Motorola Edge 20 Recensione: tanta tecnologia a un prezzo ridotto

Abbiamo provato il nuovo Motorola Edge 20, che quest'anno si pone nel mezzo fra il Lite e il Pro: è lui l'Edge 2021 da comprare?

Motorola Edge 20 Recensione: tanta tecnologia a un prezzo ridotto
Articolo a cura di

La storia di Motorola è gloriosa e travagliata, per lunghi tratti persino leggendaria, grazie a dispositivi che hanno lasciato un segno indelebile nel mercato come nella memoria degli utenti - basti pensare al mitico RAZR V3 dei primi anni 2000, solo per ricordarne uno. Un modello che Motorola ha solo recentemente riportato in vita con il Motorola Razr 2019 con display flessibile.
Rispetto a quell'epoca d'oro in cui il claim "Hello Moto" risuonava quasi in ogni angolo, il mondo oggi è molto cambiato, i cellulari sono diventati smartphone e la concorrenza è diventata corposa e spietata. Il marchio Motorola però sta pian piano risorgendo - come una fenice - sotto l'ala del gigantesco gruppo Lenovo e lo ribadisce con la nuova serie Edge 20. Tre modelli per ogni esigenza, con il Motorola Edge 20 Lite realizzato per chi punta al budget, l'Edge 20 Pro per chi vuole prestazioni massime e l'Edge 20 nel mezzo, un telefono che abbiamo usato per diverse settimane e che ci ha convinto su più fronti.

Il Motorola Edge 20 fuori dalla scatola

Il primo aspetto positivo è la confezione di vendita, particolarmente ricca se pensiamo al prezzo di listino di 579,90 euro. All'interno troviamo infatti un'ottima cover in silicone trasparente, un cavo di ricarica USB-C/USB-C, un caricatore da 30 W realizzato in un'elegante plastica satinata e rigida di eccellente fattura e persino degli auricolari a filo con adattatore USB-C/Jack da 3,5 mm, poiché sul telefono viene a mancare la porta delle cuffie.

Una dotazione tutt'altro che scontata, visto che sul mercato esistono prodotti che costano più del doppio e offrono solo un cavetto di ricarica e null'altro.
A guardare poi lo smartphone vero e proprio si capisce subito perché Motorola abbia rimosso la porta Jack: il design dell'Edge 20 è incredibilmente sottile e la stessa Motorola lo definisce il suo "smartphone 5G più sottile di sempre" con i suoi 6,99 mm. In basso lo vedete in foto accanto a un iPhone 12 Pro Max, che in mano sembra effettivamente più ingombrante e spesso.

Abbiamo poi 163 mm di altezza e 76 mm di larghezza, con il comparto fotocamera che sporge vistosamente e rende il telefono alquanto ballerino se poggiato su una superficie piana - problema che possiamo risolvere applicando la cover in dotazione, che va a intaccare solo parzialmente il design generale.
Promossi anche i materiali, che non restituiscono mai la sensazione di avere fra le mani un terminale economico. Per il prezzo a cui viene proposto questo Edge 20 è poi incredibile scoprire quanta tecnologia Motorola sia riuscita a inserire al suo interno.

Tutta la tecnologia del Motorola Edge 20

Basta accendere lo smartphone per accorgersi subito di quale ottimo pannello OLED sia dotato: 6,7 pollici in formato 20:9 Max Vision con risoluzione FHD+ (2400 x 1080), perfetto per la visione di film e serie TV. Il colore è a 10-bit, lo spazio colore invece è DCI-P3 compatibile con HDR10+, in linea con i migliori top di gamma sul mercato, con la ciliegina sulla torta dei 144 Hz di refresh rate massimo.

Il Motorola Edge 20 offre, grazie al suo schermo brillante, un'eccezionale esperienza quotidiana, sia per la navigazione web che per i contenuti multimediali. L'area attiva dello schermo touch arriva inoltre al 90,6%, grazie all'assenza di qualsivoglia tacca sulla superficie. Abbiamo solo un piccolo foro per la fotocamera anteriore posto in alto e nient'altro, le cornici sono sottili e simmetriche, un design che possiamo soltanto promuovere. Anche a livello di memoria non abbiamo alcun difetto da evidenziare. Motorola ha dotato il suo Edge 20 di 8 GB di RAM e 256 GB di memoria interna, un taglio che molti concorrenti fanno pagare a peso d'oro. Non manca ovviamente qualche sbavatura: il produttore doveva assolutamente scendere a compromessi in qualche ambito e vi diciamo subito com'è andata. Sull'Edge 20 non trovate un processore al top della gamma, con Motorola che ha giustamente riservato lo Snapdragon 870 e 12 GB di RAM al suo Edge 20 Pro. A bordo di questo dispositivo troviamo invece un Qualcomm Snapdragon 778G con GPU Adreno 642L, comunque sufficiente per la maggior parte degli utilizzi.

Geekbench 5 ci ha restituito 766 punti in Single-Core e 2739 punti in Multi-Core, che pongono in ogni caso lo smartphone appena un gradino al di sopra del Note20 Ultra. Nell'uso quotidiano è una potenza computazionale che basta a fare qualsiasi cosa, potete anche cimentarvi nell'elaborazione fotografica leggera e nell'editing video adatto per i social network. Zero problemi anche sul fronte delle app di videoconferenza, sempre utili dopo un anno e mezzo di COVID-19, col supporto di una fotocamera anteriore più che sufficiente. La GPU Adreno 642L riesce tranquillamente a far girare i titoli più acclamati del Google Play Store, anche se magari non al massimo delle prestazioni possibili.

