MSI Trident X 9SE Recensione: PC gaming con RTX 2080 e design da console

MSI propone un PC da gioco con un design che ricorda quello di una console, ma con un hardware di fascia alta e tanta potenza sotto il cofano.

recensione MSI Trident X 9SE Recensione: PC gaming con RTX 2080 e design da console
Articolo a cura di

MSI non è nuova a proporre PC da gioco dalle forme che ricordano quelle di una console. Esempio perfetto per descrivere questa tipologia di gaming machine è il Trident 3, un computer dalle dimensioni contenute perfetto per il salotto, di cui potete leggere tutte le informazioni nella nostra recensione. A prima vista anche il nuovo MSI Trident X potrebbe sembrare un prodotto simile, le linee ricordano infatti quelle di una classica console da gioco posta in verticale, ma le sue dimensioni ne fanno un prodotto diverso, da utilizzare con un monitor più che con un televisore.

L'offerta di MSI rimane comunque interessante, il Trident X si colloca infatti a metà strada tra un classico tower PC e una console, ma con una potenza e una versatilità nettamente superiore a queste ultime. Design particolare, hardware all'avanguardia e buone potenzialità di espansione fanno del Trident X una macchina di fascia alta, con tutti i pregi del caso ma con un prezzo di vendita al di fuori della portata della maggior parte dei gamer.

Quasi una console

MSI Trident X è un PC da gioco dalle dimensioni contenute, probabilmente non abbastanza per essere posizionato in salotto, ma comunque adatto per essere utilizzato in ambienti anche differenti dalla classica scrivania. Il supporto di cui è dotato non permette di posizionarlo in orizzontale, le dimensioni sono quindi di 396 mm di altezza per 382 di lunghezza, con uno spessore molto ridotto, di soli 129 mm. Le linee scelte dalla casa di Taiwan sono aggressive ma non troppo, il design è molto curato e si adatta bene a diverse tipologie di gamer, grazie a tratti netti e a led collocati in diversi punti della scocca, a cominciare dalla parte frontale. Questa è realizzata in policarbonato lucido e include al suo interno due prese USB 3.1 Type A e una 3.1 Type C, oltre ai jack di collegamento con cuffie e microfono.
Le paratie laterali sono in metallo e presentano degli inserti traforati che servono a far uscire il calore e a mostrare l'hardware.

Nella confezione di vendita è presente anche una paratia extra in vetro trasparente, da utilizzare se si desidera mettere ancora più in risalto le componenti e l'illuminazione led. Illuminazione disponibile anche nelle zone laterali, con un led a circondare la vistosa ventola sul lato destro e altri su quello sinistro, installati all'interno della GPU, messa ben in evidenza attraverso la griglia.
Tutti i LED vengono gestiti dal software Mystic Light, con cui personalizzare l'illuminazione con colori ed effetti in grande quantità; in alternativa è possibile spegnere tutte le luci disponibili. Anche il lato superiore è traforato e vede la presenza del tasto di accensione, mentre sul retro si trovano tutte le altre connessioni disponibili.

Sulla scheda madre troviamo due porte USB 2.0, tre porte USB 3.1 Type A e una Type C, ingressi e uscite audio, uscita ottica, porta di rete e porta PS/2, oltre alle uscite DisplayPort e HDMI della GPU integrata. Nella scheda video discreta invece, una RTX 2080 nel modello di prova da noi utilizzato, sono invece collocate due DisplayPort, una HDMI e una USB Type C 3.1 compatibile con lo standard VirtualLink.
La qualità costruttiva della scocca è buona ma non eccezionale, troviamo infatti ottime plastiche impiegate per la realizzazione della base, che fa anche da supporto verticale per il PC, e nel lato superiore, mentre frontalmente la plastica lucida sembra particolarmente ricettiva ai graffi, attenzione quindi se spostate spesso il PC. Avremmo apprezzato anche uno spessore leggermente superiore delle paratie laterali in metalli, che si flettono non appena staccate dal case, lasciando trasparire una qualità solo discreta.

Uno sguardo all'interno

MSI ha svolto un ottimo lavoro di assemblaggio e compartimentazione delle componenti interne, consentendo così ai futuri acquirenti di aggiornare la macchina in caso di necessità. Sul lato sinistro si può notare la GPU utilizzata in questo sample di prova, una RTX 2080 targata ovviamente MSI, modello Ventus, collocata in un'area apposita del case. In caso di upgrade lo spazio non manca, la Ventus è lunga circa 26 cm, ma si può arrivare a installare schede video lunghe anche 30 cm. In basso si può osservare il disco M2., installato in questa particolare posizione (è piazzato nella parte posteriore della scheda madre) per rendere semplice un eventuale upgrade. Il lato destro è invece più affollato ma comunque ordinato, da qui si nota l'alimentatore modulare, il dissipatore della CPU, che copre quasi per intero la motherboard, e due slot per installare in modo semplice dischi da 2.5".

