HUAWEI Watch GT 3 Pro Recensione: la maturità degli smartwatch HarmonyOS

HUAWEI Watch GT 3 Pro mira a offrire un'esperienza completa sotto più punti di vista, puntando anche sull'OS proprietario HarmonyOS.

HUAWEI Watch GT 3 Pro Recensione: la maturità degli smartwatch HarmonyOS
Articolo a cura di

Sono ormai diversi anni che la serie Watch GT di Huawei riesce a colpire nel segno nel mondo degli smartwatch. Notevole, per esempio, quanto emerse nella recensione di HUAWEI Watch GT 2 già nel 2019.
Ora, però, è arrivato il momento di fare sul serio. Infatti, è ormai da un po' di tempo che il brand punta sul sistema operativo proprietario HarmonyOS, che adesso approda su un prodotto top di gamma, ovvero HUAWEI Watch GT 3 Pro. Nel corso delle ultime settimane abbiamo avuto modo di mettere sotto stress la variante Titanium con cinturino in fluoroelastomero nero (46mm), venduta a 369,90 euro sul portale ufficiale di HUAWEI.

Fino al 26 giugno 2022, oltretutto, è possibile ottenere uno sconto di 70 euro utilizzando il codice sconto "AHWHealth", che porta il prezzo finale a 299,90 euro. In questa prima fase, poi, sarà possibile ottenere in omaggio un cinturino EasyFit in una colorazione a scelta, nonché un'estensione della garanzia HUAWEI Care di 12 mesi. In ogni caso, esistono diverse varianti che portano il prezzo fino ai 599,90 euro per la variante Ceramic. In questa sede ci soffermerò sulla variante in nostro possesso.

Design ed ergonomia di Huawei Watch GT 3 Pro

La variante con Black Fluoroelastomer Strap è, insieme alla Gray Leather Strap, quella meno costosa del prodotto, nonché quella più indicata per gli sportivi. Se, infatti, il modello Ceramic punta a una maggiore eleganza e non sfigura in ambito business, qui si punta molto anche sui runner e sullo sport in generale.

Il peso è di 54 grammi, cinturino escluso, mentre le dimensioni sono pari a 46,6 x 46,6 x 10,9 mm: la comodità è di casa quando si indossa lo smartwatch, considerando anche che non è necessario stringere troppo il cinturino. L'indossabile non dà fastidio né alla pelle né durante le sessioni di allenamento, neanche col caldo: anche in giornate in cui l'afa si faceva sentire particolarmente, infatti, non abbiamo avuto troppi problemi.
Se avete già utilizzato indossabili del brand in passato, probabilmente saprete già cosa aspettarvi in termini di design della cassa in titanio. Nonostante la natura sportiva del wearable, i materiali sono quindi Premium e conferiscono sin da subito una sensazione di qualità e solidità, senza però andare ad appesantire il prodotto, anche in termini estetici.

Sul lato destro compaiono il tasto a rotella che consente di accedere e gestire i menu dell'OS, nonché il classico pulsante inferiore pensato per accedere rapidamente alla sezione dedicata alle modalità sportive. Sul retro fa capolino un fondello in ceramica nanocristallina, che va appoggiato sulla base wireless inclusa in confezione (che termina con un cavo USB Type-A).

Peccato per l'assenza di un qualsivoglia cinturino aggiuntivo in confezione, in cui troviamo semplicemente, oltre allo smartwatch e alla base di ricarica, una comune Quick Start Guide. Al netto di questo, ciò che spicca sin dalla prima accensione è il display AMOLED da 1,43 pollici con risoluzione 466 x 466 pixel, che riesce a migliorare leggermente quanto visto in passato, risultando ben visibile in essenzialmente tutti i contesti e incrementando la risoluzione (che in passato spesso era di 454 x 454 pixel).
L'aumento della diagonale rispetto ad altri modelli passati (che in genere presentavano pannelli da 1,39 pollici) riesce a migliorare di molto la visualizzazione degli elementi a schermo.

Tra l'altro, il quadrante in vetro zaffiro migliora la resistenza ai graffi ed è presente una funzionalità Always On, attivabile da un apposito menu presente nelle Impostazioni e configurabile in 6 differenti stili. Non mancano, per il resto, l'impermeabilità fino a 5 ATM e la certificazione IP68: insomma, il quadro generale è completo.

