Recensione Ozone Gaming TriFx: auricolari modulari alla prova

Gli auricolari di Ozone offrono tre moduli in grado di cambiare il sound riprodotto, inoltre sono dotati di un buon bundle e di un costo concorrenziale, per un eccellente rapporto qualità/prezzo.

recensione Ozone Gaming TriFx: auricolari modulari alla prova
Articolo a cura di

Dal Project Ara in poi, il concetto di modularità è entrato a far parte dell'universo tecnologico, pur non riuscendo ancora ad esplodere completamente. Vuoi per il ritardo di alcuni dispositivi di prima fascia, come il già citato Project Ara, vuoi per le resistenze del grande pubblico nei confronti di questi prodotti, è difficile vedere device modulari nella vita di tutti i giorni. Grazie a Ozone Gaming però, tutti ora potranno avere un assaggio della modularità, con le cuffie TriFX, un prodotto pensato per i giocatori che vogliono personalizzare la propria esperienza d'ascolto, senza spendere troppo. La particolarità di questi auricolari sta nel fatto che la parte posteriore può essere rimossa, dando la possibilità di installare tre differenti accessori che enfatizzano determinate frequenze. Come vedremo, l'idea è certamente curiosa, anche se i risultati non sono poi così differenti tra le tre possibili opzioni.

Design, materiali, pack di vendita

Le Ozone TriFX si presentano davvero bene, racchiuse in una scatola di cartone che mette in evidenza tutti gli accessori attraverso una plastica trasparente. Tutto il necessario per partire è spiegato sul retro della confezione, in inglese, visto che all'interno non sono presenti libretti di istruzioni: poco male, infondo si tratta di auricolari, niente di troppo complicato. Una volta aperta la confezione, il bundle è davvero ricco, soprattutto considerata la fascia di prezzo del prodotto, che si trova online a circa 29€. Oltre alle cuffie, troviamo un astuccio che permette di portarsi dietro gli auricolari e tutti gli accessori, grazie alla pratica retina interna. A proposito di accessori, le TriFX sono vendute con diversi gommini, utili per adattare le cuffie a orecchie di diverse dimensioni, e tre elementi modulari, da inserire nella parte posteriore della scocca, con un ancoraggio a vite. A conferma dell'attenzione particolare di questo prodotto per il mondo del gaming, tra gli accessori troviamo anche un adattatore per utilizzare il microfono anche su PC, in grado quindi di sdoppiare il jack in uscita per permettere il collegamento separato tra audio e microfono.
Sul fronte della qualità costruttiva, si rimane stupiti da cosa si può ottenere oggi a queste cifre. Gli auricolari veri e propri sono realizzati in allumino anodizzato, mentre il cavo di collegamento, lungo 1.2 metri, è ricoperto di una gomma molto morbida e piacevole al tatto. Per quest'ultimo, Ozone ha utilizzato un design flat, che evita la formazione di nodi. In effetti, anche riponendo le cuffie nell'astuccio senza pensarci troppo su, le abbiamo sempre ritrovate in ordine e utilizzabili fin da subito. Anche il jack da 3.5" nella parte finale adotta un design piatto, un particolare comodo quando si utilizzano le TriFX in mobilità col cellulare, un uso agevolato anche dalla presenza di un pratico telecomando, con cui effettuare chiamate e mandare avanti le tracce musicali, senza però poter abbassare e alzare il volume. Parlando invece del design vero e proprio, questo è piuttosto appariscente, con gli auricolari e il cavo di collegamento che spiccano grazie ai colori rosso e nero con cui sono realizzati. Sul fronte del bundle e della qualità costruttiva quindi siamo rimasti molto soddisfatti, soprattutto considerando il prezzo del prodotto.

Buon rapporto qualità/prezzo

Abbiamo provato le Ozone TriFX in diversi contesti d'uso, dal gaming alla musica, che hanno evidenziato pregi e difetti del prodotto. Innanzitutto, parliamo della sua caratteristica più particolare, ovvero il design modulare. I tre tappini che conferiscono al suono un'equalizzazione diversa, denominati dall'azienda spagnola EQ enhancer, si installano in tutta facilità nella parte posteriore degli auricolari, merito dell'ottima qualità costruttiva, visto che anche questi piccoli componenti sono in alluminio anodizzato. Abbiamo quelli rossi che enfatizzano le frequenze basse, quelli neri che puntano a rendere più evidenti i medi e gli alti, e quelli grigi, il cui utilizzo porta un suono più equilibrato. Partiamo col dire che gli auricolari funzionano anche senza gli EQ enhancer inseriti, ma in questo caso perdono un po' di mordente, sia in ambito musicale sia durante il gioco. Utilizzandoli invece, le differenze ci sono e rispecchiano grosso modo quanto indicato dal produttore, ma non sono poi così evidenti, soprattutto installando il modulo che dovrebbe enfatizzare al massimo le frequenze basse. Sia chiaro, i bassi ci sono e sono predominanti, del resto stiamo parlando di un prodotto dedicato al gaming e all'ascolto musicale senza troppe pretese, ma di certo ci aspettavamo di più, almeno da un modulo chiamato Ultra Bass. Quello High Pitch gli assomiglia molto ma taglia ancora di più sulle frequenze medie, offrendo principalmente alti e bassi: in questo modo, si dovrebbero enfatizzare i suoni provenienti dagli avversari durante il multiplayer, ma non essendoci alcun audio surround, nemmeno simulato, l'utilità di questo EQ enhancer è relativa.

L'ultimo modulo a disposizione punta a un sound più equilibrato, come indicato dal nome Pure Mid, ed è anche quello che ci è piaciuto di più, anche se i gusti personali influiscono molto in questo ambito. Chi ama i bassi si troverà certamente meglio con il modulo Ultra Bass, che pur non apportando cambiamenti sconvolgenti ha la sua influenza sul sound, soprattutto durante il gaming. A tal proposito, siamo lontani dalle performance degli headset tradizionali over ear, ma le TriFX si difendono comunque bene, donando una buona spazialità al suono e un volume davvero elevato, impossibile da portare al massimo. Il prodotto sembra nato per un utilizzo misto, un po' su PC e console, un po' per l'ascolto musicale e per l'utilizzo in mobilità. Proprio negli ambienti esterni abbiamo scoperto uno dei pregi maggiori del prodotto, ovvero l'isolamento fornito da questi auricolari, davvero buono, che ne fanno un compagno perfetto da utilizzare con lo smartphone.

Ozone Gaming TriFx Le cuffie Ozone TriFX offrono un bundle di buon livello, ottimi materiali costruttivi e un sound senza troppe pretese ma comunque in linea con il prezzo del prodotto, di 29€. Le funzionalità modulari influenzano direttamente il sound, e lo si percepisce subito, ma non abbastanza da far apparire questa caratteristica come la principale attrattiva di questi auricolari. L’isolamento acustico invece ha stupito per la sua efficacia, anche negli ambienti più rumorosi, un particolare che farà comodo a chi pensa di utilizzarle molto con lo smartphone. Da segnalare anche un volume al di sopra della media, in effetti portarle al massimo è praticamente impossibile, e un microfono di buona qualità, anche se gli headset da gioco tradizionali rimangono superiori. In definitiva, le TriFX hanno convinto, se non altro per il buon rapporto qualità/prezzo, che aumenta di molto il valore percepito.

7.8