Red Magic 3S Recensione: uno smartphone da gaming con un buon prezzo

Nubia tenta di rivoluzionare il mercato degli smartphone da gaming con Red Magic 3S, un dispositivo venduto a 479 euro.

Red Magic 3S Recensione: uno smartphone da gaming con un buon prezzo
INFORMAZIONI SCHEDA
Articolo a cura di

Il 2019 è stato un anno importante per il mercato degli smartphone da gaming. Gli ultimi dodici mesi hanno infatti visto l'arrivo di dispositivi validi e con funzionalità uniche dedicate ai gamer. È stato un anno molto importante anche per i giochi, basti pensare a servizi come Apple Arcade e titoli come Call of Duty Mobile (qui la nostra recensione).
Tuttavia, uno dei maggiori problemi del mercato è il prezzo di questa tipologia di smartphone, visto che questi dispositivi spesso si configurano nella fascia superiore agli 800 euro (pensiamo a prodotti come ASUS ROG Phone 2 e Razer Phone 2). D'altronde, non è semplice contenere i costi quando c'è la necessità di offrire al contempo delle prestazioni da top di gamma e delle funzionalità che si possano definire veramente da gaming.
Ebbene, la "voglia di rivoluzione" arriva ancora una volta dalla Cina. Nubia ha infatti creato il Red Magic 3S, uno smartphone che prova a offrire un'esperienza di gioco soddisfacente a un prezzo di 479 euro (modello 8/128GB), un costo che è circa la metà rispetto a quello delle soluzioni della concorrenza. Sarà riuscita l'azienda cinese a raggiungere il suo ambizioso obiettivo?

Design e unboxing

La confezione di vendita include, oltre ovviamente allo smartphone, un caricabatterie da 9V/2A (18W), degli adesivi Red Magic, la spilla per l'estrazione del vano dual nanoSIM, un cavo rosso USB Type-C/USB Type-A per la ricarica e manualistica varia.
Red Magic 3S ha dimensioni pari a 171,7 x 78,5 x 9,65 mm, per un peso di 215 grammi. Stiamo parlando di numeri superiori alla media, che si sentono quando si tiene lo smartphone in mano. Sicuramente non si tratta del dispositivo migliore da utilizzare con una sola mano, ma in linea generale l'ergonomia e buona. Non male anche il grip: Red Magic 3S non è mai troppo scivoloso.

Le dimensioni e il peso sono però del tutto giustificati dall'ottimo metallo utilizzato, che conferisce allo smartphone una solidità costruttiva superiore alla media, e dalla presenza di un sistema di dissipazione interno basato su vapor chamber.

Per quanto riguarda il design, il dispositivo ha un look molto "aggressivo", proprio come ci si aspetta da uno smartphone da gaming. La backcover presenta linee geometriche e il colore dominante degli inserti è il rosso. Al centro è presente una striscia LED RGB che si illumina , che può essere controllata tramite software. Appena sopra troviamo il sensore di impronte digitali, anch'esso con una forma che difficilmente si è vista in altri smartphone.
La velocità di sblocco è nella media, ma come sempre abbiamo preferito utilizzare il rapido Face Unlock (che è disponibile su questo Red Magic 3S).

Particolarità di questo smartphone è la presenza di una piccola ventola interna per dissipare il calore, collocata sotto i fori che si trovano nella parte immediatamente sotto all'unica fotocamera a forma di "diamante" e al flash LED. In basso è presente il logo di Red Magic retroilluminato.
La colorazione che abbiamo provato si chiama Mecha Silver e ci è piaciuta molto, ma sono disponibili anche le varianti Eclipse Black e Cyber Shade.

Insomma, stiamo parlando di una backcover che si differenzia molto da quella degli altri smartphone, cercando di soddisfare i gusti dei videogiocatori. Noi abbiamo apprezzato particolarmente le scelte stilistiche effettuate da Nubia, ma possiamo comprendere che una certa tipologia d'utenza preferisca linee più sobrie. In ogni caso, va sicuramente sottolineata la volontà di sperimentare dell'azienda cinese, cosa piuttosto rara al giorno d'oggi.

Passando alla parte anteriore di Red Magic 3S, troviamo un pannello con aspect ratio 19,5:9 che dispone di bordi piuttosto evidenti. Sicuramente non è un display che punta allo screen-to-body ratio più elevato del mercato, ma tutto sommato questo consente di non avere alcun tipo di problema con la visualizzazione dei contenuti a schermo intero, visto che non ci sono notch o simili. Il LED di notifica si trova in alto a sinistra.
Interessante la presenza di altoparlanti sia nel bordo superiore che in quello inferiore. L'unica cosa da segnalare è il fatto che abbiamo trovato una pellicola pre-applicata non esattamente nel migliore dei modi (viene lasciata fuori una piccola porzione di schermo sulla destra).

