Honor Watch GS Pro recensione: uno smartwatch indistruttibile

Honor ha creato uno smartwatch dal costo allettante e dalla lunga autonomia, caratterizzato da un design rugged a prova di caduta.

recensione Honor Watch GS Pro recensione: uno smartwatch indistruttibile
Articolo a cura di

Honor si è lanciata a capofitto nel mondo degli smartwatch, uno dei settori più in crescita tra i mercati tecnologici. Dopo la recensione del Magic Watch 2 passiamo oggi a raccontare il nuovo Watch GS Pro, uno smartphone dall'impostazione e dal look molto differente.
Se il Magic Watch 2 puntava a un pubblico maschile e femminile, grazie alle due varianti di dimensioni differenti e a un design unisex, con il GS Pro siamo di fronte a un prodotto indirizzato principalmente al pubblico maschile, merito di linee decisamente rugged e sportive, oltre che di dimensioni generose. Il risultato finale è uno smartwatch solido come una roccia, dalla lunga autonomia e utilizzabile su tutti gli smartphone.

Design aggressivo

Le linee neutre del Magic Watch 2 sono solo un lontano ricordo, il GS Pro nasce per essere utilizzato anche in condizioni difficili. Cassa e cinturino trasmettono subito una netta sensazione di solidità, con una linea decisamente muscolare che riprende molto dai classici cronografi sportivi. La resistenza è uno dei punti forti del prodotto, che può contare su 14 certificazioni militari MIL-STD-810G. Può resistere infatti a temperature fino ai 70 gradi o fino a -40, come anche ad acqua (fino a 5 ATM) e sabbia. Addirittura è presente una certificazione di resistenza agli agenti contaminanti fluidi. Insomma, la resistenza di questo smartwatch traspare fin dalla prima volta che lo si indossa. Le dimensioni sono importanti, così come il peso, di 45.5 grammi. Durante la prova non lo abbiamo trattato bene, non essendo abituati a uno smartwatch così grande non sono mancati i colpi, ma la scocca ha retto sempre senza mai nemmeno graffiarsi.

La cassa è realizzata in policarbonato ma con una texture particolare, che viene ripresa anche dal cinturino in gomma. Una ghiera in metallo molto vistosa circonda il display, a sottolineare ancora di più l'animo sportivo dello smartwatch, mentre sulla destra sono disponibili due pulsanti fisici, che insieme al touch vengono utilizzati per la gestione dell'orologio.
Sul retro, a contatto con la pelle, si possono osservare il sensore per il battito cardiaco e il connettore per la ricarica, che avviene tramite un caricatore fornito nella confezione (2 ore circa per la ricarica completa). Sulla scocca è presente anche un piccolo speaker per le chiamate, praticamente invisibile.

Caratteristiche tecniche davvero complete

Watch GS Pro è uno smartwatch moderno con tutto quello che si può desiderare da un dispositivo di questo tipo. Lo schermo è di tipo AMOLED da 1.39 pollici, con risoluzione di 454x454 e una definizione di 326 PPI, dotato di touch screen e quadranti personalizzabili. Alla base troviamo il processore Kirin A1, lo stesso visto negli ultimi smartwatch di casa Huawei e Honor, insieme a 4 GB di memoria interna per lo stoccaggio di file musicali. La batteria da 700 mAh promette fino a 25 giorni di autonomia, ma tutto dipende dalle impostazioni utilizzate, ad esempio dall'impiego o meno dell'Always On Display, o dalla frequenza con cui ci si allena, un momento in cui tutti i sensori lavorano al massimo delle loro possibilità.

Nel nostro caso siamo riusciti a fare tredici giorni senza dover ricaricare, un'autonomia che rimane comunque da primi della classe, soprattutto se si è abituati ad Apple Watch, come nel nostro caso. Watch GS Pro è quindi lo smartwatch perfetto per chi non ha voglia di caricare ogni giorno il proprio orologio, sotto questo fronte è davvero difficile trovare di meglio.

