Recensione Microsoft Lumia 550

L'entry level di Microsoft è un dispositivo dalle specifiche basilari ma dalla discreta usabilità, penalizzata da una CPU non molto reattiva ma in grado comunque di garantire una buona esperienza d'uso.

recensione Microsoft Lumia 550
Articolo a cura di
Daniele Vergara Daniele Vergara viene alla vita con un chip Intel 486 impiantato nel cervello, a mo' di coprocessore. E' più che entusiasta di tutto ciò che riguarda la tecnologia intera e i videogames, con un occhio di riguardo verso l'hardware PC e l'overclocking. D'inverno ama snowboardare, macinando km e km di piste. Lo trovate su Facebook, Twitter e Google+.

La fascia bassa del mercato degli smartphone è una delle più importanti per ottenere successo. Non tutti gli utenti sono disposti a sborsare cifre consistenti per accaparrarsi un dispositivo veloce e generalmente più prestante, semplicemente perché con tutta probabilità non ne hanno bisogno. E' per questo che Microsoft si è sempre data da fare in questa categoria, senza mai smettere di offrire dispositivi dall'ottimo rapporto fra qualità e prezzo, seppur con hardware economico. Lumia 550 è lo smartphone che conferma la scelta della società di Redmond: annunciato insieme ai flagship Lumia 950 e Lumia 950 XL, il 550 è il primo device low-cost ad entrare sul mercato con Windows 10 Mobile nativo. Microsoft si è sicuramente rifatta al Lumia 640, smartphone che ha riscosso un buon successo, e ha intriso il 550 di molte delle sue ottime caratteristiche.

Package, bundle e specifiche tecniche

Sulla confezione di vendita domina il bianco ed uno stile piuttosto pulito, con alcune istantanee del fronte e del retro dello smartphone, sia in nero che in tinta chiara. Null'altro di rilevante da segnalare sulla scatola, a parte le dimensioni molto contenute del packaging. Una volta aperto, il Lumia 550 è in bella mostra nel suo scompartimento su un supporto di plastica; appena rimosso abbiamo avuto di fronte poco altro: dei libretti per la garanzia ed il supporto, oltre che il caricabatterie. Non sono presenti né auricolari né cavo dati, in quanto il caricatore è composto da un blocco unico e non è possibile sganciare il cavo di ricarica dalla sezione dell'alimentazione. In sostanza il bundle è piuttosto scarno, un piccolo sacrificio per limitare i costi.
Microsoft Lumia 550 è uno dei primi smartphone con sistema operativo Windows 10 Mobile, mosso da un processore Qualcomm MSM8909 Snapdragon 210. Si tratta di un SoC formato da quattro core con design ARM Cortex-A7 cloccati ad una frequenza di 1.1 GHz. La GPU è una Adreno 304, la RAM a bordo è pari ad 1 GB e la memoria interna è fissata ad 8 GB, espandibili tramite lo slot per microSD a disposizione. La fotocamera posteriore è da 5 megapixel, mentre quella anteriore si ferma a 2. Il display ha una diagonale principale da 4,7 pollici a risoluzione HD (1280 x 720 pixel), con 315 PPI. Lumia 550 supporta il WI-Fi 802.11 b/g/n, quindi niente banda dei 5 GHz, Bluetooth 4.1 e GPS con GLONASS. Per la rete cellulare abbiamo la compatibilità con l'LTE in categoria 4, quindi 150 e 50 Mbps rispettivamente per download ed upload massimo. La ricarica avviene tramite una porta microUSB 2.0, che però non supporta l'OTG. La batteria è da 2100 mAh, con un'autonomia di 672 ore in standby dichiarata dal produttore.

