Panasonic TX-55MZ2000E Recensione: un OLED per intenditori

Parte della linea reference di Panasonic, il TX-55MZ2000E è piccolo nelle dimensioni, tanto quanto è generoso nella tecnologia audio e video.

Panasonic TX-55MZ2000E Recensione: un OLED per intenditori
Articolo a cura di

Il design del Panasonic MZ2000 non ha subito cambiamenti significativi negli ultimi tempi, conservando un aspetto diverso rispetto alle tendenze di design: una continuità estetica forse meno aggressiva ma che anche per questo si stacca dalla concorrenza.
In questo panorama, dunque, il nuovo Panasonic TX-55MZ2000B certamente spicca rispetto a quanto proposto dal resto dell'industria dell'Home Entertainment. Ma questo discorso vale anche per il funzionamento?

Design, Telecomando e terminali

A livello di design, dicevamo, le linee non si distaccano troppo dal codice estetico della gamma. Del resto, i molteplici diffusori per l'audio sono vincolanti e l'unità è costruita con materiali di qualità che fanno da subito la differenza.

Il supporto centrale favorisce una collocazione anche su mobili di limitata larghezza e nel complesso risulta facile da montare e pienamente funzionale nell'offrire la rotazione per una migliore angolazione. Le dimensioni sono di 122,7 x 78,6 x 35 cm per un peso di 24,5 Kg con il piedistallo. C'è anche la possibilità di ancoraggio tramite staffa VESA 300 x 300 mm.
La serie Panasonic TX-55MZ2000B offre un'ampia varietà di connessioni posizionate sul retro tra cui spicca la doppia HDMI 2.1 ad alta velocità (40 Gbps) con supporto 4K/120Hz e Dolby Vision gaming in 4K/60Hz. Ci sono poi altre due HDMI 2.0, di cui uno collocato lateralmente. Ai rimanenti si accede verticalmente, favorendo l'accesso in caso di posizionamento a muro.

Per l'audio c'è il transito ARC/eARC con audio di ritorno anche ad alta risoluzione per connettere soundbar o amplificatore esterno.
Tre USB (2x USB 2.0 + 1x USB 3.0), una porta LAN, un'uscita digitale ottica, due slot CI Plus (1.4) per card programmi ad accesso condizionato, due connessioni satellitari, un RF 75 Ohm digitale terrestre (compatibile 100% con i nuovi programmi) e un jack da 3,5 mm cuffie/subwoofer chiudono il parco terminali.
Il telecomando è quello tipico Panasonic: lungo, in plastica con pulsantiera completa, incluso l'accesso diretto ai servizi VOD. Funzionale e comunque comodo da impugnare, il terminale è piuttosto lungo e, come in passato, ciò di cui più si sente la mancanza è la retroilluminazione.

High Dynamic Range e navigazione

Il Panasonic MZ2000 è un pannello 4K OLED-ex (che aggiunge circa il 10% in più di luminosità al 20% rispetto a un pannello OLED evo) 10-bit nativo. Spicca per il supporto completo all'HDR: HDR-10, HDR-10+ (anche adattivo), HLG, Dolby Vision e Dolby Vision IQ (oppure Vivida, Luminosa, Scura, Game).

Versatilità più che completa, quindi, che si aggiunge alla totale compatibilità con i segnali video più pregiati, assicurando un'elevata accuratezza cromatica grazie alle modalità ISF professionali, la modalità calibrata Netflix e l'essenziale Filmmaker Mode.
Nello specifico, i preset rimanenti sono: Normale, Dinamico, IA Automatica, Foto professionale, Cinema, True Cinema, Personalizza, Professionale 1, Professionale 2, Sport, Game e il nuovo True Game.

Il sistema Smart TV My Home Screen 8.0, esclusivo dei modelli Panasonic di fascia alta, offre un'interfaccia intuitiva, efficace e veloce. Accettabile l'area dedicata alle app, ottimo il supporto per servizi streaming come Disney+, Prime Video, Apple TV+ e Netflix, così come l'integrazione dei servizi di catch-up Freeview.

