Logitech G915 TKL e Pro Wireless Recensione: tastiera e mouse di qualità

Logitech propone due periferiche da gioco caratterizzate da un design minimale e da una connessione wireless a bassa latenza.

recensione Logitech G915 TKL e Pro Wireless Recensione: tastiera e mouse di qualità
Articolo a cura di

Logitech ha decisamente cambiato strada negli ultimi anni, soprattutto sul fronte del design. Siamo ormai lontani dalle linee estreme viste nella tastiera G910 Orion Spark di qualche anno fa, ma anche nei mouse qualcosa è cambiato rispetto ai grandi classici recenti come il G903 e il G502.
La casa svizzera sta cercando di rendere più minimale l'equipaggiamento da gaming, con linee più moderne e sobrie. A giudicare dalla tastiera G915 TKL e dal mouse Pro Wireless l'operazione è perfettamente riuscita.

Design minimale e tante funzioni

I pack di vendita dei due prodotti sono ben realizzati e minimali, manca un po' di coerenza visiva nelle grafiche ma non è un problema, visto che appartengono a linee differenti. La tastiera G915 TKL ha un bundle basilare che comprende i libretti d'istruzione e il cavo di ricarica, telato e di buona qualità, oltre al ricevitore USB per il collegamento senza fili. Leggermente più ricco invece quello del mouse Pro Wireless: anche in questo caso troviamo un cavo per la ricarica e il pennino USB per il collegamento senza fili, in più però sono presenti anche quattro pulsanti aggiuntivi, da inserire negli appositi slot laterali in caso di necessità.
La qualità costruttiva della tastiera è molto elevata, tutta la scocca superiore è in metallo satinato, mentre la parte inferiore è in plastica di ottima qualità. Il peso ne risente un pochino, arrivando a 810 grammi, ma non è un problema.

In tutto sono disponibili otto pulsanti rapidi, quattro dei quali dedicati alla gestione della riproduzione multimediale, con cui mandare avanti-indietro una traccia audio, mettere in pausa la riproduzione oppure abbassare al minimo il volume. Interessanti le possibilità offerte dalle altre quattro shortcut, possibili grazie a una progettazione hardware davvero completa.
La G915 infatti può funzionare sia attraverso una connessione wireless a bassa latenza, sfruttando il pennino in dotazione, sia attraverso una connessione Bluetooth standard. Un vantaggio non da poco, perché in questo modo i campi di utilizzo aumentano: è possibile, ad esempio, associare la tastiera a un PC con il Wi-Fi e poi connetterla a un altro dispositivo tramite Bluetooth. Grazie ai due pulsanti dedicati il passaggio da uno all'altro è semplice e immediato.

Non manca nemmeno un tasto per la Game Mode, che disattiva i tasti funzione non necessari durante il gioco. Infine è disponibile una rotella per la gestione del volume, che può essere personalizzata, insieme agli altri pulsanti, grazie al software Logitech. Sulla scocca è presente anche un led che indica lo stato di carica della batteria.
Essendo la versione TKL è assente il tastierino numerico, una scelta fatta per contenere al massimo le dimensioni. La tastiera offre una illuminazione RGB completa e totalmente personalizzabile grazie al software Logitech G Hub, con cui sincronizzare i colori di tutte le periferiche collegate. Peccato solo per l'assenza del layout italiano, che non è disponibile in nessuna versione di questa tastiera.

Il mouse Pro Wireless invece è un prodotto differente, meno attento al look ma più agli aspetti pratici. Si tratta di un classico mouse da gaming ad alte prestazioni, con un design simmetrico pensato per adattarsi a destrorsi e a mancini. In tutto sono disponibili fino otto pulsanti, di cui quattro posti ai due lati, ma tutto dipende dalla configurazione che si sceglie. È possibile infatti sostituire i tasti con delle piccole coperture in plastica se non vengono utilizzati.
Ad ogni modo, l'elemento che colpisce di più del Pro Wireless è il suo peso, di soli 80 grammi, davvero niente male per un mouse che include al suo interno anche la batteria.

