Recensione Mighty Mouse

La recensione di questa "innovazione" nel mondo Apple

INFORMAZIONI SCHEDA
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Apple
  • Pc
  • INTRODUZIONE

    Eccoci alla recensione di questa novità marchiata Apple; premetto che sarò abbastanza spietato poichè sono piuttosto esigente con i mouse, quindi quelli che io riterrò difetti per altre persone potrebbero non risultare tali; per la recensione e per confronti ho utilizzato il suddetto mouse, il mouse standard Apple e il Logitech Mx500 (da me considerato uno dei migliori mouse sul mercato consumer). Iniziamo dunque:

    PRESENTAZIONE

    Una volta aperto il pacco della spedizione ci si trova davanti ad una scatola molto bella, pienamente in stile Apple, la cui grandezza è
    simile a quella dell’iPod Mini sebbene non condivida con quest’ultima la stessa qualità; infatti il cartone usato è un pochino più “fragile”,
    ma sempre di una meravigliosa scatola si tratta:
    foto mighty 1 - scatole confronto
    Una volta aperta troviamo all’interno il mouse, cd software, manuale e foglietto della garanzia:
    foto mighty 2 - apertura scatola

    INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE

    Colleghiamo dunque il mouse alla presa usb, installiamo il software (è necessario essere aggiornati a Mac Os X Tiger 10.4.2 per usufruire di funzioni avanzate) e riavviamo; ora come per magia nel pannello preferenze di sistema sotto la voce mouse troviamo un ricco menù dal quale possiamo personalizzare il mouse.
    Le opzioni riguardanti la velocità del mouse sono 3: velocità di spostamento, velocità di scrolling orizzontale e verticale, velocità doppio clic.
    Per quanto riguarda i tasti, invece, possiamo scegliere la funzione dei tasti primario e secondario a cui praticamente si può associare qualsiasi applicazione (di default il tasto secondario non è attivo), la funzione del tasto laterale(eh si perchè sebbene siano 2 sono tasti gemelli ovvero possono compiere sempre e solo una sola funzione) può essere personalizzata come i precedenti. Il tasto centrale, ovvero la rotellina, se premuta può svolgere una funzione qualsiasi proprio come gli altri.
    Avrei gradito anche un’opzione riguardante la velocità di accelerazione come con i mouse logitech in quanto l’accelerazione di default non mi soddisfa pienamente (ma ne discuteremo più avanti).

    QUALITA’ COSTRUTTIVA ED ERGONOMIA

    Beh il mouse è Apple e si vede, il materiale utilizzato è di alta qualità, non ci sono strani scricchiolii e il tutto da un’impressione di solidità (cè da dire tuttavia che il materiale usato tende a far sudare la mano). Esteticamente il mouse standard apple con la parte trasparente era di maggior effetto ma anche questo non scherza. Gradevole la presenza di un altoparlante interno che al clic o allo scorrimento della rotella fa partire un suono sommesso e molto piacevole. Come dimensioni è leggermente più grosso del mouse standard e più piccolo del Logitech Mx500:
    foto mighty 3 - confronto 3 mouse
    Arriviamo all’ergonomia, e qui per me risiede uno dei difetti maggiori (seppur altamente soggettivo);
    la presa è praticamente identica a quella del mouse standard apple ( dal mio punto di vista ciò non è proprio un vantaggio) cosa che in un mouse monotasto si poteva ancora accettare ma vista la disposizione dei pulsanti di questo Mighty Mouse a volta risulta essere fastidiosa e poco comoda; entriamo nel dettaglio:
    Questa è la posa normale che si può effettuare su un mouse standard Apple (e che può essere eseguita anche su questo Mighty Mouse quando usato come monotasto):
    foto mighty 4 - mighty posa normale

    Ora, il tasto laterale è posto molto in avanti mentre la rotellina, invece di essere posta piuttosto avanti anch’essa, è posizionata indietro il che obbliga l’utente a cambiare la presa del mouse in questo modo nel qual caso si vogliano tenere a portata di mano sia il tasto laterale che la rotella:
    foto mighty 5 - mighty posa scroll
    Lascerò il commento di questa soluzione alla fine. Ora per fare un confronto pratichiamo la stessa cosa sul mouse Logitech Mx500.
    Questa è la presa normale in cui ho sotto mano i due tasti più i laterali:
    foto mighty 6 - mx posa normale
    Questo invece è il movimento che devo fare per usare la rotella (senza rinunciare ai tasti laterali):
    foto mighty 7 - mx posa scroll
    Penso che le immagini parlino da sole, ed infatti il Logitech Mx500 è decisamente più comodo nella sua presa e nella disposizione dei tasti sebbene debba ammettere che il Mighty Mouse abbia una presa più rilassante; è anche vero che è tutto un fattore di abitudine ma penso che il difetto permanga. Il tasto laterale del mighty mouse doveva essere posto più indietro (o al max la rotellina più avanti).
    Altra piccola nota riguardante l’ergonomia: dei due tasti laterali se ne può premere solo uno alla volta poichè il pollice lo abbiamo solo da una parte; sembra una cosa ovvia ma a primo acchito ci si chiede perchè ci siano 2 tasti se possono essere configurati per un’unica funzione e se se ne può premere solo uno con comodità; la risposta sta nel fatto che questo mouse è stato disegnato sia per i destri che per i mancini e quindi i mancini cliccheranno col loro pollice il tasto sinistro e non quello destro.