Call of Duty Mobile può girare a dettaglio Alto e a Frame-rate massimo, per una fluidità estrema perfettamente adattata ai 144 Hz dell'Edge 20. Nel caso in cui si voglia un dettaglio ancora maggiore si può rinunciare a qualche frame, ma entriamo nella sfera dei gusti personali. Interessante poi la modalità GameTime di Motorola, che ci permette di accedere a un pannello dedicato durante le fasi di gioco.
Possiamo così bloccare le chiamate in entrata, le notifiche, registrare lo schermo per condividere le nostre sessioni di gioco, migliorare la sensibilità del tocco
grazie a una latenza tattile di 576Hz, avviare uno streaming su Twitch e molto altro, semplicemente accedendo al pannello laterale a scomparsa.

Tornando alle pecche, da segnalare un sonoro da speaker purtroppo non sufficiente: come dicevamo sopra, Motorola ha dovuto accettare qualche compromesso e il singolo speaker posto nella parte bassa del telefono non aiuta a garantire un'esperienza ottimale. Quando si guarda un film oppure si gioca a un videogame l'audio arriva solo da destra o da sinistra, e seconda di come impugnate lo smartphone. A mancare non è soltanto l'effetto stereo ma anche la profondità dei suoni, con medi e alti che sovrastano tutto a dispetto dei bassi - totalmente assenti. Meglio avere sempre con sé delle cuffie per bypassare questo problema. Lo schermo inoltre è di buona qualità ma la sua luminosità non è abbastanza per affrontare il sole pieno. Fate attenzione, quindi, se usate molto il telefono all'aperto.

Le fotocamere del Motorola Edge 20

Arriviamo così a parlare di un comparto chiave dell'offerta Edge 20: le fotocamere. A bordo troviamo un sensore principale da 108 MP con tecnologia Ultra-pixel 9x, dotato di pixel più grandi che offrono un'ottima sensibilità alla luce, un obiettivo Ultra-grandangolare da 119 gradi con sensore Macro Vision che ingrandisce i soggetti di 5 volte e uno zoom ottico 3x che permette l'utilizzo di un Super Zoom 30x.

Al di là della scheda tecnica, abbiamo portato l'Edge 20 in pista al Porsche Festival 2021 sfruttando le potenzialità AI e HDR e collezionando scatti parecchio interessanti. Il dispositivo è stato molto attento a non esagerare con la saturazione dei colori, scattando fotografie dettagliate con tutte e tre le fotocamere e bilanciando a dovere ombre e luci. Il sensore principale chiaramente restituisce file di migliore qualità, ma la discrepanza fra i tre sensori non è eccessiva finché non cala la notte e si ha a che fare con ambienti più bui. In esterna e con buona luce, invece, i risultati sono soddisfacenti, anche in modalità Macro. Sicuramente migliori rispetto a tanta altra concorrenza di pari fascia.

Motorola ha fatto davvero un buon lavoro. Forse l'app fotocamera stock è da migliorare, con opzioni aggiuntive e un menu impostazioni più intuitivo, e agli scatti JPG manca un po' di contrasto, ci è però piaciuta la gestione dei colori realistica e non esagerata. Tenuto conto che i risultati presenti in questa pagina sono stati leggermente lavorati su Adobe Lightroom e tagliati 3:2 per un aspetto maggiormente professionale, avremmo potuto utilizzarle per corredare un articolo senza grandi problemi. Trovate altre foto scattate con Motorola Edge 20 nella nostra galleria. Con il prezzo di listino bene in mente - ricordiamolo, 579,90 euro - possiamo in ogni caso considerarci appagati dall'esperienza.

Non ci resta che parlare della batteria, una 4.000 mAh che molto probabilmente riuscirà a portarvi a sera senza problemi con un uso non eccessivamente intensivo. In caso di problemi, il caricatore in dotazione può fornire fino a 30 W di energia ed è anche abbastanza compatto, per una ricarica TurboPower davvero veloce (di giorno almeno, poiché di notte si può sfruttare la ricarica ottimizzata per preservare la salute della batteria). Se cercate invece un dispositivo dotato di ricarica wireless, purtroppo dovete cercare altrove perché sull'Edge 20 è assente.

Motorola Edge 20 Il nuovo Motorola Edge 20 arriva sul mercato alquanto agguerrito, anche se ovviamente deve i fare i conti con alcune pecche importanti. Lo schermo non è molto luminoso, il processore non è il migliore che si possa acquistare oggi e c'è un solo speaker montato nella parte bassa del dispositivo. I punti a favore però sono certamente maggiori rispetto a queste sbavature: abbiamo un ottimo schermo OLED a 144 Hz con spazio colore P3 e compatibilità con HDR10+, una ricarica via cavo a 30 W, Android 11 di base e un comparto fotografico che saprà darvi discrete soddisfazioni nell'uso quotidiano. Non bisogna dimenticare la dotazione di memoria, 8/256 GB, la presenza del 5G, del chip NFC e delle ultime tecnologie WiFi, il tutto in uno chassis che convince: non troppo spesso, maneggevole, con un frontale a tutto schermo senza notch e con un piccolo foro per la fotocamera. Manca la porta Jack da 3,5 mm ma in confezione trovate un comodo adattatore USB-C. Motorola ha pensato a ogni minimo dettaglio per darvi a 579,90 euro di listino un prodotto completo e bilanciato per qualità e prezzo.

8