A bordo troviamo la compatibilità con Amazon Alexa, ma è assente quella per Apple AirPlay 2 o Chromecast.
Ottimo, invece, il media player con gestione materiali da periferiche fisiche esterne, oppure da rete via DLNA/UPnP, con HDR ma senza DTS; è presente anche una funzione che consente la trasmissione intranet di trasmissioni televisive in standard DVB-IP e SAT-IP.
Anche questo modello Panasonic è pensato per garantire un'esperienza ottimale agli utenti con problemi di udito o vista. Grazie ai comandi vocali è possibile impostare facilmente il televisore e ricevere assistenza per l'uso dei pulsanti con feedback sonoro.
Per chi desidera rilassarsi, invece, c'è la funzione myScenery, con ampia selezione di immagini e video rilassanti arricchita da nuovi suoni della natura provenienti da tutto il mondo, registrati dalla Joy Foundation.

Immagini no compromise

Come da tradizione, il Panasonic MZ2000 si rivolge principalmente agli appassionati che non accettano compromessi a partire dalle immagini e che qui trovano ulteriore agio con una gestione flagship in virtù del potenziamento derivante dalla tecnologia MLA (Micro Lens Array), con luminosità di picco eccezionale resa possibile dai dissipatori di calore proprietari.

In tal senso, lo schermo Master OLED Ultimate presenta una resa d'eccellenza per contenuti SDR e HDR, mentre la modalità Filmmaker (che da sempre privilegiamo) garantisce colori accurati e un quadro visivo il più possibile fedele al materiale video in ingresso.
Ciò consente di utilizzare immediatamente il TV out-of-the-box (DeltaE <2) senza preoccuparsi di agire su qualsiasi preset video o dell'intervento dell'elettronica interna.
La calibrazione porta ulteriore beneficio, scendendo a un DeltaE tra 0,2/0,4 e intervenendo solo per basse e alte luci oppure 10 + 4 punti (IRE 10 - 100 + 0.5/1.3/2.5/5), anche semiautomatico tramite Calman AutoCal (per cui occorrono sonda, computer portatile e software).

In HDR la finestra al 10% vede una luminosità di picco poco sopra i 1.400 nit e 205 nit al 100%: un punteggio davvero notevole che, in sinergia con il dosaggio della luce, contribuisce a un risultato d'insieme che pone ulteriormente l'accento sul passo avanti rispetto alla linea precedente.
Per contenuti 4K masterizzati, a 1000 nit e a 4000 nit, prima dell'hard clipping vengono mantenuti in evidenza i dettagli.
Nello spazio DCI-P3 la copertura è prossima al 100%, meno pochi punti percentuali, mentre in REC.2020 siamo attorno al 75%, solite "vette" a cui Panasonic ci ha da tempo abituati.

REC.709

DCI-P3

Tutto ciò a particolare beneficio di segnali pregiati come HDR-10+ e Dolby Vision, dove ci si può affidare alla gestione intelligente adattiva con intervento in base all'illuminazione ambiente, consentendo di far risaltare gli elementi anche in secondo piano e mantenendo un notevole senso di tridimensionalità.
I neri sono profondi, così come superiore è anche il recupero dei dettagli nelle ombre. La resa dei colori è brillante e naturale, con toni della pelle ancora più precisi dopo l'intervento della calibrazione; in tal senso, risulta strepitosa la gamma dinamica, con una meravigliosa adattabilità del pannello (anche in virtù dell'MLA), restituendo un quadro d'insieme solido indipendentemente dalla luce esterna.

Il processore HCX Pro AI offre miglioramenti nella gestione del movimento e nell'upscaling delle immagini. Ottima la gestione dei contenuti a 24 fps, mentre la funzione "Intelligent Frame Creation" potrebbe al solito innescare l'effetto soap opera con retrogusto eccessivamente digitale salendo troppo nell'impostazione.

Quanto all'upscaling di materiale SD nativo, il processore è apparso ancora più efficace a patto che il segnale sia minimamente decente. Meglio con i contenuti DVD 480/576i, salendo ulteriormente con segnali 1280 x 720/1920 x 1080, dove i dettagli aumentano ancora di livello e non si riscontrano artefatti.

La novità True Game

Come sempre, anche qui c'è una grande attenzione al mondo gaming, offrendo un'esperienza di gioco di alta qualità senza compromettere la resa visiva cinematografica.