Esperienza d'uso con HarmonyOS e caratteristiche tecniche

Per descrivere la nostra esperienza d'uso, partiamo subito dall'autonomia. Quella stimata da HUAWEI per la batteria da 530 mAh è pari a 14 giorni, anche se nel nostro caso abbiamo riscontrato risultati un po' inferiori (circa 10 giorni, ma molto dipende dall'utilizzo, basti pensare all'Always On).

Si tratta, in ogni caso, di ottimi risultati, considerando anche che la ricarica è più rapida che in passato, tanto che si può arrivare al 25% in 10 minuti, nonché a al 100% in circa 85 minuti (qualche anno fa ci volevano circa 2 ore con determinati modelli).
In termini di connettività, troviamo il supporto a Bluetooth 5.2 e GPS, ma niente Wi-Fi ed eSIM, così come non è possibile effettuare pagamenti tramite NFC (perlomeno per il momento) e non ci sono monitor per la fibrillazione atriale ed ECG. Insomma, qualche limitazione c'è, anche considerando quanto visto nel 2021 con HUAWEI Watch 3 (da non confondere con la serie GT).

I sensori che ci si aspettava, tuttavia, sono presenti: dall'accelerometro al giroscopio, passando per il sensore ottico della frequenza cardiaca (il monitoraggio avviene costantemente tramite tecnologia TrueSeen 5.0+, che utilizza otto sensori fotoelettrici disposti ad anello). Non mancano, poi, magnetometro, termometro e barometro, così come il monitoraggio del sonno e della SpO2 (ossigenazione del sangue), mentre per quel che riguarda la comunicazione sono presenti sia uno speaker che il microfono.

Dalle impostazioni è possibile accedere all'assistente smart AI Voice, ma questa possibilità, che si attiva tenendo premuto il tasto Giù, è ancora molto limitata e richiede l'accoppiamento del dispositivo con uno smartphone HUAWEI con EMUI 10.1 o versione successiva. A proposito dell'accoppiamento, abbiamo effettuato la nostra prova su più dispositivi Android (c'è il supporto a partire da Android 6.0 o iOS 9.0), senza mai riscontrare troppi problemi.

Si passa sempre per l'ottima app HUAWEI Health, che si può scaricare dal Play Store, ma poi al primo avvio viene richiesto di effettuare il download di una nuova versione (il problema è sempre quello del ban subito negli Stati Uniti d'America dal brand, ma col passare del tempo l'azienda ha semplificato la procedura di update: ora l'APK si scarica direttamente dall'app e si installa in pochi tap).

Il software è esattamente quello che vi aspettate, dato che non manca la classica sezione Health, in cui è presente un riassunto dei passi e dell'attività fisica, di aspetti come il monitoraggio della frequenza cardiaca e degli esercizi, offrendo anche indicazioni su peso, sonno, stress, SpO2 e temperatura cutanea (più in profondità ci sono anche le schede per la salute femminile e la pressione sanguigna).

Ogni scheda espande poi a dismisura le informazioni garantite all'utente, in puro stile HUAWEI e dalla sezione Personale è possibile dare un'occhiata, ad esempio, alle medaglie ottenute (come quella dei 10.000 passi raggiunti). Insomma, la proposta in termini di app companion è sempre molto concreta e piena zeppa di funzionalità. La sezione che può risultare più intrigante per un possessore di HUAWEi Watch GT 3 Pro, comunque, resta quella dedicata ai Dispositivi, da cui è possibile gestire un po' tutto ciò che riguarda lo smartwatch.

A tal proposito, le principali funzionalità riguardano la scelta della watchface, dato che esiste uno store con ampie possibilità, sia gratuite che a pagamento. Presente poi la possibilità di trasferire dei brani musicali nella memoria interna del dispositivo (si possono anche collegare auricolari Bluetooth per l'ascolto), così come di impostare HUAWEI Wallet (anche se purtroppo in Italia i pagamenti tramite NFC non si possono ancora fare). Non manca poi la gestione di aggiornamenti software e notifiche.

Ad arricchire la proposta ci pensa AppGallery, store che permette di installare app di terze parti sullo smartwatch. C'è da dire che le possibilità non sono poi così tante, ma qualcosa di interessante non manca, da Hue Essential al gioco puzzle WordPuz, passando per Calculator New, RTL 102.5 PLAY e FotMob (per i risultati calcistici), giusto per fare degli esempi pratici.
L'offerta in termini di app di terze parti è sicuramente limitata, ma ciò che risulta interessante è poi l'effettivo utilizzo del dispositivo, che risulta piacevole.

