Honor

Recensione Honor View 10: un ottimo top di gamma dal prezzo contenuto

Oggi andiamo a recensire il top di gamma Honor View 10, che già dalla presentazione aveva lasciato tutti a bocca aperta.

recensione Recensione Honor View 10: un ottimo top di gamma dal prezzo contenuto
Articolo a cura di

Honor è una di quelle società produttrici di smartphone che non si fermano mai. Pensate che in appena tre mesi sono stati annunciati, messi in commercio e arrivati nelle nostre mani ben tre dispositivi appartenenti ad altrettante fasce di mercato. Tutto è iniziato con l'interessante low-end 6C Pro, per passare poi a quello che si è rivelato essere uno dei migliori smartphone mid-range che abbiamo mai provato: Honor 7X. Oggi, invece, avanziamo ulteriormente di livello e testiamo a fondo un dispositivo che ha catalizzato l'attenzione di critica e pubblico già dalla sua presentazione: il flagship Honor View 10. Lo smartphone in questione è attualmente venduto al prezzo di 499 euro su Amazon.it. Siamo dinanzi all'ennesimo best buy? Scopriamolo assieme in questa recensione!

Unboxing

Per il suo flagship, Honor ha deciso di apportare delle piccole modifiche alla tipica confezione di vendita. Il colore azzurro è stato sostituito dal blu scuro che fa da contorno al nome dello smartphone. Invariato il retro che riporta le informazioni relative al prodotto. All'interno troviamo, oltre allo smartphone ovviamente, un alimentatore da 5V/4.5A, un cavo USB/USB Type-C per il trasferimento dei dati e per la ricarica, una comoda cover trasparente in silicone. Ovviamente presente anche la clip per estrarre il carrellino della SIM, che qui presenta due slot e permette l'espansione della memoria interna tramite microSD fino a 256GB rinunciando a una delle due nano SIM. Niente manuali o istruzioni varie, si va direttamente al sodo.

Design

Honor View 10 si presenta con delle dimensioni di 157 x 75 x 6.97 mm per un peso di 172 grammi. Nonostante l'ampio display, lo smartphone si tiene tranquillamente anche con una sola mano e non abbiamo niente da lamentare in tal senso. Inoltre, in caso di problemi, si può anche attivare la classica funzionalità UI con una mano che pone rimedio al "problema". La scocca è in alluminio, ma il trattamento cangiante apportato nella parte frontale è veramente una gioia per gli occhi. Il tutto accompagnato dallo schermo 18:9 curvo 2.5D borderless che ci ha dato parecchie soddisfazioni in fase di utilizzo. Presente anche il caro tasto Home con sensore di impronte digitali integrato. Le gesture attivabili tramite esso non ci hanno convinto molto e abbiamo preferito un approccio "più classico" per l'utilizzo di View 10, ma lo sblocco tramite impronta risulta qui veramente comodo ed efficace. Troviamo poi, sempre nella parte frontale, la fotocamera anteriore posta in alto.

Passando alla parte posteriore, troviamo i due sensori fotografici affiancati dal flash LED in alto a sinistra, accompagnate dal logo Honor posto in bella vista. Da segnalare anche la presenza delle bande plastiche per migliorare la ricezione, che però in questo smartphone riescono a non intaccare troppo il design e sembrano quasi farne parte creando il giusto connubio. Gli altoparlanti trovano posto nella parte inferiore, accanto alla porta USB Type-C e del jack audio da 3.5 mm. Sulla destra sono invece presenti il tasto d'accensione e quello per alzare e abbassare il volume, mentre sulla sinistra troviamo il carrellino della SIM.

Lo smartphone viene venduto nelle colorazioni Black e Blue. Noi, come potete vedere dalle immagini, abbiamo testato la colorazione blu, in linea con il mercato attuale e con i colori distintivi dell'azienda. Ottima la solidità costruttiva, con dei materiali molto resistenti che però potrebbero rendere "scivolosa" la parte posteriore dello smartphone in alcune situazioni. È probabile che Honor abbia inserito una cover in silicone all'interno della confezione proprio per questo motivo. Tirando le somme, il design di View 10 riprende per certi versi quello che abbiamo già potuto apprezzare con diversi altri dispositivi Honor, ma aggiunge il fascino del trattamento cangiante e del display di alta caratura, creando un connubio che ci è piaciuto molto.