Design ed ergonomia

Lumia 550 ha una forma spiccatamente rettangolare con i quattro bordi arrotondati, rifacendosi allo stesso design che accomuna la stragrande maggiorazione dei device di Microsoft. Pesa poco meno di 150 grammi, è alto 13,6 cm, largo 6,7 cm e spesso quasi 10 mm. Il frontale è in nero, indifferentemente dal colore scelto che invece influenza solo la tonalità del retro. In alto a destra troviamo la fotocamera anteriore da 2 megapixel, mentre più a sinistra sono piazzati sensori di prossimità e sensore di luminosità. Entrambi funzionano bene, con il secondo che reagisce piuttosto velocemente ai cambi ambientali ed imposta un valore adeguato alla luce sullo schermo. La capsula per l'audio in chiamata è invece al centro, come di consueto. Gli unici tasti fisici si trovano sul bordo laterale destro del 550: il tasto si blocco/sblocco è un po' più duro della media e qualche volta bisogna effettuare più pressioni per attivare il device, mentre il bilanciere del volume non soffre di questo piccolissimo ed ignorabile difetto. La porta microUSB si trova in basso, dal lato opposto c'è invece il jack per le cuffie. La versione in nostro possesso ha la cover posteriore in nero che però attira le impronte.

Nonostante il policarbonato restituisca un ottimo feeling visivo e tattile, le ditate sono piuttosto evidenti; questo non dovrebbe accadere invece sulla versione bianca. La fotocamera da 5 megapixel è leggermente sporgente rispetto alla cover e si trova al centro, mentre sulla sua sinistra segnaliamo un singolo LED flash. Lo speaker è in basso a destra ed è abbastanza piccolo, con una griglia di forma circolare che tende facilmente ad accumulare polvere. La cover posteriore è removibile facendo pressione sul lato superiore mentre si tiene fermo il centro. Anche la batteria può essere estratta: questa operazione si rivela necessaria per inserire la Nano SIM ed eventualmente una scheda microSD.

Fotocamera, display e audio

Come abbiamo detto, il display del Lumia 550 ha una risoluzione HD ed ha una diagonale di 4,7", per una definizione discreta, grazie alle ridotte dimensioni dello schermo. I colori sono buoni, così come gli angoli di visione che tedono solo leggermente a slavare i colori, mentre il contrasto appare nella media. La luminosità è invece eccellente e tende ad abbagliare se impostata al massimo. Lo smartphone supporta la schermata Glance, già presente in tanti smartphone Lumia, che permette di vedere notifiche, ora e data anche quando lo schermo non è acceso. E' una feature molto simile all'Always On di Samsung Galaxy S7 o di LG G5. E' utile ma va ad impattare sulla batteria, a causa del display non AMOLED. Questa tecnologia dà infatti il massimo beneficio proprio sugli schermi dotati della tecnologia di Samsung.
Per quanto riguarda la fotocamera principale, invece, c'è chiaramente da andare incontro a qualche compromesso in più data la sua risoluzione di soli 5 megapixel. Le foto però vengono bene quando c'è molta luce, mentre tendono a peggiorare via via che questa viene a mancare. Il livello di dettaglio è in generale buono, nulla di cui lamentarsi. L'applicazione di default per scattare istantanee è semplice ed essenziale: si può scegliere l'aspect ratio (sia 4:3 che 16:9), il bilanciamento del bianco, l'ISO, l'esposizione e poco altro.
La camera anteriore è da specifiche inferiore, e ciò si riflette anche nella pratica: anche in tal caso siamo oltre la sufficienza. I video sono soddisfacenti e ricchi di dettagli, seppur si fermino alla risoluzione 720p a 30 frames per secondo. L'audio dello speaker è buono ed ha un ottimo volume. Ovviamente mancano quasi totalmente le frequenze basse, ma è un difetto che attanaglia tutte le capsule di piccole dimensioni. Con una cuffia l'ascolto migliora, testimoniando una sezione audio curata.

