Samsung 870 EVO Recensione: memorie TLC per la massima durata nel tempo

La nuova linea di SSD SATA di Samsung punta sulle memorie TLC, che offrono una maggiore velocità e durata nel tempo, al netto dei limiti dell'interfaccia.

Samsung 870 EVO Recensione: memorie TLC per la massima durata nel tempo
INFORMAZIONI SCHEDA
Articolo a cura di

Gli SSD SATA sono sul viale del tramonto? Assolutamente no, nonostante i modelli M.2 NVMe su interfaccia PCIe offrano prestazioni nettamente superiori le unità di memoria con interfaccia SATA sono ancora molto diffuse e anzi, stanno progressivamente cambiando ambito di utilizzo. Fino a qualche anno fa erano impiegate come memorie principali in cui installare Windows, oggi invece, complice il progressivo abbassamento dei prezzi, sono sempre più utilizzate come unità di backup o per la conservazione di grandi quantità di dati.
Col tempo, e con i costi sempre più bassi delle memorie NAND, gli SSD SATA potrebbero sostituire i dischi meccanici, ormai troppo lenti per le esigenze di chi deve spostare e salvare molti TB di dati. Ecco perché Samsung continua ad aggiornarli e a migliorarli, creando prodotti con capacità di memorizzazione sempre maggiori e con una più elevata durata nel tempo. Il nuovo Samsung 870 EVO deve essere inquadrato in questa direzione, visto che utilizza le più veloci e durature memorie TLC, al posto delle più economiche QLC della variante 870 QVO.

Una tecnologia ormai matura

Aspettarsi miglioramenti sostanziali nell'evoluzione degli SSD SATA è impossibile. Questa interfaccia ha dei limiti ben precisi in quanto a velocità di trasferimento, già ampiamente raggiunti e superati dagli SSD su interfaccia PCIe, come abbiamo visto nella recensione del Samsung 980 Pro. Con la gamma 870 EVO tuttavia Samsung vuole spingere le prestazioni e la durata della memoria nel tempo al massimo, grazie all'impiego di memorie V-NAND TLC a 128 strati di sesta generazione, disponibili nei tagli da 250 - 500 GB o 1, 2, 4 TB, in coppia con un controller MKX. Tutte le nuove varianti sono garantite 5 anni, contro i 3 anni di molti SSD in commercio, proprio per la maggiore qualità delle memorie impiegate.

La gamma è dotata di memoria LPDDR4 dedicata, che funziona da cache e permette alle prestazioni di mantenersi elevate durante le operazioni di I/O. Il modello che abbiamo testato, da 500 GB, ne ha 512 MB, ma salgono a un 1 GB per la variante da 1 TB e a 2 e 4 GB rispettivamente per i tagli da 2 e 4 TB.
Queste caratteristiche permettono all'SSD di non andare in difficoltà anche quando si trasferiscono grandi quantità di dati, ovviamente fino a un certo punto, file di dimensioni elevate possono far abbassare di molto le prestazioni, ma in generale nell'utilizzo quotidiano è difficile saturare questo 870 EVO. Samsung dichiara una capacità di lettura sequenziale di 560 MB/s, mentre la scrittura dovrebbe arrivare a 530 MB/s, valori che non siamo riusciti a raggiungere nei nostri test, svolti su un PC composto da Ryzen 5950X, scheda madre ROG Hero VIII Wi-FI e 16 GB di RAM a 3600 MHz.

Sia con CrystalDiskMark che con ATTO Benchmark siamo rimasti sotto ai valori dichiarati, ma è impossibile replicare le condizioni di test in cui Samsung ha provato i suoi SSD, basta una piccola differenza nella metodologia di prova e non si raggiungono i picchi di velocità, ottenibili solo in determinate condizioni. I valori che abbiamo rilevato rimangono comunque ai vertici della categoria, ovviamente il limite rimane l'interfaccia SATA, che non permette di spingere le prestazioni a livelli più elevati.

Samsung 870 EVO Il mercato degli SSD SATA ha ormai poco da dire sul fronte delle prestazioni, i fattori determinanti sono diventati il prezzo in rapporto alla dimensione della memoria e la durata nel tempo. Sul fronte prezzo Samsung propone questo modello da 500 GB a 75.99 su Amazon Italia, una cifra più alta rispetto a molti altri concorrenti, che però puntano spesso su memorie meno affidabili nel corso del tempo e dalle prestazioni inferiori in determinati contesti, come ad esempio la copia di file di grandi dimensioni. Bisogna però sottolineare che la gamma 870 EVO è arrivata da poco sul mercato, per cui col passare del tempo diventerà più accessibile anche nel prezzo, troppo elevato per fare gola a chi è in cerca di un SSD senza troppe pretese.