Honor Magic Watch 2 Recensione: uno smartwatch con pochi punti deboli

Honor Magic Watch 2 è uno smartwatch dalle specifiche eccellenti e dal prezzo contenuto, con un software ben realizzato ma non impeccabile.

recensione Honor Magic Watch 2 Recensione: uno smartwatch con pochi punti deboli
Articolo a cura di

Huawei e Honor sono capaci di realizzare ottimi dispositivi indossabili. Non è un caso che tra i migliori smartwatch Android ci sia il Watch GT 2 di Huawei, e che tra le migliori smartband, se non la migliore, ci sia Honor Band 5 (qui la nostra recensione). L'esperienza accumulata in questi anni consente alle due aziende cinesi di creare dei dispositivi belli da vedere, dalla lunga autonomia e ricchi di funzioni, tutte caratteristiche che ritroviamo anche nell'Honor Magic Watch 2, arrivato recentemente in Italia.
Questo smartwatch riprende a piene mani quanto visto con il cugino Watch GT 2, modificando leggermente l'aspetto estetico ma mantenendo tutte le sue caratteristiche. Per di più, Honor ha deciso di venderlo a un prezzo inferiore, tutti fattori che candidano il Magic Watch 2 al podio per il miglior smartwatch Android nel rapporto qualità-prezzo.

Design

A un primo sguardo il Magic Watch 2 sembra identico al cugino Huawei Watch GT 2. A differenza di questo però non è presente la ghiera numerata intorno al display, per una linea leggermente più pulita. Le differenze tuttavia sono minime, ma non è necessariamente un male perché in questo modo la qualità vista nel Watch GT 2 viene preservata. Honor ha realizzato due varianti del suo smartwatch, una da 42 l'altra da 46 millimetri. Le immagini che vedete in questo articolo sono della versione più piccola, preferibile se volete che l'orologio passi più inosservato al vostro polso, quella da 46 è molto vistosa infatti. La scocca è in alluminio e sono disponibili due tasti sul lato destro, con il primo si entra nel menù con tutte la funzioni disponibili, con il secondo invece si accede alla sezione allenamento, dove sono indicati i diversi sport supportati. La scocca resiste fino a 5 atmosfere e nella parte bassa è caratterizzata dai sensori presenti nel dispositivo, racchiusi in un inserto in policarbonato.
In linea generale la qualità costruttiva del Magic Watch 2 è molto buona, soprattutto se rapportata alla fascia di prezzo. Anche il cinturino in silicone fornito in dotazione non delude e si cambia facilmente con uno dei modelli compatibili.

Caratteristiche tecniche

Honor Magic Watch 2 in questa versione da 42 mm utilizza uno schermo AMOLED da 390x390 pixel da 1.2 pollici. Nella variante più grande da 46 mm invece troviamo un display, sempre AMOLED, ma da 454x454 pixel e da 1.39 pollici. Altre differenze tra i due modelli sono date dalla batteria, nella versione più piccola ne è installata una da 215 mAh, in quella più grande una da 455 mAh, e dall'altoparlante, assente nel 42 mm, che non è quindi in grado di ricevere ed effettuare chiamate in vivavoce.
Rimangono identiche le restanti specifiche, a partire dal processore Kirin A1, e sono disponibili il Bluetooth 5.1, il Wi-Fi e il GPS. Presente anche il sensore per il battito cardiaco, fondamentale per il monitoraggio dell'attività cardiaca, del sonno e dello stress, funzione anche questa disponibile all'interno dell'applicazione Huawei Health.

