgorato dalla schermata d’avvio del Sega Mega Drive e dai titoli di testa di Toy Story. Nato con un pad tra le braccia, vorrebbe morire con un Oscar. Non ama molto i social network e bazzica raramente solo su Google Plus.

Quello di Focal non è certo un nome poco noto nei reami degli apparecchi acustici. Il motto, anzi lo "spirito" della società (fondata in Francia nel 1979) è riassunto nell'espressione "Listen Beyond", ossia la volontà di andare oltre i confini del suono, per garantire un'esperienza audio totalizzante. Allo scopo di tenere fede a simili, roboanti intenzioni, la Focal si è fregiata negli anni di alcune partnership di un certo spessore, come - ad esempio - Peugeot e Fender: di recente, in ogni caso, l'azienda ha stretto un accordo nientemeno che con Ubisoft, insieme alla quale l'azienda ha prodotto un paio di cuffie in edizione limitata a marchio Assassin's Creed: Origins. In realtà ne esistono due varianti: una extra-lusso da 50.000 euro (che possono permettersi solo i Faraoni...) ed il modello Listen Wireless, più a misura di "medjay", venduto in esclusiva sullo store di Ubisoft alla non certo modica cifra di 249 euro. Abbiamo quindi potuto testare a lungo con mano (o meglio: con le orecchie) quest'ultima coppia di cuffie, perfetta per lunghe traversate nel ventoso silenzio del deserto. E no, non temete: il libretto di istruzioni non è scritto in geroglifico.

Design e specifiche

Il packaging con cui si presentano gli headphones è sobrio ed appariscente allo stesso tempo: una confezione rettangolare su cui trionfa il marchio degli Assassini nella parte frontale, al quale si affianca tutta una serie di piccole rifiniture ed orpelli grafici che colpiscono l'occhio senza mai strafare. All'interno trova posto, oltre alle cuffie, anche una comoda custodia, in modo tale da mantenere tutto in ordine durante i viaggi o le traversate tra le dune sabbiose. Il dispositivo è pensato principalmente per l'utilizzo in modalità wireless (con tecnologia 4.1), ma non mancano ovviamente i cavi per la ricarica USB e per il Jack da 3.5 mm (il cui connettore è lungo circa 123 cm). A differenza di tanti altri headset similari, queste cuffie mostrano un design meno graffiante e spigoloso, preferendo uno stile morbido ed assai gradevole alla vista. I padiglioni laterali posseggono una forma ovale che, senza eccedere in virtuosismi estetici, ben si adatta alle dimensioni delle orecchie. Il peso di circa 300 grammi contribuisce a non appesantire eccessivamente l'archetto, costruito con materiali estremamente solidi ed imbottito quanto basta per rendere più soffici e sopportabili lunghe sessioni di gioco. Le cuffie Focal Listen Wireless sono di tipo circumaurali a retro chiuso, e dispongono di un'autonomia di 15/17 ore e di un raggio d'azione intorno ai 15 metri di ampiezza. Per quanto concerne il design, invece, alla raffinatezza dei materiai si accompagna anche quella stilistica: nella sua eleganza, l'apparecchio è caratterizzato da piccole rifiniture che contribuiscono ad aumentarne il valore artistico. L'headset è proposto con una colorazione nera ed azzurra, sulla quale fanno capolino di tanto in tanto alcuni dettagli dorati che spiccano nell'omogeneità complessiva e spezzano in modo perfetto il bicromatismo. Sul padiglione destro troviamo i pulsanti di accensione e del bluetooth, i tasti per regolare il volume e la porta mini-USB.
Sul lato sinistro, di contro, resta ampio spazio per l'inserimento del Jack e per la celeberrima scritta "Nothing is true, Everything is permitted", incisa con un font ben proporzionato e colorato in oro, che richiama all'occhio anche le due riproduzioni del logo della serie, adeguatamente "nascoste alla vista" negli incavi esterni alla base dei padiglioni. Complessivamente, insomma, quantomeno sul fronte del design e della qualità della composizione, le cuffie Focal dedicate ad Assassin's Creed: Origins rendono pienamente onore alla direzione artistica del gioco.

I suoni dell'Egitto

Più che bello da vedere, però, l'headset dev'essere piacevole da "ascoltare", e quale modo migliore per mettere alla prova la potenza del suono se non quello di sperimentarlo proprio con i rumori dell'Egitto? L'accoppiamento via bluetooth o NFC è immediato e preciso, e possiede un raggio di funzionalità molto vicino allo standard (di 15/20 metri) suggerito dalle caratteristiche ufficiali che abbiamo elencato nel paragrafo precedente. Tra i device compatibili si segnalano ovviamente PC, smartphone e Smart TV: manca però all'appello la PlayStation 4, sulla quale la periferica viene sì "individuata" ma non supportata via bluetooth. Dal punto di vista dell'autonomia, possiamo ritenerci pienamente soddisfatti, con una batteria che (a fronte di tre ore di ricarica) si attesta orientativamente intorno alle 12 ore di ascolto ininterrotto. Con le cuffie indosso, l'isolamento ambientale è quasi integrale: sia con la visione di film e serie TV, sia durante lunghe sessioni di gioco, l'audio giunge pertanto sempre pulito e ben equilibrato. Nell'ampio open world di Assassin's Creed: Origins, a dominare è un marasma di suoni perfettamente distinguibili, che crea un'immersività davvero poderosa. Il fruscio del vento, il cinguettio degli uccelli, il vociare della popolazione di Siwa ed il rullo di tamburi che accompagna le nostre cavalcate si amalgamano in un ensemble sonoro dove ogni livello audio risulta ottimamente bilanciato.

La leggerezza dell'archetto e la morbidezza dell'imbottitura, inoltre, non affaticano né il collo, né la testa, garantendoci la possibilità di indossare le cuffie per un ampio numero di ore, sebbene la durezza dei materiali ed il riscaldamento dei padiglioni, a lungo andare, finisca per appesantire leggermente la fruizione. La posizione dei tasti del volume, tuttavia, benché perfettamente integrata nel design, non ci è sembrata il massimo della comodità: i pulsanti sono abbastanza piccoli e non sufficientemente in rilievo da essere individuabili al tatto con immediatezza. Ci si abitua dopo poco, in ogni caso, e la regolazione del volume, la selezione delle tracce musicali e la gestione delle chiamate diventano presto intuitive al punto giusto.

Focal Listen Wireless Focal realizza un modello di cuffie high-end di grande qualità: occorrerà però soprassedere dinanzi ad un costo molto elevato, che sembra giustificato più dalla sua natura di “oggetto da collezione” che dalle sue effettive caratteristiche. Design, comodità, solidità dei materiali e limpidezza del suono sono i capisaldi di questo headset dalle forme semplici e ricercate al contempo, che trae gran parte del suo appeal dalla bellezza estetica e dalla preziosità del prodotto, distribuito in tiratura limitata. A tutto ciò va aggiunta anche una realizzazione tecnica notevole, che garantisce un audio pulito e potente: se il prezzo non vi intimorisce e siete degli assidui collezionisti, le cuffie Focal Listern Wireless, nate dalla partnership con Assassin’s Creed: Origins, rappresentano uno dei modi migliori per galoppare tra le piramidi avvolti dalle esotiche sonorità dell’Egitto.

8