Ci sono dettagli molto interessati a livello di connettività. Nella parte inferiore dello smartphone troviamo gli altoparlanti, il microfono e la porta USB Type-C, mentre nella parte superiore fa capolino unicamente il jack da 3,5 mm per le cuffie. Il lato destro ospita invece il tasto d'accensione, il bilanciere del volume, i fori per il sistema di dissipazione e due trigger. Questi ultimi servono chiaramente per "emulare" i tasti dorsali dei controller da gaming. In parole povere, l'obiettivo è quello di non dover utilizzare sistemi di controllo esterni.

Sulla sinistra fanno capolino il carrellino della SIM, il secondo microfono, uno slider in grado di attivare la modalità gaming (e di conseguenza il sistema di dissipazione) e dei PIN che servono per collegare il Magic Adapter, venduto a un prezzo di 46,90 euro sul sito ufficiale.
Quest'ultimo aggiunge un jack audio da 3,5 mm, una porta Ethernet (100Mb) e una porta USB Type-C. Insomma, si tratta di un accessorio che vuole consentire all'utente di non avere mai problemi in termini di connessione e batteria. Tirando le somme, Red Magic 3S è un dispositivo che si differenzia parecchio dagli altri presenti sul mercato e dobbiamo veramente fare un plauso a Nubia da questo punto di vista.

Caratteristiche tecniche

Red Magic 3S è spinto da un processore octa-core Qualcomm Snapdragon 855+ operante alla frequenza massima di 2,96 GHz (2 x 2,96 GHz + 3 x 2,42 GHz è 4 x 1,8 GHz), affiancato da una GPU Adreno 640 e 8GB di RAM LPDDR4X. Stiamo parlando di una configurazione che offre il meglio attualmente presente sulla piazza. C'è poco da dire: siamo dinanzi a uno dei dispositivi più potenti disponibili sul mercato.

Troviamo poi 128GB di memoria interna UFS 3.0 non espandibili. Questo non è un particolare problema visto l'ampio spazio disponibile, ma sicuramente potrebbe far storcere il naso a qualcuno, visto che i videogiochi tendono ad occupare sempre più spazio.

Passando al display, troviamo un ampio pannello AMOLED da 6,65 pollici con risoluzione Full HD+ (2340 x 1080 pixel), refresh rate di 90 Hz, aspect ratio 19,5:9 e supporto all'HDR. Qui Nubia ha fatto veramente un buon lavoro, realizzando un display che ben si adatta ai videogiochi. I colori hanno infatti un contrasto superiore alla media (di default è impostata la Colorful Mode, ma può essere cambiata dalle impostazioni) e riescono a dare un'ottima sensazione durante le sessioni di gioco. Questo, unita all'ottima luminosità, dà vita a un pannello soddisfacente. C'è anche una modalità Display Ambient che mostra un'anteprima delle notifiche quando lo schermo è spento.

Nessun problema ovviamente con l'ottimizzazione dell'aspect ratio, visto che stiamo parlando di un comune pannello senza notch. La scelta di Nubia è sensata, dato che permette di godersi a schermo intero tutti i titoli. Ottimo anche il refresh rate di 90 Hz, che si fa sentire in positivo e riesce a garantire una maggiore fluidità allo smartphone. Da segnalare però l'assenza delle certificazioni HDR 10 e Widevine DRM L1. Non è quindi possibile visualizzare i contenuti in HD su piattaforme come Netflix.

Veniamo ora a uno dei maggiori punti dolenti di Red Magic 3S: il comparto fotografico. Quest'ultimo dispone infatti unicamente di una fotocamera anteriore da 16MP (f/2.0) e di un singolo sensore posteriore Sony IMX586 da 48MP (f/1.7). Il primo può registrare video a 1080p/30 fps, mentre il secondo arriva addirittura a 8K/15fps (o 4K/60fps). La qualità dei video non è però delle migliori, visto che peccano di stabilizzazione e nei contesti con scarsa luminosità si vanno a perdere sin troppi dettagli.
Insomma, il supporto agli 8K/15fps, che Nubia tra l'altro dichiara in Beta e consiglia di utilizzare solamente all'esterno, sembra essere più una trovata di marketing che una funzionalità realmente utile.

Il software della fotocamera ha un design un po' confusionario che non riesce a convincere ed è disponibile solamente in lingua inglese. Tra le funzionalità disponibili troviamo Camera-Family, Pro, Notte e Bellezza. Insomma, l'applicazione non è delle migliori e alcuni utenti potrebbero voler installare altri software. Non parliamo comunque di nulla di grave, tutto sommato l'app Fotocamera si lascia utilizzare.