La modalità "True Game" ottimizza l'input lag disabilitando automaticamente il tone mapping per affidarsi interamente alla sorgente, attivando funzioni essenziali come il VRR e offrendo immagini SDR / HDR con la stessa precisione degli standard cinematografici.
Questo preset è progettato per offrire una modalità ottimizzata dedicata simile al Filmmaker Mode ma per i giocatori, garantendo parametri accurati.
Il vantaggio strategico è rappresentato dalla doppia HDMI 2.1 ad alta velocità (40Gbps) con supporto Dolby Vision 4K/60Hz e 4K/120Hz HDR-10. C'è poi l'ottimizzazione automatica per input lag e VRR grazie a G-SYNC e FreeSync Premium, VRR, ALLM (Auto Low Latency Mode), eARC e HGiG.
La latenza di input misurata si attesta a circa 11 ms per 4K/60Hz e scende a 5,7 ms a 120 Hz, per un'esperienza di gioco di alto livello. La già esistente game bar, che ha fatto il suo debutto lo scorso anno, continua a offrire un accesso rapido a informazioni e funzionalità specifiche per i videogiochi.

360 Soundscape Pro

Il Panasonic MZ2000 si distingue non solo per la straordinaria qualità visiva, ma anche per il sistema audio Dolby Atmos Technics integrato. La potenza totale è di 150 Watt così distribuita: front line array 70 Watt; due laterali 15 Watt; due alti 15 Watt; woofer 20 Watt. In totale, 7 canali più mono woofer con radiatore passivo per due lati.

La soundbar sotto lo schermo ha altoparlanti frontali e laterali posizionati strategicamente lungo il pannello (side-firing e front-firing) in sinergia con gli altoparlanti rivolti verso l'alto (up-firing) sulla parte superiore, per un'esperienza sonora migliore di qualsiasi altro sistema integrato in commercio. Questo rig di diffusori crea un palcoscenico ampio e immersivo sia per la musica che le colonne sonore.


Grazie alla tecnologia beamforming, l'unità anteriore con emissione del suono frontale e laterale e la posteriore con diffusione verso l'alto contribuiscono all'effetto surround "360° Soundscape Pro" con significativa equalizzazione. Indipendentemente dalla posizione del pannello nel locale, l'unità di altoparlanti frontali consente l'indirizzamento del suono in termini di angolazione e intensità, offrendo diverse opzioni di preset e personalizzazione. In tal senso l'ingegnerizzazione Technics ha alzato ulteriormente l'asticella della resa sonora, sia musicale che per film e telefilm in presenza di codifiche di qualità (lossless).

Modalità audio disponibili: IA automatica, Standard, Musica, Parlato, Stadio, Game (RPG), Game (FPS), Utente; Creazione campo audio: Parlato, Standard, Teatro, Diretta, Sport, Diretto passante.
L'aggiunta di un subwoofer esterno (commutando l'uscita cuffie) e un'accurata regolazione del crossover possono migliorare ulteriormente la resa. Per tali ragioni, non c'è necessità di acquistare un sistema soundbar esterno e il passo successivo dovrebbe essere quello di un vero impianto Home Theater a canali fisicamente separati.

Panasonic TX-55MZ2000E Alla luce di visione e ascolto di diverso materiale SD/HD/UHD/Gaming, ogni tentativo di “stressare” l'unità ha rivelato una pronta risposta del sistema e un comparto audio/video sempre all'altezza della situazione. Qualcuno potrebbe storcere il naso per la presenza della sola coppia di porte HDMI 2.1 (40 Gbps e non 48 Gbps) e per l'offerta app non così avanzata. Soliti assenti il DTS e il telecomando non retroilluminato. I cultori dell'ultima ora possono affidarsi con fiducia alle gestioni automatiche video e audio, disponendo da subito di un sistema con eccellente calibrazione di fabbrica. Per la platea di appassionati dal know-how avanzato, l'MZ2000 è una vera e propria palestra d'ardimento con un mare di variabili in cui tuffarsi, divertendosi a modulare a proprio piacimento l'audio, ma soprattutto il video.

9.5