Huawei P Smart, la recensione: un compatto smartphone 18:9 con Android 8

Dall'azienda cinese arriva uno smartphone di fascia media dai bordi sottili, con doppia cam posteriore e EMUI 8.

recensione Huawei P Smart, la recensione: un compatto smartphone 18:9 con Android 8
Articolo a cura di

Huawei continua a espandere la sua offerta di smartphone di fascia media con modelli dalle interessanti caratteristiche. Qualche settimana fa abbiamo pubblicato la prova del Mate 10 Lite, un prodotto molto simile all'Honor 7X dotato di schermo da 5,9 pollici in formato 18:9 e quattro fotocamere, due all'anteriore e due al posteriore.
Oggi vi presentiamo un altro device di fascia media di Huawei, il nuovo P smart, un compatto smartphone con display 18:9, Android Oreo e la nuova EMUI 8.0. Scopriamo, quindi, le caratteristiche complete del nuovo Huawei P smart.

Huawei P Smart: design, confezione e prezzo

Huawei P Smart si presenta con un design ormai collaudato, già visto in altri device di origine cinese con angoli arrotondati e schermo in formato 18:9 dai bordi sottili. La scocca, in alluminio con due fasce in plastica, ospita sul retro due sensori impreziositi da profili cromati; elemento estetico che ritroviamo anche nel sensore per le impronte (veloce e abbastanza preciso) posizionato sempre al posteriore. A sinistra troviamo il carrellino in grado di ospitare una nano Sim e una MicroSD fino a 256GB (Huawei commercializza anche una variante dual Sim), mentre in basso troviamo il jack delle cuffie, la porta Micro USB e l'altoparlante. Infine il lato destro che ospita il pulsante di alimentazione e il bilanciere del volume.
Non dimentichiamo le tre varianti colore disponibili, Nero, Blu e Golden, mentre le dimensioni sono pari a 150,1 X 72,05 X 7,45 mm con un peso di 143 grammi.
Concludiamo con la confezione che include un caricatore da 5V/2A, una coppia di auricolari economici e una pellicola protettiva per lo schermo già pre-applicata. Huawei P Smart è acquistabile al prezzo di listino di 259 euro che scendono a poco più di 200 euro approfittando delle varie offerte online.

Caratteristiche tecniche: display da 5,6" e doppia cam al posteriore

Cuore del nuovo Huawei P Smart è il collaudato SoC Kirin 659, un octa-core (4 Cortex-A53 a 2.36 GHz + 4 Cortex-A53 a 1.7 GHz) già visto sul Mate 10 Lite. Un processore accompagnato in questo modello da 3GB di RAM e 32GB di memoria interna espandibile (23,41 GB liberi all'avvio).
Il display è un 5,65 pollici IPS in formato 18:9 con risoluzione FullHD+ (2160 x 1080 pixel) accompagnato da un piccolo LED RGB; il comparto fotografico è formato da una coppia di sensori al posteriore da 13MP più una camera da 2MP utilizzata per catturare informazioni sulla profondità di campo. All'anteriore è invece presente un sensore da 8MP f/2.0. Passando alla connettività, non manca il 4G, il Wi-Fi monobanda b/g/n, il Bluetooth 4.2, l'NFC e la radio FM. Infine la batteria da 3000 mAh, non removibile.

Software: Android Oreo e EMUI 8.0

Il P Smart arriva con l'interfaccia di Huawei EMUI 8 che porta su questo smartphone tutte le novità di Android 8.0 Oreo (con aggiornamenti di sicurezza del primo dicembre 2017). Rispetto al passato il produttore cinese non ha introdotto aggiornamenti sostanziali, con un software sempre ricchissimo di funzioni. Tra queste ricordiamo ad esempio l'interfaccia utente semplificata, la possibilità di personalizzare i pulsanti virtuali di Android, il passaggio intelligente tra Wi-Fi e rete mobile e la modalità a una sola mano. Non manca il filtro per la luce blu e l'opzione per modificare la temperatura colore dello schermo. Ricordiamo anche le diverse impostazioni di risparmio energetico, l'app "Benessere" e la nota utility "Gestione telefono" per l'ottimizzazione dello smartphone con antivirus incluso.
Citiamo anche la possibilità di utilizzare il lettore di impronte posteriore per varie funzioni, i numerosi temi disponibili, il Google Feed posizionato a sinistra della Home page e il dual-Bluetooth per utilizzare contemporaneamente due dispositivi (non audio). Infine ricordiamo che anche in questo smartphone non manca un comando per la visualizzazione a tutto schermo delle app ancora non ottimizzate per il formato 18:9.

Esperienza d'uso

Concludiamo l'analisi del P Smart analizzando le sue prestazioni nell'utilizzo quotidiano. Questo smartphone garantisce una buona esperienza d'uso con un sistema operativo fluido e reattivo. Nessun problema nella navigazione con Chrome e nei giochi più esigenti come Asphalt Xtreme. Per gli appassionati di benchmark, su AnTuTu questo smartphone totalizza 66.803 punti, mentre su Geekbench fa registrare 948 punti in single core e 3711 in multi core.
Decisamente positivo il giudizio sull'ergonomia, grazie ai bordi sottili, al display in formato 18:9 da 5,6" e lo spessore ridotto con la scocca che però risulta abbastanza scivolosa. Display IPS di discreta qualità dai colori naturali, ma con una temperatura colore un po' calda di default e una luminosità non elevatissima. La batteria da 3000 mAh è in grado di garantire un'autonomia di quasi un giorno con un uso intenso dello smartphone (con circa 5 ore di schermo acceso), senza abilitare le varie funzioni di risparmio energetico disponibili; l'accumulatore si ricarica in circa 2 ore. Non dimentichiamo la sezione telefonica con una capsula auricolare di qualità e uno speaker dalla discreta potenza.

Analisi del comparto fotografico

Terminiamo la prova di questo smartphone con l'analisi del comparto fotografico controllabile dalla classica app di Huawei, come sempre ricca di funzioni come l'HDR manuale e le modalità Pro Video e Pro Foto. Nella schermata principale troviamo il comando per l'attivazione dell'effetto bokeh, la modalità Ritratto (anche con effetto sfocatura) e la modalità "Immagini in movimento", in grado di realizzare brevi video durante gli scatti.
Per quanto riguarda le prestazioni dei due sensori posteriori, la qualità degli scatti è buona in condizioni di elevata luminosità con foto dettagliate e dai colori abbastanza naturali. Qualità che scende al diminuire della luce, con un evidente aumento del rumore e un autofocus non sempre preciso. Per quanto riguarda la regolazione della sfocatura dopo lo scatto, questa risulta ben riuscita come in altri device di Huawei, con la possibilità di applicare anche dei simpatici filtri.
Discrete le performance del sensore anteriore anche in condizioni di bassa luminosità. Passando ai video, la camera frontale si limita solo all'HD (di qualità sufficiente, ma dai colori non sempre naturali e con una gestione della luminosità poco precisa), mentre al posteriore la risoluzione massima è in Full HD a 30fps; video non stabilizzati, di qualità e con un buon autofocus.

Huawei P smart Da Huawei arriva uno smartphone di fascia media che vanta una buona ergonomia grazie anche al display 18:9 con un software ricco di funzioni, aggiornato ad Android 8. Interessante anche il prezzo, in rapida discesa, intorno ai 200 euro approfittando delle varie offerte online. Tra gli aspetti che non ci hanno convinto la porta USB in formato Micro e i video dal sensore anteriore solo HD.

8