Razer Basilisk V3 Recensione: ottimo mouse tuttofare, e che rotellina!

Razer Basilisk V3 è un mouse da gaming perfetto per qualsiasi esigenza, dove la vera, sorprendente novità è la rotellina del mouse.

Razer Basilisk V3 Recensione: ottimo mouse tuttofare, e che rotellina!
Articolo a cura di

Nella linea di mouse da gaming Razer Basilisk è approdato il modello V3, a circa un anno dal rilascio sul mercato del suo apprezzato predecessore V2. Questa nuova, terza iterazione non introduce maestose novità lato design, tuttavia sul fronte delle funzionalità i tecnici della società di Min-Liang Tan sono riusciti ancora una volta a destare sorpresa implementando tecnologie aggiuntive che faranno comodo non solo agli amanti dei videogiochi, ma anche a chi a lavoro ha a che fare con fogli e documenti interminabili, riuscendo a convincere anche nell'utilizzo lavorativo e per la produttività.

Packaging e design

Il packaging con cui viene presentato il nuovo Razer Basilisk V3 è piuttosto semplice e non si dilunga in particolarità d'alcun tipo. Il vero focus va posto sul prodotto in sé e, una volta aperta, la confezione lo rende subito chiaro, presentandolo in primo piano, accompagnato soltanto dal consueto certificato Razer firmato dal CEO Min-Liang Tan e da un piccolo manuale con dettagli sulla garanzia e la guida al primo utilizzo.

Il Razer Basilisk V3 è un mouse ergonomico pensato esclusivamente per i destrorsi, dalle dimensioni pari a 129 mm x 62 mm x 43 mm e peso di 101 grammi; a questo punto, qualcuno potrebbe ritenerlo inadatto al gaming competitivo in titoli esport, alla luce del peso particolarmente elevato rispetto a soluzioni dedicate come il Razer Viper Ultimate da 74 grammi o il Marsback Zephyr Pro che abbiamo recensito e i suoi appena 40 grammi.
La forma stessa del Basilisk V3 è adatta quasi esclusivamente per l'utilizzo con palm grip e per coloro che hanno mani di dimensioni medie o grandi. Senza considerare questi limiti, però, il mouse è estremamente comodo grazie al poggiapollice e alle impugnature ruvide laterali su telaio nero, dalla qualità costruttiva senza dubbio eccellente.

Nota di merito anche per le possibili personalizzazioni, aspetto arricchito con un comparto RGB rinnovato e configurabile in ogni minimo dettaglio. Sono ben 11 le zone di illuminazione Razer Chroma, collocate nel simbolo stesso Razer sul corpo del mouse, ai lati della rotellina e tutt'attorno alla base del mouse, la cui gestione è possibile grazie al software Razer Synapse 3.0 con selezione tra 16,8 milioni di colori.

I possessori di software come Wallpaper Engine o di altre periferiche del medesimo brand potranno sorridere alla vista del cambio di colore dinamico a seconda dello sfondo del PC o, altrimenti, dell'attività in-game grazie al supporto Chroma per oltre 150 giochi.

Caratteristiche tecniche, funzionalità, e software

Razer Basilisk V3, come specificato in apertura, apporta alcune modifiche sostanziali al modello precedente e si notano sin da subito, a partire dallo Sniper Button collocato a sinistra. Per chi non lo sapesse, alla sua pressione prolungata questo pulsante abbassa i DPI per rallentare il movimento del mouse durante attività di gioco che richiedono una certa precisione, come l'utilizzo di fucili da cecchino nei titoli FPS. Si tratta di una feature certamente interessante, ma che nel Basilisk V2 prevedeva la dotazione di un tasto esteso sotto i due pulsanti laterali, non solo estremamente facile da raggiungere con il pollice, ma anche semplice da rimuovere nel caso in cui qualcuno non ne sentisse l'esigenza.

La nuova soluzione proposta prevede la riduzione nelle dimensioni, a vantaggio di un semplice tasto rettangolare, ma anche l'impossibilità di rimuoverlo. Complessivamente la giudichiamo come una scelta saggia da parte di Razer, considerato che grazie al software Synapse è possibile configurare il keybind diversamente e rendere il pulsante utile anche per altre attività extra-gaming, adattandosi dinamicamente al contesto di gioco quando necessario.

