OnePlus 10T 5G Recensione: tanta potenza e pochi fronzoli

Il nuovo OnePlus 10T 5G porta in dote il nuovo SoC SnapDragon 8+ Gen 1 e tanta potenza: ecco il risultato della nostra prova sul campo.

OnePlus 10T 5G Recensione: tanta potenza e pochi fronzoli
Articolo a cura di

Negli ultimi anni OnePlus ha più volte cambiato strategia, ricalibrando i propri dispositivi verso il segmento più alto del mercato e addirittura modificando la tradizionale lineup annuale. La fusione con OPPO e la conseguente unificazione del design e del comparto software tra le due aziende ha inoltre portato in dote un potenziale miglioramento tecnologico, a fronte di una perdita di identità lamentata soprattutto dai fan di vecchia data.
Dopo aver lanciato il nuovo top di gamma lo scorso maggio, che potete scoprire nella nostra recensione di OnePlus 10 Pro, l'azienda ha presentato - come di consueto - l'aggiornamento di metà stagione incarnato nel OnePlus 10T 5G: uno smartphone equipaggiato con il nuovissimo SnapDragon 8+ Gen 1, che fa del prezzo competitivo un punto di forza e che si rivolge ad un pubblico che vuole tanta potenza e pochi fronzoli. Abbiamo passato la settimana di Ferragosto in compagnia del nuovo device e siamo pronti a raccontarvi la nostra esperienza.

Influenze e design

Sin dagli albori l'azienda di Shenzen ci ha abituati ad un packaging e ad un design piuttosto unici, che nel corso degli anni hanno contraddistinto il marchio.

Nel caso specifico OnePlus 10T 5G si presenta con un look che riprende in tutto quanto fatto dal suo predecessore: le linee del nuovo smartphone sono infatti del tutto simili a quelle del OnePlus 10 Pro, con forme arrotondate sostanzialmente identiche che questa volta però, traendo spunto dai dispositivi di OPPO, incorporano il blocco camera direttamente nel corpo macchina dando un senso di compattezza e continuità piuttosto percepibili. L'intera scocca è protetta dal vetro Gorilla Glass 5 e nella versione Jade Green da noi testata la parte posteriore del dispositivo mette in mostra una finitura lucida sulla quale spicca il logo della casa: purtroppo non offre sempre una buona presa, risultando piuttosto scivolosa e mostrando il fianco alle ditate.

Sulla cornice in alluminio sono distribuiti tutti i tasti, le connessioni, le antenne e gli speaker: microfono e speaker nella parte superiore, carrello per le due sim, speaker e porta USB-C in quella inferiore, barra per il controllo del volume sul lato sinistro e tasto di accensione su quello destro. Manca del tutto l'iconico selettore audio (Alert Slider) che ha reso celebri i passati modelli.

Il display piatto è interrotto dal solo punch hole centrale ed è protetto da un vetro Gorilla Glass 5, scelta che fa registrare un piccolo passo indietro rispetto al Victus sfoggiato dal vecchio dispositivo. Nel complesso ci troviamo di fronte a un design piacevole che si fa apprezzare nonostante manchino grandi innovazioni.
Leggermente differenti sono anche il peso e le dimensioni: OnePlus 10T 5G misura 163 x 75.4 x 8.75 mm per un peso complessivo di 203.5 grammi. Sebbene manchi ancora una volta la certificazione IP68, il nuovo smartphone di OnePlus risulta solido, anche se è impossibile non notare alcuni piccoli compromessi costruttivi adottati per contenere i costi.

Caratteristiche da Top di Gamma (o quasi)

Sul fronte delle specifiche tecniche OnePlus 10T 5G offre i più recenti componenti disponibili sul mercato a partire dal nuovo SoC SnapDragon 8+ Gen 1, equipaggiato sui più recenti top di gamma Android, accompagnato dalla GPU Adreno 730, che promettono rispettivamente prestazioni migliorate del 10% e del 30% rispetto ai modelli precedenti.

Il dispositivo si presenta con due tagli di memoria da 8/128 GB e da 16/256 GB di tipo LPDDR5 e UFS 3.1 con la possibilità di espandere la ram di 3, 5 e 7 GB direttamente dalle impostazioni. La potenza espressa dalla dotazione hardware è tenuta a bada da un nuovo sistema di raffreddamento che può contare su una camera di vapore più grande coadiuvata da uno strato di grafite che promette una dissipazione del 50% superiore rispetto ai materiali tradizionali. La batteria da 4800 mAh a doppia cella (2 x 2400 mAh) è affiancata da un alimentatore da 150 W (160 W reali) e dalla tecnologia SuperVOOC che consentono una ricarica da 0% a 100% in soli 19 minuti, segnando un nuovo record per la categoria. Questa scelta ha tuttavia segnato la completa assenza della ricarica wireless.

OnePlus 10T 5G monta un display Fluid Amoled da 6.7 pollici con risoluzione FullHD+ da 2412 x 1080 pixel, profondità di colore a 10 bit, picco di luminosità che si avvicina ai 950 nit, refresh rate da 60, 90 e 120 Hz e una frequenza di campionamento da 1000 Hz, valore che consente una reattività straordinaria che avvicina il dispositivo ai migliori smartphone da gaming.
Manca la tecnologia LTPO/LTPO2 e la risoluzione fa registrare un piccolo passo indietro rispetto al 10 Pro ma nel complesso il pannello offre colori vivaci e un'ottima qualità delle immagini anche nel formato HDR10+.