Caratteristiche tecniche

Per quanto riguarda le caratteristiche tecniche, troviamo un display IPS borderless 18:9 da 5.99 pollici con risoluzione Full HD+ (2160x1080 pixel), che offre una qualità e angoli di visione che vengono superati da pochi top di gamma. Buona anche la regolazione automatica della luminosità. Siamo insomma dinanzi a un ottimo pannello e guardare i propri video preferiti su questo schermo è un piacere. Interessante anche la possibilità di regolare la risoluzione per aumentare l'autonomia del dispositivo. Nonostante questo, Honor View 10 si trascina il principale problema che tutti gli smartphone montanti un display 18:9 hanno: la compatibilità delle app. Con il passare dei mesi, i principali sviluppatori hanno già provveduto ad aggiornare il proprio software introducendo il supporto all'aspect ratio in questione, ma alcune app anche molto popolari visualizzano il tutto ancora nei classici 16:9, non andando a "riempire" completamente lo schermo. A soffrire di questa problematica sono soprattutto applicazioni come Infinity, Twitch e Amazon Prime Video, nonché molti giochi che abbiamo testato, come Assassin's Creed Identity.

Honor, però, ha pensato anche a questo e ha sviluppato l'opzione Visualizzazione a schermo intero, che riesce a risolvere il tutto con la maggioranza delle app, ma presenta comunque diversi problemi con software del calibro di YouTube. Infatti, visualizzando un video sulla piattaforma in questione, i contenuti verranno visualizzati di default in 16:9 e solamente effettuando uno zoom essi riempiranno tutto lo schermo, "tagliando" una piccola parte del contenuto multimediale, cosa che in alcune tipologie di video potrebbe risultare particolarmente fastidiosa. Pensiamo, ad esempio, a un gameplay, dove nella parte superiore è presente una sottile barra della salute del protagonista: in questo caso l'utente potrebbe non riuscire nemmeno a vedere l'informazione in questione nella "modalità 18:9". Si tratta, però, di un problema legato a pochissimi casi che può essere risolto con un semplice zoom out. Il tutto non va, dunque, a rovinare più di tanto l'esperienza e la problematica in questione è comune a tutti gli smartphone di questo tipo e variabile in base all'app utilizzata.

Per quanto riguarda il sistema operativo, Honor View 10 monta la EMUI 8.0 basata su Android Oreo, di cui parleremo più dettagliatamente in seguito. Il processore è invece il performante Kirin 970, octa-core operante alla frequenza massima di 2.36 GHz (4 x Cortex-A73 2.36 GHz + 4 x Cortex-A53 1.84 GHz). Il sample arrivato in redazione monta poi una GPU Mali-G72 MP12, 6GB di RAM e 128GB di memoria interna. Troviamo poi una batteria da 3750 mAh che consente allo smartphone di arrivare tranquillamente a due giorni di autonomia con utilizzo medio, risultati leggermente inferiori ma paragonabili a quelli di Huawei Mate 10 Pro. All'ottima autonomia va poi aggiunta la ricarica veloce SuperCharge, con Honor View 10 che impiegherà poco meno di un'ora e mezza per passare dallo 0 al 100%. Non mancano anche tutte le connettività richieste dal mercato odierno degli smartphone, con il supporto a Bluetooth 4.2, 4G LTE, GPS, NFC e WiFi 802.11 a/b/g/n/ac.