La novità principale di Razer Basilisk V3 è una vera e propria esclusiva, un unicum nel mondo dei mouse da gaming: la rotella inclinabile Razer HyperScroll con modalità di scorrimento libero automatico. Se la definizione si fosse fermata a "rotella di scorrimento regolabile", allora ci si troverebbe dinanzi a una tecnologia già affermatasi anche in altri mouse della concorrenza; Razer ha voluto fare un ulteriore passo in avanti permettendo la regolazione automatica tramite software.

In cosa consiste la regolazione della rotellina?Per chi non conoscesse questa funzionalità, la regolazione della rotella del mouse consente di selezionare tra due modalità di scorrimento: una "tradizionale" dove ogni minimo movimento è regolato e facilmente percepibile, e una "libera" che consente di scorrere su fogli di calcolo o documenti particolarmente lunghi.

Ebbene, nel caso del Razer Basilisk V3 il passaggio da una modalità all'altra è garantito non solo dal pulsante dedicato, collocato esattamente sotto alla rotellina, ma anche dalla funzione Smart Reel attivabile tramite software Synapse, la quale compie automaticamente il passaggio da Tactile Cycling a Free-Spin Scrolling a seconda dello spin da noi applicato.

In tutto si contano 11 pulsanti programmabili tramite Synapse, per un totale di massimo 5 profili memorizzabili e selezionabili ciclicamente grazie al piccolo bottone dedicato presente sotto il mouse. Notiamo poi feature come Razer Focus+ 26K, nuovo sistema di tracciamento che supporta fino a un massimo di 26.000 DPI, di cui le configurazioni predefinite sono 400/800/1600/3200/6400 DPI); ma notevoli sono anche le tecnologie Smart Tracking e Asymmetric Cut Off, dove la prima permette di calibrare automaticamente il mouse a seconda delle dimensioni del tappetino, e la seconda consente al sensore Focus+ 26K di interrompere il tracciamento dinamicamente in caso di asimmetria nei punti di contatto del mouse con il tappetino.

Giungendo al software Synapse, dall'installazione all'utilizzo non abbiamo notato alcun problema e si sincronizza perfettamente con altri programmi utili a orchestrare le varie periferiche RGB con supporto a Razer Chroma. Per quanto concerne la personalizzazione dei profili e la quantità di impostazioni accessibili, dal polling rate (fino a un massimo di 1000 Hz) ai DPI, passando per la configurazione dei singoli pulsanti, non possiamo che apprezzare il lavoro di Razer.

Esperienza d'uso

Analizziamo l'esperienza d'uso a partire proprio dalle novità dette in precedenza. La funzione Smart Reel funziona perfettamente: alla sua attivazione, ogni volta che si inizia a scorrere velocemente su qualsiasi schermata la rotellina si sbloccherà al momento giusto liberandosi alla massima velocità. Lo Sniper Button, allo stesso modo, si è rivelato perfettamente funzionante tra più titoli FPS, dal celeberrimo Counter Strike: Global Offensive al più frenetico Call of Duty Warzone, dove calibrare i colpi di cecchino è essenziale.

Complessivamente, il feedback è eccellente grazie alla dotazione degli switch Razer Optical di seconda generazione, i quali sulla carta garantiscono una durata fino a 70 milioni di click. L'esperienza d'uso in ambito gaming, spaziando per videogiochi come League of Legends, Valorant, Squad, Total War: Warhammer II, Age of Empires III: Definitive Edition e altri ancora, non ha deluso per qualsiasi genere videoludico e, al contempo, l'attività lavorativa trova beneficio nella solidità di Basilisk V3, nella presenza di molti pulsanti personalizzabili e, in particolare, nella rotellina HyperScroll.

Razer Basilisk V3 Razer Basilisk V3 è senza dubbio un mouse ottimo per qualsiasi tipo di attività, grazie soprattutto all’implementazione della nuova Hyperscroll Tilt Wheel che soddisfa le esigenze di giocatori e lavoratori. La qualità di costruzione, l’ergonomia, il sensore Focus+ 26K e gli inediti switch ottici sono altri fattori che contribuiscono a rendere questo prodotto estremamente valido. Gli unici dettagli che potrebbero non convincere riguardano peso e dimensioni, ma si tratta di parametri la cui negatività è soggettiva. Resteranno delusi gli amanti dei mouse wireless e i mancini, mancando varianti non cablate e per i non destrorsi. Il prezzo di listino di 79,99 Euro potrebbe fare storcere il naso, tuttavia ci troviamo di fronte a un prodotto solido e altamente consigliato.

8.7