Il sistema studiato da MSI funziona e permette un accesso rapido alle componenti principali, ad esclusione delle RAM: per smontarle bisogna prima rimuovere il dissipatore della CPU, ma fortunatamente non vengono toccate spesso.

Passando alle specifiche tecniche, MSI Trident X è disponibile in diverse varianti, a partire dalla più basilare con processore i5 ed RTX 2060 fino al modello top di gamma con una potente CPU Intel i9-9900K e scheda video RTX 2080 Ti. Il modello di prova comprende invece un processore Intel i7-9700K, con 8 Core e 8 Thread, capace di spingersi fino a 4.9 GHz. La GPU è una MSI RTX 2080 Ventus, con 8 GB di RAM, 2.944 CUDA Core, 368 Tensor Core e 46 RT Core. Le specifiche comprendono 32 GB di RAM, disco M.2 da 480GB e hard disk meccanico da 2 TB.

Prestazioni ed esperienza d'uso

MSI Trident X ha un pregio importante rispetto a molti altri modelli. A prescindere dalle prestazioni, che vedremo tra poco, uno degli elementi che colpisce di più di questa macchina è la sua silenziosità. Durante il normale utilizzo il Trident è praticamente inudibile, merito anche della tecnologia 0 db, che spegne completamente le ventole della GPU quando ha carichi di lavoro basilari.
Finché non si gioca il sistema di dissipazione della scheda video rimane spento e quello scelto per la CPU è molto silenzioso. Il comfort acustico offerto dal PC di MSI è molto elevato e non penalizza nemmeno le temperature interne. Nonostante lo spazio sia inferiore rispetto a quello di un mid tower, il sistema di dissipazione Silent Storm Cooling 3 fa bene il suo lavoro. I componenti più sensibili al surriscaldamento sono collocati in zone del case separate e raffreddate da appositi flussi d'aria. Questo permette di mantenere la temperatura della CPU intorno ai 35 gradi in idle e a 80 gradi sotto carico, mentre la GPU arriva a circa 33 gradi in idle e a 79 durante il gioco, valori molto simili a quelli di computer decisamente più grandi e areati.

Per quanto riguarda le prestazioni non stupisce che il Trident X sia capace di gestire tutti i titoli al massimo del dettaglio in 1080p e in 1440p. Anche il 4K funziona bene, con frame rate tra i 30 e i 50 fps in media, del resto per questa risoluzione serve una RTX 2080 Ti per raggiungere i 60 fps medi in molti titoli.

I benchmark che abbiamo effettuato sono stati realizzati con le impostazioni grafiche al massimo. Shadow of the Tomb Raider, con TAA attivo, raggiunge i 46 fps medi in 4K, gli 88 in 1440p e i 124 in Full HD. Batman: Arkham Knight invece tocca quota 65 fps in 4K, salendo a 102 in 1440p e a 124 in Full HD.
Anche il recente The Division 2 è perfettamente giocabile a ogni risoluzione, con 48 fps in 4K, 85 in 1440p e 118 in Full HD. Ghost Recon Wildlands, titolo da sempre ostico per ogni GPU, tocca quota 38 fps in 4K, 60 in 1440p e 77 in Full HD.

Chiudiamo con i benchmark di Metro Exodus, che con Ray Tracing spento raggiunge i 38 fps in 4K, i 60 in 1440p e i 78 in Full HD. Attivando il Ray Tracing su Ultra insieme al DLSS, che ricordiamo è molto migliorato rispetto alla sua prima apparizione nel gioco, il titolo gira a 35 fps in 4K, 52 in 1440p e 59 in Full HD. L'impatto del RT si fa sentire maggiormente se si spegne il DLSS, il 4K non è più giocabile fermandosi a 23 fps medi, mentre in 1440p il gioco gira a 41 fps, salendo a 58 in Full HD.

MSI Trident X 9SE MSI Trident X 9SE è una gaming machine potente e compatta, che permette di giocare fino alla risoluzione di 1440p senza compromessi, rendendo possibile anche il gaming in 4K al massimo del dettaglio, a patto di non cercare il target dei 60 fps, per quello serve una GPU ancora più performante. Al netto di una qualità costruttiva del case molto buona ma non eccellente, complice qualche materiale meno qualitativo di quanto dovrebbe essere, la proposta di MSI va incontro a chi desidera un PC dall’ingombro ridotto ma con potenza e silenziosità da vendere. Come sempre quando si parla di assemblati il prezzo da pagare è elevato, si arriva infatti a 2599€ (versione però con SSD da 256 GB e 16 GB di RAM). In cambio si ottiene una gaming machine pronta all’uso di alto livello, longeva e anche facilmente aggiornabile.

8