Comparto multimediale

A bordo di Honor View 10 troviamo una dual camera posteriore con un sensore da 16MP (f/1.8) a colori affiancato da uno da 20MP monocromatico (f/1.8) e dal flash Dual LED. Se fin qui l'ovvio paragone con Mate 10 Pro era azzeccato, dobbiamo dire che in ambito fotografico il cambio di lenti si sente tutto. La qualità delle foto risulta molto buona e in linea con gli altri top di gamma soprattutto in buone condizioni di luce, ma non riesce a raggiungere la qualità di quelli che potremmo definire "cameraphone". Il sensore anteriore da 13MP (f/2.0), invece, riesce a scattare ottimi selfie che risultano di qualità leggermente superiore alla media, Mate 10 Pro incluso.

Un plauso va sicuramente all'ottima app Fotocamera, a cui Honor ci ha abituati da qualche tempo a questa parte. Con il top di gamma, però, la società ha ampliato ulteriormente le possibilità offerte. Le funzionalità sono veramente moltissime, di seguito ne riportiamo alcune. L'interessante Light painting consente di "catturare" le scie luminose urbane, mentre le altre modalità comprendono "Verticale", "Immagini in movimento" e "Apertura Ampia" (bokeh). Insomma, siamo sicuramente dinanzi a uno dei software più completi in circolazione, che non si fa mancare veramente nulla. Buono il comparto audio, con un volume massimo e una pulizia del suono in grado di rivaleggiare con gli altri top di gamma.

Software

Al momento in cui scriviamo, Honor View 10 monta la EMUI 8.0 basata su Android Oreo con patch di sicurezza del 1 gennaio 2018. Le novità aggiunte alla già ricca proposta della società sono principalmente la nuova app Game Suite per ottimizzare le prestazioni in ambito gaming e quella relativa alla traduzione Microsoft, che sfrutta appieno l'intelligenza artificiale del SoC Kirin 970. Ricordiamo poi diverse "vecchie" personalizzazioni di rilievo come le app proprietarie (es. Gestione Telefono e HiGame) e la funzionalità App Gemella, che consente di duplicare alcune applicazioni (come Facebook e WhatsApp) in modo da utilizzarle con due differenti account sullo stesso dispositivo. Per le ulteriori novità legate ad Android, vi invitiamo a consultare questo articolo. Insomma, un'esperienza "pulita" e senza bloatware. Per quanto riguarda gli aggiornamenti, speriamo che Honor sia intenzionata ad aggiornare a lungo il suo flagship, siamo molto ottimisti a riguardo.

Prestazioni

Non abbiamo riscontrato alcun problema di fluidità con questo View 10, che all'atto pratico risulta veramente fluido in tutti gli ambiti di utilizzo. Anche app "pesanti" come Facebook, Instagram e Twitter girano come ci si aspetterebbe da un top di gamma. Stesso discorso anche lato gaming, con giochi come Assassin's Creed: Identity, Hitman Sniper e Real Racing 3 che non hanno mai presentato cali di frame rate neanche nelle situazioni più concitate. Honor View 10 può dunque dare parecchie soddisfazioni anche ai gamer più esigenti.

Passando alla connettività, la ricezione è risultata molto buona sia con i dati mobili che sotto WiFi. Lo "switch" tra i due è molto rapido ed è anche presente la solita funzionalità Wi-Fi+ di Honor che sceglie automaticamente la connessione di rete migliore in base al consumo dati e alla banda disponibile. Per gli amanti dei benchmark, lo smartphone ha fatto registrare un punteggio di 211836 punti su Antutu. Su Geekbench, invece, è arrivato a 1886 punti in single-core e 6730 punti in multi-core. Insomma, prestazioni assolutamente di tutto rispetto.

Honor View 10 E' veramente difficile trovare un punto di debolezza a questo Honor View 10. Se proprio volessimo cercarlo, potremmo dire che la qualità del comparto fotografico è leggermente inferiore a quella di altri top di gamma e che la parte posteriore dello smartphone tende ad un essere un po' "scivolosa", ma sarebbe come cercare un ago nel pagliaio. Infatti, View 10 possiede un'autonomia granitica, delle prestazioni da vero e proprio top di gamma, un ottimo display e un design veramente accattivante. In definitiva, se siete alla ricerca di un dispositivo sulla fascia di prezzo dei 500 euro, fatelo vostro.

8.7