Pieno supporto invece per l'always-on-display completamente personalizzabile dalle impostazioni. Per il nuovo device OnePlus ha studiato un inedito sistema di antenne supportato dalla funzionalità AMP Connect che riduce sensibilmente le interferenze tra Wi-Fi e Bluetooth promettendo maggiore stabilità del segnale in presenza di periferiche wireless attive. Garantito infine il supporto allo standard Wi-Fi 802.11 a/b/g/n/ac/ax e al Bluetooth 5.3 con aptX, aptX HD, LDAC e AAC.

Comparto fotografico

In controtendenza rispetto agli altri aspetti, il comparto fotografico di OnePlus 10T 5G si presenta con un blocco camera particolare e intorno al quale il brand sembra aver concentrato i maggiori risparmi, a partire dalla cessata collaborazione con Hasselblad, almeno per questo modello. Il sensore principale è un Sony IMX766 da 50 MP con un'apertura focale f/1.8 e stabilizzazione ottica OIS. La fotocamera principale è in grado di restituire scatti di buon livello in ogni condizione di luce (anche in notturna), con una gamma dinamica abbastanza buona.
Evidente però risulta la presenza di una saturazione piuttosto aggressiva ed in generale un "ritocco" dell'immagine che per gli utenti più esigenti potrebbe risultare troppo artificioso. La fotocamera ultragrandangolare da 8 MP con lenti f/2.2 e ROV di 120° non riesce sempre a svolgere egregiamente il proprio lavoro: gli scatti, sempre molto spettacolari, possono essere utilizzati tranquillamente per i social ma per le applicazioni più avanzate il livello di dettaglio non è sempre sufficiente.

La lente macro da 2 MP con distanza di ripresa effettiva stimata in 2-4 cm non restituisce immagini degne di nota e risulta un'aggiunta piuttosto superflua. Infine la fotocamera frontale da 16 MP porta in dote un numero di pixel dimezzati rispetto a quella del fratello "maggiore", offrendo comunque scatti piuttosto buoni ed un effetto bokeh preciso.
Per quanto riguarda i video la fotocamera principale può catturare immagini fino a 4K e 60 FPS con una stabilizzazione abbastanza efficacie e un supporto software che chiama in causa l'IA. La fotocamera grandandolare si ferma invece ai 1080p e 30 FPS. Insomma, sebbene il livello del comparto sia comunque di ottima fattura, in questa fascia di prezzo è possibile trovare dispositivi più prestanti.

Prestazioni e esperienza d'uso

Iniziamo subito con il dato più importante: l'accoppiata SnapDragon 8 + Gen 1 e Adreno 730, affiancata dalle restanti caratteristiche tecniche, consente a OnePlus 10T 5G di brillare dal punto di vista delle performance, superando nei benchmark sintetici anche la già prestante versione Pro.

La versione da 16/256 GB da noi testata con Antutu ha restituito la bellezza di 896775 punti, mentre con Geekbench il dispositivo ha raggiunto 3573 punti in multi-core e 1171 in single-core.

La prova di forza della GPU ha invece totalizzato 2767 punti con il test Wild Life Extreme di 3D Mark. Questi numeri si riflettono in un utilizzo quotidiano praticamente scevro da qualsiasi problematica: lo smartphone è perfettamente in grado di eseguire ogni tipo di operazione, riuscendo a gestire anche molte applicazioni contemporaneamente. La forza bruta, l'alta frequenza di campionamento e le soluzioni adottate per il raffreddamento avvicinano OnePlus 10T 5G ai migliori smartphone da gaming: Diablo Immortal, Genshin Impact, Call of Duty Mobile, FIFA Mobile e tanti altri giochi girano al massimo del dettaglio con una fluidità praticamente costante. L'ottimo, seppur non eccellente, comparto fotografico permette infine un utilizzo social a tutto campo.

A livello software il device di OnePlus arriva con l'interfaccia di OxyGenOS 12.1 basata su Android 12, con la promessa dell'arrivo di OxygenOS 13 in tempi relativamente brevi. L'azienda ha infine garantito 3 major update e ben 4 anni di aggiornamenti per la sicurezza.

OnePlus 10T 5G Il nuovo OnePlus 10T 5G è uno smartphone che porta in dote diversi aggiornamenti hardware senza tuttavia strafare e cercando di mantenere i costi entro un certo perimetro. La grande potenza del nuovo SoC SnapDragon 8 + Gen 1 e della GPU Adreno 730 avvicinano le prestazioni del dispositivo a quelle dei migliori smartphone da gaming. Se siete alla ricerca di un device con prestazioni da top di gamma e un design piacevole ma che non si lascia andare in eccessi sul fronte del display e del comparto fotografico, allora il nuovo smartphone dell'azienda cinese fa per voi. OnePlus 10T 5G è disponibile al prezzo di 719 Euro per la versione da 8/128 GB e a 819 per quella da 16/256.

7.9