Software ed esperienza d'uso

Abbiamo svolto la prova di questo smartwatch con un Galaxy Note 10+ aggiornato ad Android 10, con cui abbiamo avuto qualche problema in fase di installazione. L'applicazione Huawei Health infatti non basta per sincronizzare lo smartphone con l'orologio, bisogna installare anche gli Huawei Mobile Service. La versione presente sul Play Store di Android tuttavia non è aggiornata e causa un crash a Huawei Health; facendo una ricerca su internet è emerso che il problema è stato riscontrato anche in altri telefoni con Android 10. Honor ha poi corretto il tiro e ora, una volta installato Huawei Health, a schermo compare un avviso che consiglia di scaricare gli Huawei Mobile Service (HMS) direttamente da App Gallery, lo store Android proprietario di Huawei. In questo modo funziona tutto, ma bisogna installare due applicazioni e gli HMS per arrivare a questo risultato. Ovviamente, se avete un telefono Huawei o Honor la procedura è semplificata dal fatto che tutte queste applicazioni sono già installate.
Superata l'installazione, che rimane comunque alla portata degli utenti meno esperti, si è subito pronti a partire.

Il display del Magic Watch 2 è la prima sorpresa: luminoso e dalla buona definizione, sembra appartenere a uno smartwatch dal costo più elevato. La regolazione della luminosità automatica funziona bene ma non è rapidissima ed è disponibile anche l'always-on display. Per risparmiare un po' di batteria si può scegliere anche l'attivazione tramite rotazione del polso.
Le Watch Faces sono presenti in grandi quantità e se ne trovano di ogni tipo, da quelle più ricche a livello visivo fino a quelle più minimali la scelta è ampia.

Aprendo il menù dello smartwatch al primo posto troviamo la parte dedicata agli allenamenti, che comprende una grande varietà di sport, dalla corsa alla bici, passando per il nuoto, l'alpinismo, il triathlon e il vogatore, ognuno con notifiche vocali e con la possibilità di impostare degli obiettivi, ad esempio di distanza o di intensità nell'allenamento. Ogni sport offre poi delle statistiche personalizzate, ad esempio nel nuoto si può scoprire lo SWOLF, che calcola l'efficienza nella nuotata.

Scorrendo il menù troviamo la possibilità di osservare la propria frequenza cardiaca, oppure di monitorare il sonno, una funzione molto precisa e che offre un report dettagliato dei momenti di riposo, in grado di rilevare anche i semplici pisolini. Non manca una funzione per la rilevazione dello stress, una dedicata agli esercizi di respirazione, i controlli per la riproduzione musicale da smartphone, bussola, barometro e il classico meteo.

La musica può essere salvata nei 4 GB di memoria interna e riprodotta collegando all'orologio delle cuffie bluetooth.
Le notifiche dallo smartphone sono piuttosto basilari e permettono di leggere le prime parole di un messaggio ma non di rispondere; escluse anche le immagini, che non possono essere visualizzate sull'orologio. In definitiva il sistema operativo proprietario LiteOS, alla base di questo smartwatch, si comporta molto bene e consuma anche poco, con una ricarica si possono fare 4-5 giorni di utilizzo con tutte le funzioni attive, che salgono a circa 10 per il modello più grande. La ricarica avviene tramite una piccola docking station che in un'ora circa è in grado di caricare completamente lo smartwatch.
Il prezzo da pagare per la buona autonomia è l'assenza di applicazioni, Magic Watch 2 offre una gamma di funzioni ampia e che copre quelli che sono gli utilizzi classici di uno smartwatch, ma non possono essere espansi, se non da Honor con aggiornamenti firmware.

Honor Magic Watch 2 Honor Magic Watch 2 è uno smartwatch molto concreto, che bada alla sostanza ma anche ben realizzato. La qualità costruttiva è buona e le funzioni disponibili sono tante. Il prezzo di 169.99 euro per il modello da 42 mm non è elevato ma nemmeno a buon mercato, si posiziona appena sotto il Watch GT 2 di Huawei, nonostante siano praticamente identici. Autonomia, numero di funzioni disponibili e il display sono i suoi punti forti, la concorrenza agguerrita in quella fascia di prezzo, l'assenza di applicazioni di terze parti e la necessità di installare tre diverse applicazioni per funzionare sui telefoni non Huawei-Honor con Android 10 sono invece i punti deboli di un prodotto che non deluderà comunque i futuri acquirenti.

8