Software ed esperienza d'uso

Windows 10 Mobile non offre nulla di particolarmente nuovo rispetto alla precedente versione, almeno per ora, ma Microsoft è andata a limare sulla user experience e ad effettuare alcuni accorgimenti che consentono un utilizzo più gradevole del sistema operativo. I cambiamenti principali sono infatti nel kernel, che adesso è più simile a quello che gestisce Windows 10 su PC. Chi è abituato a Windows 8 Mobile non troverà cambiamenti sostanziali nell'interfaccia e saprà sin da subito come sfruttare al meglio le sue potenzialità. L'home screen presenta le tile con le dimensioni editabili; effettuando uno slide verso sinistra si accede alla lista delle applicazioni, mentre con uno swipe dall'alto verso il basso si accede a un menu a tendina con le notifiche e le impostazioni rapide. Quest'ultimo è personalizzabile e si può selezionare cosa visualizzare e cosa eliminare: è possibile per esempio accedere rapidamente alle impostazioni, attivare/disattivare la modalità aereo o avviare la torcia. Le notifiche, invece, si gestiscono in maniera molto simile a quelle Android.
La parte telefonica lavora bene, l'audio in capsula è chiaro e non abbiamo avuto alcun problema in merito alla ricezione. Inoltre, il microfono frontale è piuttosto preciso seppure sia assente la riduzione del rumore ambientale. La tastiera di Windows 10 è molto veloce anche su Lumia 550 e non abbiamo avuto problemi: la digitazione è sempre risultata impeccabile, grazie anche ai tasti molto spaziosi.
La pecca più grossa risulta il SoC, e cioè lo Snapdragon 210. Non che l'esperienza sia frustrante, ma questo processore non è mai in grado di garantire quella fluidità che un po' tutti gli utenti si aspettano da un terminale Windows Phone. Il sistema impiega sempre quel decimo di secondo in più per rispondere, e le applicazioni in generale ritardano un po' prima di avviarsi. La navigazione sul web invece è buona, con lo scrolling ed il pinch to zoom che vengono eseguiti in modo responsivo. Sulle pagine più pesanti però il 210 fatica a renderizzare se scorriamo i contenuti troppo velocemente, ma basta aspettare un secondo e tutto è visualizzato come dovrebbe.

Durante il gaming l'Adreno 304 soffre un po' con i titoli più impegnativi come Asphalt 8. Nonostante questo, anche con i motori grafici più pesanti il Lumia 550 non si comporta male, offrendo prestazioni accettabili.
Fra le applicazioni pre-installate troviamo Outlook, OneDrive, Xbox e Meteo, oltre al calendario, calcolatrice e sveglia. Microsoft non è stata troppo invasiva, seppur il sistema operativo occupa 5 degli 8 GB disponibili all'utente. La durata della batteria è nella media, niente di più e niente di meno, coprendo una giornata intera di utilizzo.

Microsoft Lumia 550 Microsoft Lumia 550 è un buon dispositivo di gamma bassa, con pro e contro come di solito capita in smartphone di questa categoria. Il design è piacevole, l’ergonomia altrettanto: si tiene bene in mano e le impronte, seppur evidenti, vanno via con poco. La fotocamera posteriore è uno dei punti forti del device, in quanto le foto e soprattutto i video sono più che soddisfacenti, almeno in rapporto al prezzo. Altro pro è costituito dal display, che possiede ottimi colori, eccellente luminosità e discreti angoli di visione; è grazie agli elevati PPI che però i contenuti sono sempre nitidi, in qualunque situazione di utilizzo. Il comparto multimediale è poi arricchito dalla qualità dello speaker e dell’ascolto in cuffia. Lo Snapdragon 210 non garantisce un’esperienza fluida e veloce in ogni situazione e qualche volta si fa attendere, ma nella navigazione web e nel gaming stranamente non si comporta male. Windows 10 Mobile funziona bene ma ha probabilmente bisogno di qualche update prima di essere al pieno dell’efficienza, sperando che la casa madre non tardi a farli arrivare. Microsoft Lumia 550 si trova intorno ai 110 euro online, un prezzo onesto. A una quindicina di euro in più si trova però il Lumia 640 che offre un processore e una fotocamera migliori. Ad ogni modo, il 550 è uno smartphone affabile e che potrà solo migliorare col passare del tempo. Lo consigliamo senza dubbi a chi vuole Windows 10 Mobile a basso prezzo e non ha troppe pretese.

7.8