    IMPRESSIONI D’USO E FUNZIONALITA’

    Passiamo alla cosa più importante, come si comporta il mouse sul campo? Come si fa a fare il secondo clic se di tasto ce nè solo uno? Una piccola sfera al posto della rotellina?
    Velocità e Precisione: Il mighty mouse si comporta egragiamente, è molto veloce (in misura maggiore rispetto al fratello monotasto) e non sgarra quasi mai, arriva sempre dove si vuole farlo arrivare e con notevole precisione (a voler fare i pignoli l’Mx500 gli è ancora leggermente superiore); come accennavo nel paragrafo della configurazione però l’accelerazione di questo mouse è piuttosto bassa ed io essendo abituato a muovere pochissimo il mouse per fargli fare subito grandi spazi l’ho trovato un pò disturbante; cè da dire che è una sottigliezza e con un attimo di pratica ci si adegua senza problemi, tuttavia un’opzione accelerazione nel pannello preferenze sarebbe stata gradita.

    Pressione dei Tasti: Il Mighty Mouse è un mouse monotasto multifunzionale, questa definizione è particolarmente indicata in quanto il feeling del clic è identico a quello del monotasto, tenendo la mano in posizione normale qualsiasi parte del mouse noi premiamo verrà considerata come un clic sul tasto primario, per azionare il tasto secondario dovremo sollevare l’indice e premere il mouse, niente di più semplice e immediato, davvero piacevole e naturale. Il tasto laterale si preme con molta delicatezza (basta aumentare la pressione, il tasto non sembra essere meccanico) a cui si accompagna un suono altrettanto delicato. Il piatto forte di questo mouse è senz’altro l’introduzione di una piccola sfera al posto della classica rotella: la sferetta è molto piccola ma veramente maneggevole e davvero molto più comoda e precisa di una rotella; permette di muoversi in ogni direzione con una naturalezza impressionante, davvero notevole. Inoltre premendo la pallina (che non rientrerà ma farà far clic a tutto il mouse) si potrà aver accesso alla funzionalità settata con molta comodità.


    Funzionalità: Abbiamo detto che questi tasti aggiuntivi possono essere programmati, ma cosa lo rende diverso da qualsiasi altro mouse multitasto? L’integrazione con Mac Os X Tiger ovviamente. Personalmente ho settato sul tasto laterale Exposè e sul tasto centrale Spotlight (di default è la dashboard ma io non la uso quasi mai), questo semplice accorgimento aumenta in modo spropositato la comodità d’uso di queste funzioni aumentando quindi il pregio del mouse.

    PRO E CONTRO

    Pro:
    Design sublime
    Semplicità d’uso
    Alta qualità costruttiva
    Integrazione con Tiger
    Sfera per lo scroll
    Feeling Apple

    Contro:
    Disposizione dei tasti funzione
    Accelerazione del mouse
    Non si può pulire all’interno
    Fa sudare la mano

    VOTO FINALE

    8.5/10

    Mighty Mouse Questo Mighty Mouse è decisamente un buonissimo prodotto che con qualche rifinitura avrebbe potuto essere eccellente. Facendo un confronto diretto con il Logitech Mx500 devo dire che l’Mx500 gli è superiore ergonomicamente e prestazionalmente, ma se dovessi scegliere la mia scelta ricadrebbe sul Mighty Mouse. Questo perchè come per la maggior parte dei prodotti Apple è tramite l’uso che questo mouse regala delle emozioni particolari, un feeling, un amore per le cose che vengono prodotte che solo Apple sa regalare, la sensazione del tocco di questo mouse, del clic, da un’idea di delicatezza e semplicità. Quindi è per questo, è per una sensazione che scelgo questo mouse anzichè il Logitech e che lo consiglio a tutti i possessori di un Mac. Ritornando un pò con i piedi per terra come ultima notazione volevo far notare che non ci sono viti o apparenti modi di aprirlo, il che penso renda la pulizia piuttosto difficoltosa.