Samsung 980 Pro Recensione: l'SSD più veloce che si possa comprare

Samsung ha creato un SSD consumer dalla velocità estrema, proposto a un prezzo elevato ma commisurato alle prestazioni.

recensione Samsung 980 Pro Recensione: l'SSD più veloce che si possa comprare
INFORMAZIONI SCHEDA
Articolo a cura di

Gli SSD NVMe M.2 su interfaccia PCI Express hanno rivoluzionato il settore dello stoccaggio dei dati. Nel giro di pochi anni dalla loro introduzione le prestazioni di lettura e scrittura sono incredibilmente migliorate, anche il mondo console si è adeguato allo standard con PS5 e Xbox Series X, e lo ha fatto ancora prima di una diffusione di massa di questa tecnologia su PC. Oggi molti gamer puntano ancora sugli SSD SATA, una scelta al ribasso nelle prestazioni ma per molti obbligata, visto il costo decisamente più accessibile, almeno nei tagli più grandi.
L'interfaccia SATA purtroppo è un limite invalicabile che non permette di salire con le prestazioni, ecco perché chi desidera la massima velocità deve andare sugli SSD NVMe con standard PCI Express, che possono contare già da tempo sulla revisione 4.0 di questo standard. Grazie ad esso la velocità cresce enormemente, ma se si vuole ancora di più bisogna puntare su modelli come il Samsung 980 Pro, l'SSD consumer attualmente più veloce sul mercato.

Alla massima velocità

Il pack di vendita del Samsung 980 Pro è molto basilare e include al suo interno il solo SSD, insieme al classico manuale di istruzioni. In passato avevamo visto dei bundle con dei software di gestione del disco, oppure, almeno nella concorrenza, l'inclusione nella scatola di un heatsink per il raffreddamento, ma bisogna dire che le schede madri con supporto allo standard PCIe 4.0 sono ben fornite sul fronte della dissipazione, essendo prodotti normalmente di fascia medio-alta. Non ci sono differenze nell'aspetto rispetto a prodotti simili, quello che cambia sono le memorie e l'elettronica presente sul PCB.
Samsung 980 Pro è disponibile nei tagli da 250 e 500 GB, oppure da 1 o 2 TB (la variante da 2 TB non è ancora arrivata sul mercato). Tutto i modelli sono basati su standard PCIe 4.0 x4, utilizzano delle memorie Samsung 128L 3D TLC e un controller di memoria Samsung Elpis realizzato ad 8 nm.

Trattandosi di SSD di fascia alta troviamo un buffer di RAM LPDDR4, di 512 MB per i tagli da 250 e 500 GB, che sale a 1 GB per quello da 1 TB e 2 GB per il top di gamma da 2 TB. Ovviamente presente anche una cache SLC, che nel modello da 1 TB che abbiamo testato varia dai 6 ai 114 GB. Le specifiche, sempre per il nostro sample di prova da 1 TB, indicano una velocità in lettura sequenziale di 7000 MB/s, mentre in scrittura si arriva a 5000 MB/s.

Si tratta di numeri abbastanza impressionanti, soprattutto se si pensa che queste velocità dichiarate sono ottenute senza compressione dei dati. Quando tecnologie come RTX I/O di NVIDIA, basate sulle API DirectStorage di Microsoft, saranno utilizzate su larga scala su PC, il connubio tra una GPU e un SSD PCIe 4.0 come questo porterà a velocità di lettura ancora più elevate e tutte da scoprire, almeno in campo gaming.

Per ora non possiamo ancora testare questa funzionalità, i dati che abbiamo ottenuto con CrystalDiskMark e con ATTO Benchmark tuttavia mostrano già oggi una velocità di lettura sequenziale davvero molto buona, che con la nostra configurazione di prova, composta da processore Ryzen 5900X e da scheda madre ROG Maximus Hero VIII, ha toccato i 6390 MB/s in lettura sequenziale, il valore più alto che abbiamo mai riscontrato, ma che non raggiunge quello dichiarato da Samsung.

Purtroppo raggiungere il picco di velocità dichiarato non è affatto semplice, perché la velocità di lettura-scrittura varia in base al tipo di dati letti, o al benchmark utilizzato, sono molti i fattori che vanno a incidere sulle prestazioni. In scrittura sequenziale il nostro picco è stato di 4964 MB/s, ma anche qui molto dipende dal tipo di carico a cui è sottoposto il disco, non sempre si raggiungono, come del resto accade in tutti gli SSD.
Sulla base della nostra prova quindi possiamo affermare che Samsung ha creato l'SSD consumer più veloce che abbiamo provato finora, ma come sempre quando si parla di SSD la velocità di picco non va confusa con quella ottenibile nell'utilizzo quotidiano, che può variare anche di molto in base al carico di lavoro richiesto.

Samsung 980 Pro Samsung 980 Pro è davvero l’SSD più veloce che abbiamo provato finora. Fino a questo momento non avevamo mai superato i 6000 MB/s con CrystalDiskMark, inoltre i 5 anni di garanzia sono un vantaggio in più per questo prodotto. I numeri però vanno presi con le pinze, lo dimostra il fatto che i 7000 MB/s dichiarati da Samsung non siamo riusciti a raggiungerli, a conferma che lo scenario di prova, o di utilizzo quotidiano, possono variare molto le prestazioni degli SSD. Resta il fatto che in quanto a velocità il 980 Pro non ha attualmente rivali, il prezzo di questa versione da 1 TB, di circa 320€, è elevato, ma commisurato alla caratura del prodotto, sicuramente di alto livello.

8.7