L'animo maggiormente "Pro" di questo mouse si manifesta anche nell'illuminazione, disponibile solo al di sotto del logo "G", del resto si tratta di un orpello estetico non fondamentale per una periferica che punta alle massime prestazioni. I tre led di stato servono a vedere rapidamente il livello dei DPI in uso e si adattano al colore scelto per la periferica. A proposito dei DPI, il tasto per modificarli è nella parte inferiore del mouse, vicino a un piccolo alloggiamento dove inserire il pennino quando il mouse viene utilizzato in modalità cablata. Una scelta bizzarra, perché di fatto cambiare i DPI durante una partita diventa scomodo.
Tuttavia, questa scelta è stata fatta per evitare di posizionare il selettore in una zona dove si potrebbe attivare per sbaglio. Un professionista sa già a quale livello di DPI giocare, per i gamer normali tuttavia un tasto dedicato e facilmente raggiungibile durante il gioco rimane una soluzione più comoda.

Tirando le somme, la tastiera G915 TKL è un prodotto che fa della cura del look un punto di forza, senza rinunciare alle prestazioni e puntando su dimensioni contenute per una tastiera meccanica. Un obiettivo raggiunto in pieno, il design di questa tastiera attira subito l'occhio senza però risultare estremo, scegliendo la via del minimalismo. Il mouse Pro Wireless invece è pensato per le massime performance, spingendo meno sul design, una scelta corretta per un mouse di questo tipo.

Prova su strada e software di gestione

Logitech ha puntato su soluzioni proprietarie sia per quanto riguarda gli switch meccanici della tastiera, sia nel sensore scelto per il mouse. Gli switch meccanici GL Tactile sono piuttosto particolari, come particolari sono anche i tasti, dal profilo molto basso, rari nel mondo del gaming. Scordatevi il classico "click" delle tastiere meccaniche, la tastiera che abbiamo provato, in abbinato con gli switch GL Tactile, offre un feedback molto leggero sul dito, basta poca pressione per avviare l'attuazione e quando questa arriva il suono che produce è appena percettibile.
La corsa dei pulsanti è molto breve, a tutto vantaggio della reattività, quando si scrive però è più semplice incorrere in errori, almeno all'inizio, quando si sta prendendo la mano con questa configurazione.
Il mouse Pro Wireless invece utilizza un sensore Hero 16K, in grado di funzionare tra i 100 e i 16000 DPI, quando basta anche per i giocatori dalla mano più sensibile. Se si esclude la connessione wireless a bassa latenza, possibile grazie allo standard Wi-Fi, e il design simmetrico di questo mouse, non ci sono differenze rispetto ad altri prodotti che utilizzano il medesimo sensore.

Hero 16K è stato impiegato in diversi mouse di Logitech e ha sempre offerto una reattività e una velocità nell'esecuzione dei comandi ai massimi livelli: anche in questo caso le aspettative sono rispettate appieno. Sul fronte autonomia le due periferiche stupiscono, non siamo nemmeno riusciti a scaricarle durante la prova. Il mouse, da specifiche, funziona per 48 ore con illuminazione attiva, 60 ore senza, una stima che possiamo confermare anche dopo la nostra prova d'uso. La tastiera invece dovrebbe garantire circa 40 ore da specifiche e anche in questo caso possiamo confermare la stima fatta da Logitech.
Tuttavia, questo valore può salire anche di molto disattivando l'illuminazione dei tasti. L'autonomia è quindi ottima in entrambe le periferiche e, nel caso in cui dovessero scaricarsi, è comunque possibile utilizzarle con il cavo.
Per la configurazione di mouse e tastiera Logitech ha creato G Hub, un software graficamente ben fatto e che offre diverse opzioni per personalizzare l'illuminazione delle due periferiche, ovviamente sincronizzabile per avere lo stesso effetto su entrambe.
Nel caso del mouse è possibile assegnare specifiche funzioni ai tasti, ad esempio impostando il selettore dei DPI nei pulsanti laterali, nella tastiera invece c'è la possibilità di creare macro, sfruttando i tasti da F1 a F12. Nel complesso sono presenti opzioni in buona quantità, non manca praticamente nulla per personalizzare al meglio le due periferiche.

Logitech G915 TKL Il mouse Pro Wireless è una periferica rapida e reattiva, personalizzabile e senza particolari punti deboli. L’ergonomia è molto buona e il suo design simmetrico lo rende adatto sia ai mancini che ai destrorsi, il tutto a un prezzo che si assesta intorno ai 109 euro online. Non certo a buon mercato, ma comunque allineato a prodotti simili della concorrenza. La tastiera G915 TKL invece è un prodotto decisamente più particolare, soprattutto per il suo design, uno dei più curati e belli che abbiamo visto. Non abbiamo riscontrato difetti specifici, se non uno, il prezzo, di ben 240 euro, commisurato alla qualità dei materiali e del design, ma fuori parametro per la maggior parte dell’utenza.