La qualità delle foto offerta dalla singola fotocamera posteriore è inferiore alla media della fascia di prezzo e non riesce a convincere per via di un'elaborazione delle immagini che va a snaturare fin troppo la scena reale. Il bilanciamento dei colori non è dei migliori e gli scatti di notte raggiungono a malapena la sufficienza. L'utilizzo dell'HDR riesce a migliorare un po' la situazione in determinati contesti, ma in linea generale siamo dinanzi a un comparto fotografico che non riesce assolutamente a competere con quelli degli altri smartphone di questa fascia di prezzo.

Gli scatti della fotocamera anteriore sono nella media. In ogni caso, il risultato finale può andare bene se non siete troppo esigenti e siete soliti utilizzare la fotocamera del dispositivo mobile solamente per effettuare qualche scatto da postare sui social. Potete vedere alcune foto non compresse consultando la nostra cartella Drive dedicata a Red Magic 3S.

Ottima invece l'autonomia garantita dalla batteria da ben 5000 mAh, che ci ha spesso consentito di arrivare a sera con il 35% di carica residua. Durante le settimane di prova abbiamo chiaramente stressato molto lo smartphone lato gaming e sicuramente con sessioni di gioco più "contenute" si può tranquillamente arrivare a due giorni.

Tutto ovviamente dipende da quanto utilizzate i LED, il sistema di dissipazione e tutte le varie possibilità offerte da Red Magic 3S. In ogni caso, sicuramente Nubia ha fatto un ottimo lavoro lato autonomia. Vi ricordiamo che è supportata la ricarica a 18W, che consente diverse ore di utilizzo con relativamente pochi minuti di ricarica.
Passando al lato connettività, troviamo il supporto a 4G LTE, Wi-Fi 802.11 a/b/g/n/ac e Bluetooth 5.0. Vengono quindi a mancare NFC e ricarica wireless. Ottimo il comparto audio, che dispone di un buon volume massimo ed è in grado di far percepire al meglio il suono anche quando si tiene lo smartphone in modalità landscape. Buona la ricezione, non abbiamo riscontrato alcun problema durante i nostri test.

Software

Red Magic 3S monta Android 9 Pie con patch di sicurezza risalenti al 5 agosto 2019. Il sistema operativo è essenzialmente stock: ci sono poche reali modifiche effettuate da Nubia. Troviamo uno sfondo "animato" che fa girare la ventola non appena si avvia lo smartphone e le varie impostazioni legate ai LED, alla docking station e alla registrazione dei video. Ad esempio, è possibile impostare pattern e colorazione della striscia e del logo presenti sulla backcover direttamente dalle impostazioni oppure passando per una comoda applicazione preinstallata.

Tralasciando l'ambito gaming, la personalizzazione messa in atto da Nubia sembra essere "pigra". Mancano infatti diverse traduzioni e il software dà l'idea di essere scarno in generale. Inoltre, la versione del software non è stata aggiornata e non si hanno informazioni in merito al possibile arrivo di un update ad Android 10.
In ogni caso, il software è sicuramente uno dei punti su cui bisogna lavorare di più e la poca cura riposta dall'azienda cinese da questo punto di vista non è sicuramente un aspetto positivo. Personalizzandolo con dei launcher e software vari il problema si riesce un po' ad arginare, ma purtroppo non possiamo avere informazioni dettagliate sugli aggiornamenti.

Prestazioni e benchmark

Le prestazioni di Red Magic 3S sono di alto livello rispetto al prezzo a cui è venduto. Il dispositivo è sicuramente nelle prime posizioni della classifica dei modelli più potenti in termini di "forza bruta".
Per gli amanti dei benchmark, pensate che lo smartphone ha fatto registrare un totale di 500345 punti su AnTuTu. Su Geekbench, invece, è arrivato a 785 punti in single-core e 2564 punti in multi-core. Insomma, numeri fuori scala, che hanno ben pochi competitor.
Per farvi un esempio concreto, ASUS Zenfone 6, smartphone venduto a un prezzo simile a quello di Red Magic 3S, fa segnare un totale di circa 380000 punti su AnTuTu.
Insomma, il dispositivo di Nubia offre delle prestazioni in grado di guardare anche al futuro.

Gaming

Arrivando al punto focale, abbiamo deciso di testare Red Magic 3S in ambito gaming principalmente con 5 titoli: Call of Duty Mobile, Aspalth 9, Need for Speed No Limits, Black Desert Mobile ed eFootball PES 2020.
Call of Duty Mobile gira in modo impeccabile su questo smartphone: si può impostare tranquillamente il preset "Max".

Siamo anche riusciti a far girare fluidamente il titolo di Tencent Games abilitando manualmente tutte le "opzioni secondarie" del caso, dalla profondità di campo al bloom, passando per le ombre in tempo reale e per l'anti-aliasing. Nessun lag e nessun problema durante le sessioni di gioco, fantastico.