Al fianco della classica watchface personalizzabile (c'è anche una collaborazione tra HUAWEI e IED, a tal proposito) troviamo, sulla sinistra, la schermata legata a meteo e riproduzione musicale, mentre a destra sono presenti scorciatoie per la frequenza cardiaca, il monitoraggio della SpO2, il riassunto attività, le fasi lunari e il sonno. Scorrendo dall'alto verso il basso si trova invece il classico pannello rapido per dare un'occhiata a batteria e connessione Bluetooth, nonché alle impostazioni e funzionalità come Non Disturbare e Trova telefono.

Scorrendo dal basso verso l'alto a partire dalla pagina principale ci sono le notifiche dello smartphone associato. La ricezione push funziona bene, ma qualche limitazione c'è: ad esempio, a un messaggio WhatsApp si può rispondere solamente con emoji o risposte predefinite, mentre per le e-mail di Gmail si può semplicemente leggere l'oggetto.

Insomma, in diversi frangenti per interagire sarà comunque necessario prendere in mano lo smartphone. Coi tasti fisici, invece, si può accedere a diverse funzionalità. Il tasto Giù, infatti, è quello adibito al menu delle attività sportive e l'offerta in tal senso è ormai particolarmente ampia per gli smartwatch HUAWEI.

Si fa riferimento, infatti, a più di 100 modalità sportive, dalla classica corsa fino allo sci, con metriche pensate per ogni sport. Si scende a un livello di dettaglio importante, ad esempio registrando la curva della profondità nell'ambito di un'immersione, nonché il tempo per cui si trattiene il respiro. Non manca la possibilità di gestire il carico di allenamento, in modo da non esagerare troppo.

Le possibilità offerte da uno smartwatch di questo tipo ormai le conosciamo bene ed è dunque anche superfluo andare troppo nel dettaglio sull'argomento, ma vi basti sapere che nelle attività testate il rilevamento si è sempre dimostrato preciso (solamente un po' nel sonno e nello stress abbiamo notato qualche imprecisione, ma nulla di trascendentale per chi mira a questa tipologia di smartwatch).
Interessante, tra l'altro, la possibilità di gestire le chiamate tramite Bluetooth anche quando lo smartphone non è esattamente a portata di mano, anche se poi alla vera schermata principale di HarmonyOS si accede premendo il pulsante superiore (quello girevole). Da qui è possibile accedere a tutte le app disponibili, comprese quelle di terze parti.

Con una rotazione del pulsante superiore si può fare uno zoom alla schermata, per accedere più facilmente alle varie opzioni, dalla misurazione della temperatura cutanea a Petal Maps, passando per Timer, Cronometro e Sveglie. Insomma, le possibilità offerte da HUAWEI Watch GT 3 Pro sono particolarmente ampie. Per il resto, la fluidità dell'OS è ottima, dato che non abbiamo riscontrato alcun tipo di impuntamento durante la nostra prova. C'è infine la questione delle funzionalità promesse da HUAWEI per il futuro, ovvero ciò che dovrebbe arrivare tramite aggiornamento OTA e che per ovvi motivi non abbiamo ancora avuto modo di provare. A tal proposito, c'è l'interessante feature per rilevare la rigidità arteriosa tramite sensore PPG, che potrebbe rivelarsi molto interessante.

Huawei Watch GT 3 Pro Huawei Watch GT 3 Pro è uno smartwatch che raggiunge una maturità importante. Oltre a integrare un po' tutte le funzionalità che ci si aspettano da un prodotto di questo tipo, dal monitoraggio costante della frequenza cardiaca alla saturazione dell'ossigeno, passando per il sonno, il sistema operativo proprietario HarmonyOS offre la possibilità di installare app di terze parti (ad esempio, per monitorare i risultati calcistici e altro). C'è inoltre il supporto a Bluetooth e GPS e l'autonomia è ottima. Certo, qualche pecca non manca: basti pensare alla limitata interazione con le notifiche, all'impossibilità di utilizzare l'NFC per i pagamenti e all'assenza di Wi-Fi, eSIM, ECG e monitor per la fibrillazione atriale. Tuttavia, a un costo di partenza di 299,90 euro (utilizzando il codice sconto AHWHealth sul portale ufficiale entro il 26 giugno 2022), sicuramente HUAWEI Watch GT 3 Pro si piazza ai vertici del mercato degli smartwatch in termini di rapporto qualità/prezzo. Fate solamente attenzione al modello, informandovi per bene su quale scegliete, in quanto, ad esempio, varianti dalle dimensioni più contenute rispetto a quella che abbiamo provato potrebbero scendere a compromessi in termini di autonomia.

8.7