Proseguendo con le specifiche troviamo il Bluetooth 5.1 e la piena compatibilità con gli standard GPS e GLONASS. Interessante l'inserimento della modalità Route Back, che può tornare utile quando ci si avventura in zone inesplorate. Lo smartwatch infatti tiene traccia del percorso fatto ed è in grado di mostrarlo direttamente sullo schermo per facilitare il ritorno sui propri passi.
Gli altri sensori disponibili comprendono quello per il battito cardiaco e quello per il monitoraggio della SpO2. Abbiamo testato il rilevamento del battito cardiaco del GS Pro comparandolo a quello di Apple Watch 5 durante una sessione di allenamento, lo scarto tra i due era minimo, di circa 2-3 battiti, a conferma dell'ottima qualità raggiunta da Honor in questo ambito.

Software completo

L'esperienza software pensata da Honor è quanto mai totalizzante, tutte le funzioni che si possono trovare oggi in uno smartwatch sono infatti disponibili. Da un lato troviamo LiteOS, installato sullo smartwatch, dall'altro invece è l'applicazione Huawei Health a gestire la sincronizzazione con lo smartphone, disponibile sia per iOS che per Android. Partiamo proprio da quest'ultima, che rispetto alla nostra prova del Magic Watch 2 ha risolto tutti i problemi che avevamo riscontrato. In passato infatti era complicato effettuare il pairing con telefoni di marche differenti da Huawei e Honor, ora invece è tutto tornato alla normalità. La prova è stata fatta con un Galaxy Note 20 Ultra, una volta scaricata Huawei Health i due dispositivi hanno iniziato a dialogare subito.
Dall'applicazione è possibile osservare la distanza giornaliera percorsa, come il consumo calorico, gli allenamenti svolti, un grafico dettagliato della frequenza cardiaca e molto altro.

Troviamo infatti il monitoraggio del sonno, del livello di stress e della SpO2, oltre a consigli sugli esercizi da fare per mantenersi in forma. L'applicazione è davvero completa e riesce bene a fornire uno spaccato del proprio stato di salute e di allenamento.

Passando invece a LiteOS, la prima cosa che deve essere chiara è che questo sistema operativo nasce con una serie di applicazioni predefinite che non è possibile espandere, se non attraverso gli aggiornamenti software di Honor. Non c'è uno store di applicazioni ma quelle presenti vanno a coprire già tutte le principali funzioni che ci si aspetta da uno smartwatch.
Dal menù principale è possibile accedere alla schermata degli allenamenti, in cui sono presenti 15 discipline curate a puntino più altre 85 attività aggiuntive, che vanno a coprire un numero enorme di sport differenti. Sempre dal menù principale si può accedere al monitoraggio dell'attività cardiaca, al lettore della SpO2, all'analisi del sonno e dello stress, ai contatti per effettuare chiamate e al meteo, non mancano poi nemmeno barometro e bussola.
L'offerta è decisamente completa e va incontro alle esigenze della maggior parte delle persone. Un aspetto che ancora deve essere migliorato è invece la scorrevolezza di questo sistema operativo, che nelle transizioni tra le diverse schermate mostra rallentamenti e lag.

Honor Watch GS Pro Honor Watch GS Pro è uno smartwatch solido, dal design indirizzato al pubblico maschile e ricco di funzioni. Oltre a questo, il suo pregio più grande rimane l’autonomia, davvero elevata e che permette di scordarsi di ricaricare lo smartwatch. Se a questo aggiungiamo un prezzo di 249€, scontato a 199€ fino a fine settembre, non a buon mercato ma comunque competitivo e commisurato alla qualità dell’orologio, allora otteniamo un eccellente smartwatch per sportivi, seppur non perfetto. Dimensioni e look scelto non sono per tutti, inoltre la scorrevolezza del sistema operativo non sempre è ottimale, senza dimenticare l'assenza di un app store, tutti limiti di cui tenere conto in fase d'acquisto.

8.3