Black Desert Mobile è un gioco particolarmente esoso di risorse, per un titolo che mostra un'elevata quantità poligonale a schermo. Ebbene, Red Magic 3S è riuscito a gestire in modo ottimale tutte le situazioni, senza mai presentare lag o cali di sorta.

Non è possibile settare al massimo dei dettagli il gioco, probabilmente per limitazioni volute dagli sviluppatori, ma si può utilizzare il preset Quality, che imposta tutto ad "Alto" e consente di godersi in maniera ottimale il titolo anche con visuale ravvicinata.

eFooball PES 2020 gira al massimo delle sue possibilità e si adatta bene all'ampio pannello dello smartphone, consentendo all'utente di avere un'ampia visuale del campo di gioco. Lo stesso vale per Need for Speed No Limits, che non dispone di opzioni grafiche personalizzate ma che gira ottimamente su Red Magic 3S.
Molto interessante Aspalth 9, che gira al massimo e rientra tra i titoli supportati ufficialmente dallo smartphone. Avviando il gioco è infatti possibile abilitare il 4D Shock, ovvero una vibrazione più precisa e avanzata rispetto a quella classica. Il sistema funziona piuttosto bene e garantisce un buon feedback.

Per il resto, la modalità gaming, attivabile tramite lo slider fisico presente sulla sinistra dello smartphone, consente di scegliere tra quattro preset che vanno a ottimizzare le performance (Auto Mode, GPU turbo, CPU turbo e Super Mode). Si possono poi impostare i trigger personalizzati, gestire i controller connessi, avviare WhatsApp in Picture-in-picture, far partire la ventola interna, bloccare i messaggi e le chiamate, effettuare degli screenshot, registrare dei video ed evitare aperture accidentali del pannello delle notifiche.

Non mancano inoltre dei dettagli sull'utilizzo della GPU, della CPU e della rete e sulle temperature interne. Presenti anche le opzioni per impostare la luminosità, per uscire dal gioco e per avviare la schermata Game Space, che funge da hub per tutti i titoli installati. Da qui è inoltre possibile accedere a varie impostazioni legate ai LED, alle ventole e al refresh rate (si possono, ad esempio, forzare i 90 Hz). Molto interessante anche la funzionalità RedMagic Time, che tiene in memoria gli screenshot e li suddivide per singolo gioco.
Insomma, stiamo parlando di una delle modalità gaming più complete del mercato, che non tralascia veramente nulla.

I 90 Hz del display aiutano molto la fluidità e tutti i test che abbiamo effettuato sono stati condotti con preset Super Mode attivato. Per quanto riguarda la ventola, essa non fa mai troppo rumore e non va a coprire il suono degli altoparlanti. Il sistema di dissipazione funziona molto bene e riesce sempre a mantenere buone le temperature. Insomma, sicuramente Nubia ha fatto un ottimo lavoro da questo punto di vista.

Passando ai trigger fisici presenti sul lato destro dello smartphone, essi vanno impostati manualmente e possono quindi essere potenzialmente utilizzati su qualsiasi gioco. Li abbiamo provati principalmente con COD Mobile e dobbiamo dire di esserci trovati bene, anche se ogni tanto qualche imprecisione è presente. In ogni caso, una vibrazione segnala all'utente quando è stato correttamente premuto un tasto "soft-touch", quindi non ci sono particolari problemi. Si tratta sicuramente di una soluzione interessante, anche se l'utilizzo di un controller esterno garantisce prestazioni migliori.

Red Magic 3S Red Magic 3S è lo smartphone da gaming che serviva al mercato. Stiamo infatti parlando di un dispositivo venduto a partire da 479 euro, che configura lo smartphone in una fascia di prezzo inferiore rispetto a quella dei principali concorrenti. Nonostante questo, Red Magic 3S è un vero smartphone da gaming che non si fa mancare praticamente nulla. I suoi punti di forza sono le ottime prestazioni (grazie anche al SoC Snapdragon 855+), il buon schermo con refresh rate di 90 Hz, le funzionalità dedicate al gaming (dalla striscia LED RGB che si illumina sul retro ai trigger), l'autonomia granitica (5000 mAh), il sistema di raffreddamento e gli accessori compatibili (come il Magic Adapter). Red Magic 3S non è però uno smartphone perfetto: le principali sbavature sono il software non esattamente curato, il comparto fotografico che non riesce a garantire risultati soddisfacenti, la memoria non espandibile e la mancanza dell’NFC. Insomma, il dispositivo non è probabilmente adatto a tutti, ma Red Magic 3S riesce a centrare esattamente il punto: offrire un ottimo smartphone da gaming a un prezzo tutto sommato accessibile rispetto a quello della concorrenza.

8.5