Panasonic RZ-S500W Recensione: auricolari con cancellazione del rumore

Panasonic si lancia nel mondo degli auricolari True Wireless con le RZ-S500W, un modello dotato di tecnologia per la cancellazione del rumore.

recensione Panasonic RZ-S500W Recensione: auricolari con cancellazione del rumore
Articolo a cura di

Gli auricolari True Wireless sono diventati un vero e proprio fenomeno commerciale. È stata Apple a renderlo possibile, grazie al successo delle sue AirPods, a cui sono seguiti decine di altri modelli, alcuni a basso costo altri invece più cari. Panasonic, che in campo audio-video ha un know-how eccezionale, non aveva ancora detto la sua in questo ambito ma ora sono arrivare le RZ-S300W e le RZ-S500W, delle cuffie true wireless di fascia media che si differenziano per la presenza, nel modello RZ-S500W, della cancellazione attiva del rumore, proposte a 179€ in Italia.

Pack di vendita e design

Panasonic non è un brand che bada molto ai fronzoli, preferendo un approccio più diretto e pratico, come si nota sia dal pack di vendita che dalla realizzazione complessiva del prodotto. La confezione spiega molto bene le caratteristiche delle RZ-S500W e le possibilità che offrono e comprende un cavo di ricarica da USB Type A a USB Type e quattro adattatori di gomma per gli auricolari.
L'astuccio di ricarica delle cuffie è grigio ed è realizzato con una plastica di bassa qualità, siamo lontani dagli standard raggiunti dalle AirPods o dalle Galaxy Buds di Samsung purtroppo.
Panasonic dovrebbe avere più attenzione per questi dettagli, perché basta prendere in mano per la prima volta questo elemento per capire che non trasmette quella sensazione di qualità che ci si aspetta dal brand giapponese, soprattutto nella cerniera che collega il coperchio scocca.
Sul frontale sono visibili tre LED che mostrano lo stato della carica, mentre sul retro si può notare il connettore per la ricarica via USB Type C.

Le cuffie hanno un design piuttosto bombato e sono anche queste grigie. La cura per i dettagli, anche in questo caso, non è eccezionale ma comunque migliore di quella dell'astuccio. La parte esterna dall'auricolare è caratterizzata da un inserto argentato circolare, mentre nella parte interna si notano i connettori di ricarica, decisamente particolari. Buona la certificazione IPX4, che le rende refrattarie, ma non impermeabili, all'acqua.
In generale, a livello di design e di qualità dei materiali, queste Panasonic RZ-S500W non convincono appieno, sembrano un prodotto di qualità più bassa di quello che in realtà sono.

Specifiche, software e prova

Le RZ-S500W sono degli auricolari con cancellazione del rumore attiva, una tecnologia che abbiamo visto diverse volte in passato, ad esempio quando abbiamo recensito le Sony WF-1000XM3. In questo caso Panasonic utilizza la tecnologia Dual Hybrid, che sfrutta sia i rumori all'interno che all'esterno dell'auricolare per generare un segnale opposto, per abbattere i suoni indesiderati.
Per migliorare la resa durante le telefonate, ad esempio per ridurre il rumore generato dal vento, la casa giapponese utilizza sei microfoni MEMS, integrati in una struttura a labirinto, che evita che il vento possa raggiungerli facilmente. I microfoni utilizzano anche la tecnologia beamforming per concentrare la cattura dell'audio solo in direzione della bocca.
La connessione con lo smartphone avviene tramite Bluetooth 5.0 e i due auricolari possono essere utilizzati anche singolarmente, opzione utile in macchina. Le specifiche indicano 6.5 ore di riproduzione continua, per un totale di 19.5 ore con la carica presente all'interno dell'astuccio. Rapida la ricarica: con 15 minuti si possono ottenere circa 70 minuti di riproduzione. Piena compatibilità è garantita con gli assistenti vocali Alexa e Google Assistant.

La connessione allo smartphone è molto semplice, come per tutti gli auricolari Bluetooth, ed è disponibile anche un'applicazione dedicata, con poche funzioni ma più che sufficienti per gestire le cuffie. Si può regolare l'intensità della cancellazione del rumore o disattivarla del tutto, oppure controllare lo stato di carica degli auricolari, o ancora applicare un'equalizzazione al suono per aumentare i bassi ad esempio.

Sul fronte ergonomia Panasonic dovrebbe rivedere il design degli auricolari per renderlo più pratico, tutto il peso è concentrato nella bombatura esterna delle cuffie, l'unico punto di aggancio è il gommino in plastica. Il risultato sono degli auricolari che necessitano di essere spinti in fondo all'orecchio per essere mantenuti fermi, operazione da svolgere ogni tanto mentre si sta camminando, perché i sobbalzi li fanno uscire pian piano dalla loro sede. Ovviamente questo aspetto varia da orecchio a orecchio, ma è evidente che la forma non aiuta a mantenere le RZ-S500W salde nella loro posizione.
Un vero peccato, perch sul fronte del sound Panasonic ha fatto un ottimo lavoro. La resa è molto buona, con bassi presenti ma non preponderanti. Lo spettro sonoro è ampio, medi e alti vengono ben rappresentati, al netto dei limiti strutturali di un prodotto di questo tipo. Tra gli auricolari che abbiamo provato negli ultimi anni sono sicuramente tra i più equilibrati.
Anche in chiamata i microfoni funzionano bene, senza dimenticare un input lag davvero ridotto durante la visione dei video. Ottima anche la cancellazione del rumore, che riesce ad isolare dai suoni esterni in modo efficace e che non fa rimpiangere le Sony WF-1000XM3.

Panasonic RZ-S500W L’ingresso di Panasonic nel mondo degli auricolari True Wireless è riuscito a metà. Da un lato le RZ-S500W si sentono molto bene, hanno un’ottima cancellazione del rumore e una latenza ridotta, come anche un’applicazione semplice ma funzionale. Dall’altro però l’ergonomia e soprattutto la qualità costruttiva lasciano un po’ a desiderare. Considerato che in Europa il prezzo dovrebbe aggirarsi intorno ai 170€, cifra ancora non confermata per l’Italia, le RZ-S500W hanno molti concorrenti, magari con una cancellazione del rumore meno efficace e un sound meno equilibrato, ma più comodi da indossare e più attenti al design.

7